2 Dicembre, 2022

Pandemia e regolazione del suolo pubblico: temi e questioni aperte

Tempo di lettura: 5 minuti

Il contesto di criticità e di crisi generato e spesso accelerato dall’emergenza sanitaria Covid-19 apre una serie di riflessioni interpretative su possibili scenari futuri che, a partire da tendenze già in atto e dalle mutate condizioni connesse alla riduzione della domanda e della mobilità sul territorio, alla caduta delle barriere all’acquisto online, all’alterazione dei flussi e delle dinamiche competitive dei canali distributivi – con un incremento dei servizi di prossimità durante il lockdown e un sostanziale ridimensionamento (downsizing) dei format urbani di offerta – prefigurano alcune azioni di consolidamento e strategie di risposta “fisica” delle città.

Le tendenze sono orientate sia alla ridefinizione dell’uso degli spazi della città pubblica capace di creare opportunità di tenuta e di sviluppo per i servizi commerciali, ricreativi, culturali, sportivi, sia a interventi integrati connessi al rilancio di una qualità dell’abitare meno polarizzata, al consolidamento delle distrettualità urbane e all’uso dei progetti di rigenerazione urbana e territoriale come forma inedita di riposizionamento competitivo.

Tabella 1 – Il contesto e le strategie di risposta. Fonte: Tamini L. (2020), “Strategie di adattamento e politiche attive: nuove relazioni e temi emergenti” in Capuis R. (a cura di), Le attività economiche nella città post-Covid. Riflessioni sulla rigenerazione urbana, Settore Urbanistica e Rigenerazione urbana, Confcommercio, Roma

In questo quadro evolutivo, la regolazione del suolo pubblico – in un contesto sempre più caratterizzato da gravitazioni dell’utenza alla scala minuta delle reti e delle relazioni – rappresenta in prospettiva un rilevante ambito di intervento strategico per il sistema decisionale a scala locale tra obiettivi di fiscalità locale, motivi imperativi di interesse generale e istanze di liberalizzazione del terziario di mercato. L’uso plurale e integrato dello spazio pubblico si intreccia infatti con i temi di governo e di gestione unitaria e coordinata delle città, a partire da esigenze diverse e spesso non coincidenti, nel difficile equilibrio tra vincoli di bilancio comunale, libertà di iniziativa economica, fruibilità e attrattività dei tessuti urbani e tutela del patrimonio storico-architettonico e culturale, in coerenza con l’attuale quadro normativo comunitario e statale.

Nell’attuale fase di proroga delle semplificazioni fino al 31 dicembre 2022 in materia di autorizzazioni di concessioni temporanee del suolo pubblico e osservando con attenzione le modalità di trattamento del tema da parte di numerosi Comuni italiani nella fase ex post l’emergenza Covid-19 (es. mantenimento degli spazi pubblici concessi durante l’emergenza sanitaria; esonero, riduzione oppure ripristino dei canoni patrimoniali unici di occupazione suolo; rilascio di concessioni su stalli di sosta veicolare) si possono prefigurare alcune linee di indirizzo e di azione progettuale futura per la definizione di progetti-pilota comunali.

In primo luogo, emerge la necessità di stabilizzare le sperimentazioni attuate in questi anni di contrazione e di transizione attraverso la definizione di nuovi regolamenti comunali che intendano armonizzare il complessivo processo autorizzatorio del suolo pubblico attraverso:

  • modalità semplificate per le occupazioni con strutture leggere prontamente amovibili e con strutture semirigide amovibili;
  • condizioni di premialità per le occupazioni con dehors, all’interno di un processo autorizzatorio maggiormente articolato, sul tema integrato della qualità urbana dello spazio pubblico focalizzato sulla necessaria interazione tra i profili di accessibilità, la dimensione sociale, ambientale e urbanistica degli interventi, la responsabilità e cura delle imprese e dei corpi intermedi;
  • promozione di progetti condivisi relativi a diverse proposte di occupazione suolo pubblico in un determinato ambito urbano da parte di una pluralità di operatori (come nel caso milanese in alcuni principali addensamenti di offerta di esercizi di somministrazione): strumento che ha consentito in alcuni contesti urbani di trasformare spazi prima inutilizzati, di rendere più sicuri luoghi prima non presidiati, di reinterpretare interi quartieri nell’ottica di rafforzare la prossimità attraverso un concreto coordinamento fra imprese, amministrazione comunale e gli altri attori del territorio come i Municipi, i Distretti urbani del commercio, le associazioni di categoria, i consorzi integrati di via.

In definitiva, nello scenario attuativo della Direttiva Servizi comunitaria – che giustifica un intervento regolativo e pianificatorio in ambito economico solo in presenza di oggettivi e argomentabili “motivi imperativi di interesse generale” e sempre nel rispetto dei principi di non discriminazione e proporzionalità – emerge quindi la necessità di ripensare le pratiche di regolazione del suolo pubblico in un’ottica di sostenibilità sociale, economica e urbanistica degli interventi, orientate a un approccio qualitativo e valutativo dell’impatto spaziale sui tessuti urbani e riconoscendo a questi regolamenti la natura di strumenti di progetto dello spazio pubblico.

Ulteriori approfondimenti

Tamini L. (2020), “Strategie di adattamento e politiche attive: nuove relazioni e temi emergenti” in Capuis R. (a cura di), Le attività economiche nella città post-Covid. Riflessioni sulla rigenerazione urbana, Settore Urbanistica e Rigenerazione urbana, Confcommercio, Roma, p. 28-35.

Tamini L (2022), “PNRR, distrettualità e prossimità: temi e questioni aperte”, Conferenza Scientifica Annuale AISRe Città e Regioni in transizione, sessione “PNRR e servizi di prossimità. Quali le sfide a scala regionale?”, Milano, 7 settembre.

Decreto-Legge 23 settembre 2022, n. 144 “Ulteriori misure urgenti in materia di politica energetica nazionale, produttività delle imprese, politiche sociali e per la realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)”, c.d. “Aiuti-ter” (in vigore dal 24 settembre 2022 con uno stanziamento di circa 14 miliardi di euro da parte del Governo Draghi), G.U. Serie Generale n. 223 del 23.09.2022.

Luca Tamini
Luca Tamini
Professore associato di Urbanistica e responsabile scientifico del Laboratorio URB&COM – Urbanistica e Commercio del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano, svolge attività di ricerca e di formazione occupandosi di politiche del territorio, con particolare riferimento alla regolazione urbanistica, alla gestione distrettuale delle attività economiche urbane e al riuso funzionale delle attività commerciali dismesse. PhD. in Pianificazione territoriale e ambientale, è revisore della ricerca-ANVUR per la valutazione dei prodotti VQR, referee delle riviste scientifiche Cities e Territorio, membro dei comitati scientifici della rivista scientifica Trasporti&Cultura e della collana Politecnica di Maggioli Editore e co-direttore scientifico della collana “Innovazione e spazio pubblico” di Bruno Mondadori.

Articoli correlati

Come va la vita in paese? Resilienza economica e reazione durante i lockdown pandemici

Sebbene le pandemie siano state un problema ricorrente nella storia, la pandemia COVID-19 presenta alcune caratteristiche mai sperimentate prima. L'essere umano è sopravvissuto a guerre, catastrofi naturali e shock economici, dimostrando sempre capacità di adattamento a nuove situazioni. Come reagiamo alle situazioni emergenti? Come ha reagito la popolazione dei piccoli comuni durante le forti restrizioni? Quali sono stati i comportamenti di resilienza? Esploriamo questi aspetti attraverso una analisi dei contenuti dei messaggi Twitter.

(Post) Covid: Quali cambiamenti per le città e i territori?

Nel mezzo della pandemia un adagio spesso ripreso nella conversazione pubblica recitava che ne saremmo usciti migliori. Abbiamo considerato la crisi sanitaria come possibile agente di cambiamento in grado di orientare in modo originale i comportamenti collettivi, auspicabilmente in meglio. La pandemia non è ancora terminata, ma è già possibile un primo bilancio a partire da alcuni ambiti della vita sociale ed economica: il lavoro, il commercio, il turismo e il mercato immobiliare.

Lavoro a distanza e near working: quale futuro?

La pandemia Covid-19 ha accelerato il lavoro a distanza e promosso il near working. Oggi i lavoratori della conoscenza tendono a lavorare presso la propria abitazione ma i “nuovi luoghi del lavoro” si stanno sempre più affermando come alternativa alla casa e all’ufficio. Nel 2021 il 46% degli spazi di coworking intervistati in Italia ha ospitato nomadi digitali e il 65% lavoratori a distanza. I decisori politici stanno riconoscendo il ruolo sociale di tali spazi, sia nelle grandi città come Milano, che nelle aree periferiche del Paese dove sono promossi i “presidi di comunità”.

Il turismo tra cambiamento e ritorno al passato

Durante la pandemia, il settore del turismo ha vissuto tre fasi: il fermo improvviso, poi un breve periodo nel quale ha considerato il lockdown come un’opportunità per riformarsi in maniera sostenibile, ed infine la ripartenza tornando a correre più veloce di prima, con un impatto spesso pesante e disomogeneo sui territori turistici. Oggi, al settore turistico italiano manca ancora quella capacità di governo e di coordinamento delle destinazioni che la complessità del prodotto turistico rende necessaria.

Norme e uso degli spazi nel post pandemia

A valle del periodo pandemico, durante il lungo e incerto ritorno alla normalità, è possibile riflettere su quanto le risposte di politica pubblica e le spinte all’innovazione che provengono dalle società locali confermino dinamiche di lungo periodo legate alla capacità istituzionale, alle forme di conoscenza e di apprendimento sociale e alle possibilità innovazione, o quanto esse costituiscano potenziali discontinuità e aperture, preziose per immaginare traiettorie future differenti.