13 Giugno, 2024

La spesa dei comuni per missione

Tempo di lettura: 4 minuti

I bilanci consuntivi degli enti locali (comuni, province, città metropolitane, unioni di comuni e comunità montane) fanno parte delle statistiche da fonti amministrative organizzate (Sda) elaborate annualmente dall’Istat mediante l’utilizzo delle informazioni contenute nei certificati del conto di bilancio degli enti locali rilevati dal Ministero dell’economia e delle finanze. Il certificato del conto di bilancio, la cui struttura è definita nel D.Lgs. 118/2011, così come modificato dal D.Lgs 126/2014, dettaglia i flussi finanziari di competenza e di cassa per titoli, tipologie e categorie di entrata. Tale modello, il cui schema viene ogni anno definito con decreto del Ministero dell’economia e delle finanze consente, inoltre, un’analisi dettagliata della spesa delle amministrazioni locali per missioni, programmi, titoli e macroaggregati.

L’analisi dei dati di bilancio degli enti locali è attualmente condotta in Istat mediante l’utilizzo dei dati provenienti dall’archivio BDAP (Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche) che nella forma di file XBRL, viene acquisito dall’Istat mediante la creazione di numerose tabelle che consentono di ricostruire gli schemi di bilancio così come previsti dalla normativa.

Le stime provvisorie dei comuni utilizzate nel presente lavoro sono relative all’esercizio finanziario 2021 e riguardano 7.666 amministrazioni, con un tasso di copertura pari al 97%.  La stima dei valori dell’universo dei comuni è stata ottenuta basandosi sulla popolazione residente al 31/12/2021, tramite coefficienti di espansione calcolati per ciascuna classe di popolazione residente nelle singole regioni. Infine, per gli enti risultati non rispondenti di maggiore dimensione, sempre ai fini della stima, sono state utilizzate anche informazioni presenti nel Sistema informativo sulle operazioni degli enti pubblici (SIOPE). La missione di spesa considerata nella presente analisi rappresenta una funzione principale e un obiettivo strategico perseguito dalle amministrazioni pubbliche con le risorse finanziarie, umane e strumentali ad esse destinate.

L’analisi della spesa dei comuni sostenuta durante il 2021 (Figura 1), mostra valori pro capite e capacità di spesa, quest’ultima calcolata come rapporto percentuale tra i pagamenti in conto competenza e gli impegni, per le principali missioni. I Servizi istituzionali, generali e di gestione presentano i valori più alti, pari a 307 euro per abitante, a cui corrisponde una capacità di spesa pari al 78%. A seguire, troviamo lo Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente (239 euro per abitante). Sullo stesso livello di spesa troviamo i Diritti sociali, politiche sociali e famiglia e i Trasporti e Diritto alla mobilità, con valori, rispettivamente, di 163 e 159 euro pro capite.

Con valori più bassi si segnalano le missioni relative allo Sviluppo economico e competitività (13 euro per abitante) e al Soccorso civile (12 euro) e la categoria Altro che riunisce le missioni rimanenti (30 euro).

La capacità di spesa risulta più elevata per l’Ordine pubblico e sicurezza (83,6%) mentre il valore più basso si registra per l’Assetto del territorio ed edilizia abitativa (56%).

Figura 1 – Spesa dei comuni per missione e capacità di spesa. Pagamenti. Anno 2021, valori pro capite e valori percentuali. Elaborazioni su dati Istat, Bilanci consuntivi degli enti locali.

L’analisi delle missioni per regione (Figura 2) evidenzia che i comuni della Valle d’Aosta presentano i valori pro capite più elevati per i Servizi istituzionali, generali e di gestione (894 euro), lo Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente (441 euro) e per i Trasporti e diritto alla mobilità (374 euro).

Per quanto riguarda i Diritti sociali, politiche sociali e famiglia sono le amministrazioni locali della Sardegna a registrare il valore pro capite più alto, pari a 368 euro, mentre il valore più basso si registra nei comuni della Calabria (84 euro). Quest’ultimi presentano il valore più contenuto anche per quanto riguarda i Trasporti e diritto alla mobilità (61 euro). I comuni del Veneto mostrano il valore per abitante più basso per lo Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente (143 euro), mentre quelli della Puglia registrano l’importo più basso per i Servizi istituzionali, generali e di gestione (213 euro per abitante). 

Figura 2 – Spesa dei comuni per missione e regione. Pagamenti. Anno 2021, valori pro capite. Elaborazioni su dati Istat, Bilanci consuntivi degli enti locali.

In conclusione, l’analisi dei dati per missione dei comuni evidenzia una situazione molto differenziata a livello regionale. In particolare, con riferimento ai Servizi istituzionali, generali e di gestione che riguardano essenzialmente il finanziamento della macchina amministrativa, si evidenzia il dato dei comuni della Valle d’Aosta che si discostano sensibilmente dal dato nazionale. Per quanto riguarda, invece, i servizi destinati più specificamente ai cittadini, occorre segnalare gli ultimi posti rilevati per le amministrazioni locali di Veneto e Lombardia per la missione Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente, mentre per i Trasporti e diritto alla mobilità le ultime posizioni sono occupate dalle realtà locali di Calabria, Sicilia e Puglia.

Ulteriori approfondimenti

Istat (2023), I bilanci consuntivi dei comuni. Anno 2021, Giugno 2023

Passante D. (2021), BDAP: analisi dei bilanci degli enti locali. Paper presentato alla XLII conferenza italiana di scienze regionali, AISRE, Settembre 2021

Articoli correlati

Una Call per gli Autori

La rivista è aperta a coloro che ritengono di avere un contributo da offrire al dibattito. La collaborazione avviene promuovendo articoli di carattere puntuale e/o gruppi di articoli coordinati su un tema. I contributi hanno una lunghezza compresa tra quattro e seimila caratteri. Per ogni richiesta di approfondimento: info@dite-aisre.it

Food charity, social innovation, and food chain restructuring. Quali implicazioni per i sistemi alimentari locali?

Studi recenti evidenziano la crescente diffusione della povertà alimentare, anche in Italia. Un rapporto FAO indica che, nel triennio 2020-2022, la percentuale di popolazione in condizione di insicurezza alimentare è aumentata. L'EUROSTAT ha rilevato che il 7,9% della popolazione subisce deprivazione alimentare. La povertà alimentare è influenzata da diversi fattori, come la mancanza di infrastrutture alimentari, le disparità di reddito e la disoccupazione. La food charity rappresenta una soluzione innovativa che coinvolge attivamente la società civile in questa sfida. Tuttavia, il dibattito è aperto sulla sua efficacia a lungo termine e sul suo impatto reale sugli aspetti strutturali della povertà alimentare e dei sistemi alimentari locali. L’articolo analizza varie prospettive sulla food charity e la sua collocazione nel contesto dell'innovazione sociale.

La spesa per missione degli enti territoriali

L’articolo introduce i contributi relativi i contributi relativi all’analisi della spesa di regioni, comuni, province e città metropolitane, articolata in missioni, così come previsto dalle norme in vigore. I dati analizzati sono relativi agli anni 2021 e 2019. Tutte le informazioni utilizzate sono state acquisite ed elaborate dall’ISTAT.

Le risorse regionali per le missioni di spesa negli anni 2019-2021

Le regioni destinano gran parte delle proprie risorse alla principale funzione attribuita dalle leggi, ossia al campo sanitario, in media il 70%, assegnando quote residuali alle restanti missioni. I servizi destinati al funzionamento della macchina amministrativa e al trasporto pubblico registrano a livello nazionale quote percentuali superiori al 5% della spesa totale. Nel triennio 2019-2021 non si rilevano particolari modifiche nell’utilizzo delle risorse, sia a livello nazionale sia a livello di ripartizione territoriale.

Analisi e confronto delle missioni di spesa delle province

La spesa delle province italiane, per gli esercizi 2019 e 2021, risulta principalmente concentrata nelle missioni riguardanti la gestione generale dell’ente locale, i trasporti e l’istruzione. Inoltre, nell’intervallo di tempo considerato, si registra un generale incremento delle spese per trasporti e istruzione, a cui si accompagna una diminuzione delle spese generali di gestione dell’ente. L’analisi a livello territoriale mostra comportamenti di spesa abbastanza diversificati, in particolare per quanto riguarda i trasporti e le spese gestionali.