16 Giugno, 2024

Libere, non coraggiose. Per pianificare città più sicure per tutti i corpi

Tempo di lettura: 4 minuti

Libere, non coraggiose. Le donne e la paura nello spazio pubblico (Andreola & Muzzonigro, LetteraVentidue 2024) è frutto della più ampia ricerca Sex & the City, commissionata da Milano Urban Center (Comune di Milano) attraverso la call Urban Factor, che già nel 2021 aveva portato alla pubblicazione di Milano Atlante di genere (LetteraVentidue 2021). Mentre l’Atlante aveva l’obiettivo di rendere esplicite le tematiche connesse a una lettura di genere della capitale lombarda – individuando i luoghi, le infrastrutture, i servizi, le reti di soggetti legati alle diverse sfere della vita quotidiana di donne e minoranze di genere –, Libere, non coraggiose approfondisce il tema della paura che le donne e le soggettività queer percepiscono nell’attraversare gli spazi pubblici della città, soprattutto di sera e di notte. 

Lo scopo di questo studio, che deve moltissimo alle numerose ricerche condotte su scala internazionale negli ultimi quarant’anni e oltre, è indagare la natura di questa paura, le sue radici culturali e sociali nonché le conseguenze sui comportamenti dei diversi soggetti coinvolti. Il fine ultimo è di esplorare come la pianificazione possa intervenire, immaginando e costruendo le condizioni per ridurre, se non addirittura invertire, la tendenza delle donne a sentirsi insicure nello spazio condiviso. Siamo infatti convinte che la città nella sua forma fisica abbia un ruolo importante e che determinati comportamenti siano resi possibili anche dalla configurazione dei luoghi, oltre che, naturalmente, dai modi prevaricanti di molti uomini.

La ricerca si articola in quattro sezioni. Per primo, approfondiamo il rapporto fra le donne, la notte e la paura negli spazi pubblici a partire da un dato: le donne esprimono maggior insicurezza nello spazio pubblico rispetto agli uomini, soprattutto di sera e di notte. Tuttavia – al netto delle mancate denunce per molestie o aggressioni subite – tale percezione di insicurezza non si costruisce in relazione al dato di realtà che, al contrario, mostra come le città italiane siano sempre più sicure e i crimini commessi nello spazio pubblico colpiscano in misura maggiore gli uomini rispetto alle donne. 

La paura spinge le donne a usare la città in maniera diversa e a costruire percorsi ritenuti più sicuri: deviazioni, evitamenti, cambi di passo costruiscono una «geografia della paura delle donne» (Valentine 1989) che costituisce di per sé una limitazione della libertà di utilizzo dello spazio pubblico. La tesi che sosteniamo è che la paura che le donne percepiscono negli spazi pubblici ha più a che fare con la rappresentazione del crimine e la sua costruzione mediatica, che con la realtà di esso. Questa percezione è costruita attorno a immagini simboliche che identificano nel maschio, nel migrante, nella persona percepita come non abituale, il potenziale criminale e la donna come vittima.

La ricerca si sposta poi sul piano operativo, proponendo una serie di pratiche e politiche urbane che si stanno diffondendo a livello internazionale e che intendono contrastare questa percezione di insicurezza e creare condizioni di maggiore accessibilità e libertà nell’uso della città. Il passo da compiere è duplice: da un lato bisogna garantire la presenza di più donne negli spazi pubblici, dall’altro è necessario trasformare gli spazi stessi, rendendoli capaci di accogliere bisogni e desideri diversi. Nello specifico riteniamo centrali i temi  dell’illuminazione, della forma degli spazi pubblici, della presenza di servizi, del modo in cui è assicurato il trasporto pubblico.

La terza sezione prende in esame la pratica delle “camminate esplorative” come metodo partecipato che si propone di coinvolgere direttamente le donne nella costruzione della città. Pratica ormai consolidata in ambito internazionale, la camminata esplorativa mette in luce l’importanza di includere i corpi e le voci femminili nella costruzione degli spazi pubblici.

Infine, ci siamo confrontate con il caso di Milano. Abbiamo messo a confronto la percezione che le donne milanesi hanno degli spazi pubblici con i dati di realtà relativi ai crimini commessi negli stessi luoghi. L’analisi è condotta sulla base di un’ampia quantità di interviste e focus group che evidenziano criticità e opportunità della città di Milano in merito alla sicurezza delle donne: diverse interviste a gruppi di cittadinanza attiva e amministratori pubblici raccontano iniziative e provvedimenti. Al contempo l’evidenza empirica dell’inefficacia delle politiche securitarie si esprime chiaramente nel caso di Stazione Centrale, dove a fronte di una militarizzazione del luogo non cala la percezione di insicurezza. È dunque necessario cercare soluzioni nuove, frutto di politiche ad ampio respiro, che siano capaci di trasformare davvero le nostre città.

Libere, non coraggiose si configura non solo come una ricerca, ma anche come una chiamata all’azione per gli attori coinvolti nella pianificazione e nella gestione urbana. È solo attraverso un impegno collettivo e un cambiamento culturale che sarà possibile superare le barriere della paura e costruire spazi urbani in cui le donne, e dunque tutti i corpi, possano muoversi liberamente, senza timori né restrizioni. Perché una città in cui le donne e le minoranze di genere si sentono al sicuro sarà una città più sicura anche per tutti gli altri, uomini compresi.

Ulteriori approfondimenti

AAndreola, F., & Muzzonigro, A. (2024). Libere, non coraggiose: Le donne e la paura nello spazio pubblico. 3ª edizione, Milano Urban Center. ISBN 9788862428859.

Andreola, F., & Muzzonigro, A. (2023). Milan Gender Atlas. Milano Urban Center. (Serie: Milano Urban Center, numero 1). ISBN 9788862425957. (Edizione originale pubblicata nel 2021).

Articoli correlati

Politicizzare la “restanza”

La marginalizzazione delle aree interne non è un esito di dinamiche naturali, bensì il risultato di politiche pubbliche urbanocentriche, che hanno aumentato le disuguaglianze territoriali. Per invertire le tendenze servono sguardi nuovi, dare voce ai residenti, a chi è restato e a chi è tornato a vivere in altura, ascoltare chi vuole partire, gli innovatori, quanti manutengono e rafforzano le relazioni e l’economia minuta dei paesi. Sul piano delle politiche, bisogna superare la normatività del tot e costruire nuove forme di intervento pubblico attente alle persone nei singoli luoghi.

Un welfare su misura per le aree demograficamente rarefatte

Le trasformazioni demografiche in atto in Italia hanno già, e avranno in un futuro molto vicino, importanti ricadute sulla coesione sociale. Richiedono attente valutazioni nel campo delle politiche di welfare e percorsi sperimentali da avviare in tempi rapidi. Perché non iniziare dai contesti territoriali in cui la presenza umana si è ridotta più marcatamente, nelle aree interne contrassegnate dalla rarefazione demografica? Servono un approccio place based e uno sguardo che fa del margine un osservatorio privilegiato per l’analisi di questioni che riguardano l’intero Paese.

Spopolamento e bellezza, accoglienza e parola

Le politiche di contrasto allo spopolamento delle aree interne possono diventare vincenti se sensibili ai luoghi e alle persone che li abitano, se strettamente connesse e ispirate alle peculiarità del territorio e all’identità culturale di chi ci vive. Dovrebbero alimentare, in chi non ha ancora abbandonato la propria terra e nei giovani che si sono assentati per studiare o che sono andati a lavorare altrove, la consapevolezza di quello che il territorio ha da dare. In modo da innescare “sguardi nuovi” su “antiche certezze”, attualizzare il presente senza dimenticare il passato, immaginare come essere protagonisti nel futuro. In tutto questo la “bellezza” e la “parola” sono due dimensioni fondamentali, innate e presenti, magari dormienti e pertanto riattivabili

City of care: la cura al governo della città

Pianificare le città a partire da una prospettiva di genere significa, concretamente, tenere conto della vita quotidiana di donne, uomini e minoranze di genere. L’ascolto e la comprensione dei bisogni che queste vite esprimono sono alla base dell’elaborazione di politiche pubbliche inclusive delle esigenze, non solo delle donne, ma di tutti i corpi e le vite che eccedono dal paradigma funzionale. La cura, da gabbia che incatena il genere femminile a una sequenza di responsabilità -spesso non retribuite- legate alla sfera affettiva e domestica, dovrebbe trasformarsi nel motore di un nuovo tipo di socialità, per il bene di tutte e tutti.

Spazi ibridi e città di prossimità. Il caso di Milano

Negli ultimi anni si sono moltiplicate esperienze in grado di coniugare attivismo, terzo settore e innovazione sociale nelle nostre città. Sono luoghi variamente denominati che hanno nella loro natura ibrida la loro caratteristica principale. A Milano, con un netto impulso durante la fase pandemica, gli spazi ibridi sono cresciuti e si sono affermati. E oggi possono essere valorizzati nelle politiche pubbliche se è vero che la città punta davvero a essere sempre più inclusiva e di prossimità.