18 Aprile, 2024

Una Call per gli Autori

Tempo di lettura: 3 minuti

Il titolo della rivista DiTe sintetizza dinamiche territoriali. La rivista ha del resto questo scopo: indagare ciò che di nuovo distingue città e territori a partire dal contributo delle scienze sociali.
DiTe è anche un invito a manifestarsi, a proporsi per dire la propria opinione, per illustrare una ricerca o per discutere una politica o una decisione pubblica.

La rivista è aperta a coloro che ritengono di avere un contributo da offrire al dibattito.

La collaborazione con la rivista può avere due forme. La prima prevede la candidatura a promuovere un gruppo di articoli coordinato rispetto a un tema. La proposta dovrà essere inviata alla direzione e al Comitato di redazione e in questa sede verrà valutata per la sua accettazione.

Il numero degli articoli coordinati potrà variare orientativamente da un minimo di tre a un massimo di sei. In caso di riscontro positivo, il proponente avrà cura di coordinare gli articoli con la direzione o con uno dei membri del CdR.

La seconda forma di collaborazione prevede contributi di carattere puntuale che possono riguardare interventi su temi di attualità, recensioni di ricerche e studi, repliche e integrazioni a precedenti articoli apparsi sulla rivista.

Anche in questo caso la proposta dovrà essere inviata alla direzione e al Comitato di redazione e in questa sede verrà valutata per la sua accettazione.

I contributi alla rivista devono avere una lunghezza orientativamente compresa tra quattro e seimila caratteri. Le recensioni di saggi e ricerche avranno una dimensione più contenuta compresa tra duemila e quattromila caratteri.

Per ogni richiesta di approfondimento non esitate a contattarci presso la nostra casella di posta elettronica:
info@dite-aisre.it.

Aspettiamo le vostre proposte e i vostri contributi.

La Redazione


Norma redazionali


Gli articoli proposti per la pubblicazione devono essere sottomessi dagli autori al Comitato di redazione all’indirizzo di posta elettronica: info@dite-aisre.it.

Prima di procedere con la stesura dell’articolo, è possibile inviare una mail descrivendo l’argomento che si vuole proporre insieme ad un breve abstract che la redazione esaminerà in breve tempo.

Il file contenete il testo del paper deve conformarsi alle seguenti norme redazionali:

1) Impostazione del testo
Ogni lavoro deve avere una lunghezza compresa fra le 4.000 e le 7.000 battute (spazi esclusi). Il testo deve essere impostato sul template della rivista

2) Abstract
Ogni articolo deve essere fornito di un abstract di massimo 600 battute (spazi esclusi) in cui sono contenuti i punti salienti del lavoro.

3) Parole chiave
Alla fine dell’abstract devono comparire massimo 4 parole chiave che indichino con chiarezza gli argomenti trattati.

4) Immagini
Ogni lavoro deve avere un minimo di 3 immagini (scelte fra fotografie, grafici e/o tabelle), indicando la preferenza sull’immagine copertina che verrà utilizzata nella newsletter.
Le immagini vanno inserite nel testo e fornite su file a parte del tipo JPEG o PNG ad elevata risoluzione (risoluzione minima 300 dpi).

5) Biografia
Ogni lavoro deve avere in calce all’articolo una sintetica biografia (massimo 500 caratteri spazi esclusi) con foto ad alta risoluzione (400 dpi)

Template
L’articolo prima della sottomissione dovrà essere formattato secondo le indicazioni riportate in questa pagina. Per agevolare il lavoro utilizza il template in Word disponibile per il download.

Articoli correlati

Food charity, social innovation, and food chain restructuring. Quali implicazioni per i sistemi alimentari locali?

Studi recenti evidenziano la crescente diffusione della povertà alimentare, anche in Italia. Un rapporto FAO indica che, nel triennio 2020-2022, la percentuale di popolazione in condizione di insicurezza alimentare è aumentata. L'EUROSTAT ha rilevato che il 7,9% della popolazione subisce deprivazione alimentare. La povertà alimentare è influenzata da diversi fattori, come la mancanza di infrastrutture alimentari, le disparità di reddito e la disoccupazione. La food charity rappresenta una soluzione innovativa che coinvolge attivamente la società civile in questa sfida. Tuttavia, il dibattito è aperto sulla sua efficacia a lungo termine e sul suo impatto reale sugli aspetti strutturali della povertà alimentare e dei sistemi alimentari locali. L’articolo analizza varie prospettive sulla food charity e la sua collocazione nel contesto dell'innovazione sociale.

La spesa dei comuni per missione

L’analisi della spesa dei comuni sostenuta durante il 2021 evidenzia una situazione molto differenziata a livello regionale. I servizi istituzionali, generali, presentano i valori più alti, seguiti da quelli per la tutela del territorio e diritti sociali. Agli ultimi posti per lo Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente vi sono Veneto e Lombardia, per i diritti sociali/politiche sociali e famiglia vi è la Calabria, mentre per i Trasporti e diritto alla mobilità le ultime posizioni sono occupate dalle realtà locali di Calabria, Sicilia e Puglia.

Territorio e innovazione

Roberto Camagni si è distinto per la sua prospettiva interdisciplinare allo studio della relazione tra innovazione e territorio. Ha introdotto il concetto di "milieu innovateur" per descrivere il ruolo del territorio come fonte di innovazione grazie alle relazioni che si sviluppano e si alimentano al suo interno. Ha riconosciuto l'importanza delle reti tra imprese e territori per la creazione e la diffusione della conoscenza. Ha contribuito al progresso dei modelli territoriali di innovazione, spiegando l'eterogeneità dei territori nel loro potenziale di innovazione e sviluppo.

Case per chi e dove

Le politiche pubbliche per la casa in Italia si sono sempre concentrate sul sostegno all’acquisto della prima casa, assegnando al mercato della locazione, in particolare quello pubblico, un ruolo residuale. Oggi la questione abitativa è legata alla crescita del numero delle famiglie e alla crescita dell’immigrazione. Si tratta di una domanda sociale espressa da soggetti che risultano “deboli” nei confronti del mercato abitativo e che non possono acquistare un’abitazione sul mercato privato. A ciò si aggiungono le difficoltà sul mercato dell’affitto privato a causa dei costi elevati rispetto ai redditi e alla quota limitata di alloggi in locazione.

Il progetto Sentieri Ponti e Passerelle per il diritto alla crescita e allo studio

In diverse città italiane, è ben noto il fenomeno dei ragazzi in condizioni NEET che patiscono condizioni di disagio e implicano un problema per il futuro del paese. Il progetto Se.Po.Pas in corso di realizzazione a Napoli, Reggio Calabria e Messina, selezionato e finanziato da Impresa Sociale con i Bambini è una delle pratiche di innovazione sociale in cui è implicata l’università che prova una particolare pratica di public engagement.