2 Dicembre, 2022

Una call aperta a tutta la comunità AISRe

Tempo di lettura: 3 minuti

Il titolo della rivista DiTe sintetizza dinamiche territoriali. La rivista ha del resto questo scopo: indagare ciò che di nuovo distingue città e territori a partire dal contributo delle scienze sociali.
DiTe è anche un invito a manifestarsi, a proporsi per dire la propria opinione, per illustrare una ricerca o per discutere una politica o una decisione pubblica.

La rivista è aperta a coloro che ritengono di avere un contributo da offrire al dibattito.

La collaborazione con la rivista può avere due forme. La prima prevede la candidatura a promuovere un gruppo di articoli coordinato rispetto a un tema. La proposta dovrà essere inviata alla direzione e al Comitato di redazione e in questa sede verrà valutata per la sua accettazione.

Il numero degli articoli coordinati potrà variare orientativamente da un minimo di tre a un massimo di sei. In caso di riscontro positivo, il proponente avrà cura di coordinare gli articoli con la direzione o con uno dei membri del CdR.

La seconda forma di collaborazione prevede contributi di carattere puntuale che possono riguardare interventi su temi di attualità, recensioni di ricerche e studi, repliche e integrazioni a precedenti articoli apparsi sulla rivista.

Anche in questo caso la proposta dovrà essere inviata alla direzione e al Comitato di redazione e in questa sede verrà valutata per la sua accettazione.

I contributi alla rivista devono avere una lunghezza orientativamente compresa tra quattro e seimila caratteri. Le recensioni di saggi e ricerche avranno una dimensione più contenuta compresa tra duemila e quattromila caratteri.

Per ogni richiesta di approfondimento non esitate a contattarci presso la nostra casella di posta elettronica:
info@dite-aisre.it.

Aspettiamo le vostre proposte e i vostri contributi.

La Redazione


Norma redazionali


Gli articoli proposti per la pubblicazione devono essere sottomessi dagli autori al Comitato di redazione all’indirizzo di posta elettronica: info@dite-aisre.it.

Prima di procedere con la stesura dell’articolo, è possibile inviare una mail descrivendo l’argomento che si vuole proporre insieme ad un breve abstract che la redazione esaminerà in breve tempo.

Il file contenete il testo del paper deve conformarsi alle seguenti norme redazionali:

1) Impostazione del testo
Ogni lavoro deve avere una lunghezza compresa fra le 4.000 e le 7.000 battute (spazi esclusi). Il testo deve essere impostato sul template della rivista

2) Abstract
Ogni articolo deve essere fornito di un abstract di massimo 600 battute (spazi esclusi) in cui sono contenuti i punti salienti del lavoro.

3) Parole chiave
Alla fine dell’abstract devono comparire massimo 4 parole chiave che indichino con chiarezza gli argomenti trattati.

4) Immagini
Ogni lavoro deve avere un minimo di 3 immagini (scelte fra fotografie, grafici e/o tabelle), indicando la preferenza sull’immagine copertina che verrà utilizzata nella newsletter.
Le immagini vanno inserite nel testo e fornite su file a parte del tipo JPEG o PNG ad elevata risoluzione (risoluzione minima 300 dpi).

5) Biografia
Ogni lavoro deve avere in calce all’articolo una sintetica biografia (massimo 500 caratteri spazi esclusi) con foto ad alta risoluzione (400 dpi)

Template
L’articolo prima della sottomissione dovrà essere formattato secondo le indicazioni riportate in questa pagina. Per agevolare il lavoro utilizza il template in Word disponibile per il download.

Articoli correlati

Disparità sociali ed economiche del post Covid. Quali sfide per i territori?

In questo numero della rivista DiTe online presentiamo un primo gruppo di contributi tratti dal volume dal titolo “The regional challenges in the post-Covid era”, curato da Annalisa Caloffi, Marusca De Castris e Giovanni Perucca per la collana Scienze Regionali di FrancoAngeli. Il volume raccoglie alcuni contributi presentati nella conferenza AISRe 2021, in cui vari scienziati regionali e urbani hanno discusso vari aspetti della cosiddetta ‘nuova normalità’ del post-Covid. Questo primo gruppo di saggi analizza diverse dimensioni delle disparità socioeconomiche generate o esacerbate dalla pandemia, discutendone l'evoluzione sia a livello locale sia all'interno dei luoghi.

Rischio povertà e Covid-19: un’analisi dei fattori di fragilità a livello territoriale

Nel 2020 la crisi innescata dalla pandemia dovuta al Covid-19 ha avuto un effetto cruciale in termini socioeconomici con un forte impatto sui rischi di povertà. Tuttavia, questi rischi non si sono distribuiti uniformemente nella popolazione e nel contesto territoriale italiano ma hanno colpito maggiormente le famiglie che erano (o si sentivano) già povere prima della pandemia. In particolare, i soggetti che sembrano aver subito gli effetti più consistenti sono sia quelli che vivono nei comuni di medio-piccole dimensioni delle aree del Nord e del Centro sia i lavoratori meno tutelati nel mercato del lavoro, ossia i lavoratori autonomi e a seguire i non occupati e i lavoratori precari.

La città in era (post) covid tra tendenze centrifughe e cambiamenti funzionali

La pandemia da Covid-19 ha rappresentato un momento di trasformazione, oltre che sul piano sanitario, anche su quello economico e dei comportamenti sociali alcuni dei quali in grado di indurre modifiche, talvolta permanenti. Il fatto di trascorrere molto più tempo all’interno della propria abitazione ha alimentato una nuova domanda abitativa e un maggiore interesse verso quei contesti in grado di offrire una elevata qualità della vita. Pertanto, alcuni territori stanno diventando più appetibili beneficiando di un nuovo equilibrio tra costo dell’abitare e costo del pendolarismo, e dall’altro nelle città potrebbero innescarsi alcuni cambiamenti che potrebbero coinvolgere anche la loro configurazione funzionale.

Sviluppo urbano tra abusivismo e disuguaglianze: il caso di Roma

Negli ultimi decenni, le principali città italiane sono interessate da un processo di spopolamento delle aree centrali e dal progressivo aumento degli abitanti nelle periferie e nei comuni dell'hinterland, legati a processi di riorganizzazione spaziale che coinvolgono le attività economiche a concentrarsi nei centri urbani. La città di Roma, al centro di questo lavoro, rappresenta un caso di studio privilegiato perché le dinamiche territoriali e di marginalità’–abitativa, economica e sociale–verificatesi negli ultimi decenni, possono essere considerate rappresentative delle tendenze globali anche in ambito elettorale

Come va la vita in paese? Resilienza economica e reazione durante i lockdown pandemici

Sebbene le pandemie siano state un problema ricorrente nella storia, la pandemia COVID-19 presenta alcune caratteristiche mai sperimentate prima. L'essere umano è sopravvissuto a guerre, catastrofi naturali e shock economici, dimostrando sempre capacità di adattamento a nuove situazioni. Come reagiamo alle situazioni emergenti? Come ha reagito la popolazione dei piccoli comuni durante le forti restrizioni? Quali sono stati i comportamenti di resilienza? Esploriamo questi aspetti attraverso una analisi dei contenuti dei messaggi Twitter.