22 Febbraio, 2024

La spesa per missione degli enti territoriali

Tempo di lettura: 4 minuti

Il presente lavoro introduce un’analisi dettagliata della spesa per missioni relativa agli enti territoriali (regioni, comuni, province e città metropolitane) con riferimento al periodo 2019-2021. La fonte dei dati è costituita dagli schemi di bilancio c.d. ”armonizzati”, introdotti con il D.Lgs. 118/2011, così come modificato dal D.Lgs. 126/2014 al culmine di un lungo processo che ha avuto inizio con la riforma della contabilità pubblica (Legge n. 196/2009) e della riforma federale prevista dalla Legge n. 42/2009. In particolare per i comuni, le province e le città metropolitane i dati analizzati sono acquisiti dall’Istat mediante l’archivio BDAP (Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche) accessibile agli utenti tramite il portale denominato OpenBDAP, gestito dal Ministero dell’economia e delle finanze (Mef) – Ragioneria Generale dello Stato. Per le regioni sono stati utilizzati anche i dati provenienti dalla rilevazione diretta condotta attualmente dall’Istat.

  Gli schemi di bilancio, la cui struttura viene ogni anno definita con decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, consentono un’analisi dei flussi finanziari di competenza e di cassa per le entrate e le spese. A livello di maggiore dettaglio, inoltre, sono presenti i dati relativi alla spesa organizzata per missioni, programmi, titoli e macroaggregati. L’articolazione della spesa per missioni e programmi – sostitutiva della precedente suddivisione per funzioni e servizi – è stata introdotta dal legislatore al fine di consentire la comparabilità dei dati di bilancio delle diverse amministrazioni pubbliche secondo le classificazioni contenute nei regolamenti comunitari, nonché allo scopo di assicurare la trasparenza del processo di allocazione e destinazione delle risorse pubbliche.

La lettura dei conti consuntivi presenti nella Banca dati delle Amministrazioni Pubbliche (BDAP) con i dati pubblicati annualmente dall’Istat permette di analizzare la composizione della spesa degli enti locali e territoriali articolata in missioni, ovvero le principali funzioni e gli obiettivi che l’ente vuole perseguire. La riforma del Titolo V della Costituzione ha trasformato alla radice l’assetto del governo territoriale e locale delegando competenza esclusiva alle regioni in materie che le rendono, almeno sulla carta, soggetti politici di governo nelle politiche economico-assistenziali, nella sanità e nei trasporti (tipologia di servizi che vengono erogati alla persona ed alla collettività). Gli enti territoriali in alcuni casi sono diventati attori attivi nelle politiche economiche e sociali, in altri hanno limitato il loro ruolo lasciando, di fatto, la gestione operativa dei servizi ad altri soggetti, trasferendo risorse verso soggetti terzi o intermediari per la gestione delle funzioni assegnate. A livello locale, i comuni, le province e le città metropolitane hanno continuato a finanziare le funzioni essenziali che potremmo definire “istituzionali” quali istruzione pubblica, gestione del territorio e pianificazione delle infrastrutture e dei servizi, tutela ambientale, campo sociale, settore dei trasporti e viabilità, utilizzando le risorse aggiuntive provenienti anche dallo Stato centrale e non utilizzando solo risorse proprie. 

Nel triennio 2019-2021 le funzioni che hanno intercettano maggiormente le risorse finanziarie disponibili non hanno subito particolari modifiche, se non relativamente agli importi in valore assoluto. 

Per quanto riguarda le regioni (Roberta Di Stefano, 2023), la componente maggiore è stata utilizzata per sostenere la spesa sanitaria, che ha interessato in media il 70% della spesa totale. Le uniche altre due missioni che hanno mostrato dati percentuali superiori al 5% delle risorse totali sono state Servizi istituzionali, generali e di gestione e Trasporti e diritto alla mobilità.

Per quanto riguarda, invece, i comuni (Domenico Passante, 2023) sono stati i Servizi istituzionali, generali e di gestione a registrare gli importi più elevati. A seguire, Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente, Diritti sociali, politiche sociali e famiglia, Trasporti e Diritto alla mobilità, Sviluppo economico e competitività e Soccorso civile.

Anche le province (Simone Cavatorta, 2023) hanno destinato le proprie risorse principalmente a Servizi istituzionali, generali e di gestione, Trasporti e diritto alla mobilità e Istruzione e diritto allo studio. Analoga distribuzione viene rilevata per le città metropolitane (Domenico Passante, 2023). 

A livello di ripartizione regionale, però, i comportamenti di spesa degli enti locali sono risultati abbastanza diversificati, in particolare per i settori riguardanti la gestione generale dell’ente, la garanzia del diritto al trasporto e, in misura minore, l’istruzione pubblica.

Ulteriori approfondimenti 

Istat (2023), I bilanci consuntivi dei comuni. Anno 2021, Giugno 2023

Istat (2023), I bilanci consuntivi delle province e città metropolitane. Anno 2021, Giugno 2023

Istat (2023), Bilanci consuntivi delle Regioni e Province autonome. Anno 2021 (dati definitivi), Maggio 2023

Istat (2021), Finanza locale: entrate e spese dei bilanci consuntivi (comuni, province e città metropolitane). Anno 2019, Ottobre 2021

MEF – https://openbdap.rgs.mef.gov.it/

Articoli correlati

Le risorse regionali per le missioni di spesa negli anni 2019-2021

Le regioni destinano gran parte delle proprie risorse alla principale funzione attribuita dalle leggi, ossia al campo sanitario, in media il 70%, assegnando quote residuali alle restanti missioni. I servizi destinati al funzionamento della macchina amministrativa e al trasporto pubblico registrano a livello nazionale quote percentuali superiori al 5% della spesa totale. Nel triennio 2019-2021 non si rilevano particolari modifiche nell’utilizzo delle risorse, sia a livello nazionale sia a livello di ripartizione territoriale.

Analisi e confronto delle missioni di spesa delle province

La spesa delle province italiane, per gli esercizi 2019 e 2021, risulta principalmente concentrata nelle missioni riguardanti la gestione generale dell’ente locale, i trasporti e l’istruzione. Inoltre, nell’intervallo di tempo considerato, si registra un generale incremento delle spese per trasporti e istruzione, a cui si accompagna una diminuzione delle spese generali di gestione dell’ente. L’analisi a livello territoriale mostra comportamenti di spesa abbastanza diversificati, in particolare per quanto riguarda i trasporti e le spese gestionali.

Missioni e spesa delle città metropolitane

L'analisi della spesa delle città metropolitane sostenuta nel 2021 evidenzia una riduzione nel triennio della spesa per Servizi istituzionali e di gestione della macchina amministrativa e servizi rivolti alla formazione professionale. Nei confronti tra città metropolitane emerge il valore pro capite piuttosto elevato di Genova per i Trasporti e diritto alla mobilità, Firenze per l’Istruzione e il diritto allo studio, Palermo per i Servizi istituzionali, generali e di gestione. Al contrario, a Roma si rileva il valore più basso per i Trasporti e a Catania e Messina per l’Istruzione.

La spesa dei comuni per missione

L’analisi della spesa dei comuni sostenuta durante il 2021 evidenzia una situazione molto differenziata a livello regionale. I servizi istituzionali, generali, presentano i valori più alti, seguiti da quelli per la tutela del territorio e diritti sociali. Agli ultimi posti per lo Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente vi sono Veneto e Lombardia, per i diritti sociali/politiche sociali e famiglia vi è la Calabria, mentre per i Trasporti e diritto alla mobilità le ultime posizioni sono occupate dalle realtà locali di Calabria, Sicilia e Puglia.

Polarizzazione dell’innovazione e nuove disuguaglianze

Negli ultimi vent'anni, l'integrazione dei mercati globali ha comportato una convergenza tra grandi aree geoeconomiche, ma una crescente disuguaglianza interna ai paesi, in particolare con alcune "superstar cities" nelle quali si sono concentrate le risorse chiave dell'innovazione. Ciò ha generato una nuova disparità economica e influenzato le dinamiche politiche. Per contrastare questa disuguaglianza è importante comprendere la sua portata e imparare da casi di successo di "periferie competitive" – come Galway, Raleigh-Durham o l’Emilia-Romagna – che offrono modelli replicabili per politiche di sviluppo nell'economia della conoscenza.