1 Dicembre, 2022

Norme e uso degli spazi nel post pandemia

Tempo di lettura: 6 minuti

La pandemia da Covid 19 ci ha lasciato in eredità diverse questioni su cui è utile e sarà utile confrontarsi nei mesi e negli anni a venire. A valle di un periodo contraddistinto da reazioni rapide in ambito di policy e di decisione pubblica (in campo sanitario, economico, scolastico e lavorativo) e, successivamente, anche di numerose elaborazioni e riflessioni nel campo della ricerca e del dibattito scientifico, oggi dobbiamo fare i conti con la sfaccettata eredità della fortissima accelerazione impressa dalla pandemia a una serie di fenomeni e tendenze già in corso.

La ormai vasta riflessione collettiva sulla pandemia e i suoi effetti in termini di policy si è interrogata molto sulle dinamiche di continuità e discontinuità con le tendenze del periodo pre-pandemico che guardando a possibili evoluzioni future. Alcuni hanno sottolineato come l’unicità di un fenomeno come la pandemia globale, che ha costretto quasi tutti i governi del mondo a proporre misure mai viste prima, in termini di restrizioni al movimento prima, e di vaccinazioni di massa e forme di ristoro e rilancio economico poi, non abbia paragoni, e costituisca quindi un interessante campo di analisi perché ha costituito senz’altro una rottura con il passato. Altri, al contrario, sottolineano come alcune linee di tendenza (in particolare, per quanto riguarda l’utilizzo diffuso delle tecnologie digitali, il lavoro a distanza, forme di controllo e sorveglianza della popolazione, …), fossero già in corso da tempo, in alcuni casi sottotraccia, e che quindi la pandemia e le restrizioni a essa collegate abbiano di fatto agito da acceleratore, e, in alcuni casi, da meccanismo di disvelamento, di processi strutturali in atto da tempo.

In queste note vorrei riflettere brevemente su alcune dinamiche di continuità e discontinuità, assumendo due differenti punti di vista, che hanno entrambi a che vedere con la dimensione spaziale e territoriale. La natura delle decisioni che riguardano lo spazio (e gli spazi) sono infatti utili per comprendere le risposte individuali e collettive di fronte a situazioni di difficoltà e a dilemmi decisionali. Il primo ambito di riflessione riguarda le forme di regolazione e le norme con cui le amministrazioni, nazionali e locali, hanno dato risposte nelle prime settimane emergenziali e nei successivi mesi di progressivo, e non lineare, ritorno alla normalità. Il secondo ambito, più specifico, riguarda invece le geografie emergenti del lavoro e della residenza, che, pur con contorni ancora molto incerti, sembrano delinearsi.

Figura 1 – Cartello di chiusura attività durante il lockdown

Per il primo aspetto, la necessità di regolare, in modo inaspettato ed emergenziale, i comportamenti delle persone e lo svolgimento delle attività, in particolar modo nei momenti iniziali e più gravi della diffusione della pandemia, ha messo in luce alcune scelte, apparentemente di forte discontinuità: ad esempio, la scelta, senza precedenti, di limitare fortemente la libertà di movimento dei cittadini e di porre restrizioni funzionali, operative e fisiche alle attività economiche. Se questa regolazione di emergenza non può che essere vista come una forte discontinuità rispetto al passato (nei mesi più pesanti della pandemia i media non hanno mancato di sottolineare come misure di una simile gravità non fossero state assunte da molti decenni nel nostro Paese), d’altro canto la capacità di governare un fenomeno inaspettato e di vasta portata, e di prendere quindi decisioni pertinenti è fortemente correlata con la capacità istituzionale e amministrativa pregressa. Nel nostro Paese, e non solo, più che la discontinuità decisionale di fronte a una situazione senza precedenti, abbiamo invece potuto vedere come la scarsa capacità istituzionale e di governo di fenomeni complessi, che contraddistingue da lungo tempo molti ambiti di politica pubblica, abbia determinato la qualità della risposta.

Per il secondo aspetto, abbiamo a che fare con un fenomeno di scala e portata ampiamente superiori alla fase di emergenza pandemica, e i cui contorni avevano in effetti iniziato a delinearsi già nel corso degli ultimi anni. La diffusione delle tecnologie digitali da un lato, e forme di riorganizzazione del lavoro legate all’economia della conoscenza dall’altro avevano da tempo iniziato a rendere più fluida e meno rigida la relazione tra lavoratori e luoghi di lavoro, pur con molte, significative, differenze dovute al settore, alla mansione, al livello di formazione, al genere e all’età dei lavoratori. Lo scardinamento della relazione biunivoca tra lavoratore e sede di lavoro aveva iniziato a diffondersi per i lavoratori della conoscenza (in particolare quelli impiegati nelle produzioni culturali e creative) nelle città e nelle aree metropolitane globali, portando alla diffusione di nuovi luoghi di lavoro, e, più in generale, a un allentamento del radicamento in specifici contesti territoriali.

La pandemia da Covid-19, come sappiamo, ha impresso una fortissima accelerazione a questa tendenza, agendo, in modo non necessariamente simultaneo, su diversi livelli e ambiti: la sperimentazione della possibilità di lavoro da remoto per una porzione molto più ampia di lavoratori, non solo digitali, creativi e giovani ha costituito un primo fattore di cambiamento. Allo stesso tempo, il lungo momento di sospensione legato alle restrizioni pandemiche ha innescato in molte persone un desiderio di focalizzarsi maggiormente su aspetti della vita non direttamente correlati con la dimensione lavorativa, portando quote crescenti della popolazione a percepire una differente relazione tra tempi e luoghi, di vita e di lavoro.

Tutto questo sta portando a un progressivo ridisegno delle forme di concentrazione e diffusione delle geografie del lavoro e quindi della residenza, sul territorio italiano, pur a fronte di significative spinte a ripristinare lo status quo. La scelta di trascorrere più tempo al di fuori delle principali città, forme di bi- o multi-residenzialità, il rientro più o meno temporaneo verso le zone d’origine, una differente fruizione delle aree turistiche e del vasto patrimonio di seconde case sottoutilizzate sembrano delineare infatti geografie differenti dal passato, anche se vi sono ancora pochi elementi per poter correttamente interpretare linee di tendenza di lungo periodo.

Dall’intreccio di continuità e discontinuità, e dalla lettura di queste dinamiche nello spazio, negli spazi e nei territori della vita quotidiana, emergono quindi molte domande per il futuro. Da un lato, dobbiamo chiederci come rafforzare le capacità di governo, non solo in caso di fenomeni inaspettati e potenzialmente devastanti, ma soprattutto nella quotidianità delle scelte che riguardano le città e i territori; dall’altro, immaginare modi in cui apprendere dall’eccezionalità dell’evento pandemico, e rendere permanenti competenze e conquiste acquisite, in modo da diffonderne al massimo i potenziali benefici, senza creare ulteriori fratture e fragilità, o approfondire dinamiche di diseguaglianza già in atto.

Carolina Pacchi
Carolina Pacchi
Professoressa associata di Politiche Urbane al Politecnico di Milano, dove coordina il Corso di Laurea Magistrale in Urban Planning and Policy Design. Ha svolto attività di ricerca sulla trasformazione della governance urbana nelle città europee, sulle forme di attivismo dal basso a livello locale ed è impegnata in una ricerca sulla trasformazione delle geografie del lavoro e sui loro impatti sui territori in Italia e in Europa. È stata coinvolta in numerosi progetti di ricerca europei sulla governance nelle politiche di sviluppo urbano, ambientale e locale.

Articoli correlati

Come va la vita in paese? Resilienza economica e reazione durante i lockdown pandemici

Sebbene le pandemie siano state un problema ricorrente nella storia, la pandemia COVID-19 presenta alcune caratteristiche mai sperimentate prima. L'essere umano è sopravvissuto a guerre, catastrofi naturali e shock economici, dimostrando sempre capacità di adattamento a nuove situazioni. Come reagiamo alle situazioni emergenti? Come ha reagito la popolazione dei piccoli comuni durante le forti restrizioni? Quali sono stati i comportamenti di resilienza? Esploriamo questi aspetti attraverso una analisi dei contenuti dei messaggi Twitter.

(Post) Covid: Quali cambiamenti per le città e i territori?

Nel mezzo della pandemia un adagio spesso ripreso nella conversazione pubblica recitava che ne saremmo usciti migliori. Abbiamo considerato la crisi sanitaria come possibile agente di cambiamento in grado di orientare in modo originale i comportamenti collettivi, auspicabilmente in meglio. La pandemia non è ancora terminata, ma è già possibile un primo bilancio a partire da alcuni ambiti della vita sociale ed economica: il lavoro, il commercio, il turismo e il mercato immobiliare.

Lavoro a distanza e near working: quale futuro?

La pandemia Covid-19 ha accelerato il lavoro a distanza e promosso il near working. Oggi i lavoratori della conoscenza tendono a lavorare presso la propria abitazione ma i “nuovi luoghi del lavoro” si stanno sempre più affermando come alternativa alla casa e all’ufficio. Nel 2021 il 46% degli spazi di coworking intervistati in Italia ha ospitato nomadi digitali e il 65% lavoratori a distanza. I decisori politici stanno riconoscendo il ruolo sociale di tali spazi, sia nelle grandi città come Milano, che nelle aree periferiche del Paese dove sono promossi i “presidi di comunità”.

Il turismo tra cambiamento e ritorno al passato

Durante la pandemia, il settore del turismo ha vissuto tre fasi: il fermo improvviso, poi un breve periodo nel quale ha considerato il lockdown come un’opportunità per riformarsi in maniera sostenibile, ed infine la ripartenza tornando a correre più veloce di prima, con un impatto spesso pesante e disomogeneo sui territori turistici. Oggi, al settore turistico italiano manca ancora quella capacità di governo e di coordinamento delle destinazioni che la complessità del prodotto turistico rende necessaria.

Pandemia e regolazione del suolo pubblico: temi e questioni aperte

Nell’attuale quadro evolutivo, la regolazione del suolo pubblico rappresenta un rilevante ambito di intervento strategico per il sistema decisionale a scala locale nel difficile equilibrio tra obiettivi di tutela del patrimonio storico-culturale, obblighi di fiscalità locale, motivi imperativi di interesse generale, istanze di liberalizzazione del terziario di mercato e le nuove e inedite progettualità dello spazio pubblico.