18 Luglio, 2024

Stecca3: porre al centro delle trasformazioni uno spazio ibrido di comunità

Tempo di lettura: 5 minuti

Stecca3 è il terzo spazio, il terzo edificio ed architettura longitudinale “a stecca”, che ospita una rete di associazioni di natura culturale e sociale, attente alla valorizzazione dei contesti locali, del patrimonio materiale ed immateriale. 

L’edificio in cui Stecca3 ha sede, ufficialmente chiamato Incubatore dell’arte, è un edificio di proprietà comunale, di circa 760 mq, gestito dalla rete di associazioni ADA Stecca con un contratto pluriennale, i cui costi di mantenimento sono a carico delle associazioni. 

La rete di associazioni ADA Stecca, divenuta nel 2007 Associazione di associazioni, nasce da un’esperienza di occupazione creativa ed autorganizzazione pluriennale di spazi in abbandono da parte di una decina di associazioni, artigiani, artisti dedicati alla salvaguardia di spazi pubblici come beni comuni, all’associazionismo locale e cittadino, all’aggregazione giovanile nelle aree di trasformazione urbana e non. 

La gestione autorganizzata di circa 5.000 mq dello storico edificio industriale Tecnomasio Brown Boveri, denominato “Stecca degli Artigiani”, è stato il terreno in cui sperimentare dispositivi di trasformazione, temporanei e non, come gli eventi socio-culturali, l’ascolto al quartiere, la cura e la manutenzione degli spazi, i laboratori aperti, la progettazione partecipata con gli abitanti incentrata su varianti urbanistiche e progetti internazionali sulle aree in questione. 

La reinvenzione di uno spazio abbandonato come centro di comunità per un quartiere storico ma in trasformazione, capace di restituire servizi autorganizzati, di ascolto e di accompagnamento per nuove progettualità locali, fu riconosciuto dal Comune di Milano tanto da spingere quest’ultimo a vendere l’edificio della vecchia fabbrica ad un privato, che poi la demolì, mantenendone le funzioni e i contenuti. È proprio questo contenuto di comunità, l’espressione di una città che cambia, a costituire l’identità della rete ADA Stecca.

Un percorso di metamorfosi per molte associazioni, artigiani e singoli abitanti, uno spazio che ha portato ADA Stecca ad una nuova consapevolezza nell’importanza di un’offerta qualitativa e professionale di servizi autorganizzati al quartiere e alla città, spazi per un’economia solidale, un welfare collaborativo, ma soprattutto spazi aperti all’imprevisto, capaci di accogliere e fornire strumenti per il protagonismo delle comunità.

Immagine che contiene aria aperta, cielo, edificio, albero

Descrizione generata automaticamente

Stecca3 centro socioculturale aprile 2023

Stecca3 è una nuova architettura contemporanea, flessibile e adattabile, progettata nel 2007 da SBA-Stefano Boeri Architetti. Ad oggi le realtà presenti coprono diversi ambiti di intervento: urbanistica/architettura partecipata con ASF Italia–Architetti Senza Frontiere Italia, per progetti di cooperazione internazionale e di emergenza abitativa, Temporiuso, per progetti di rigenerazione territoriale e di comunità mediante usi temporanei; arte, artigianato ed inclusione con una falegnameria sociale, BRIChECO e FAME market, team di artigiane e designer per un mercatino delle autoproduzioni; culture della mobilità sostenibile e della sostenibilità ambientale con  i laboratori di ciclofficina; +bc e AIAB Lombardia, con il primo mercato biologico settimanale, oltre a corsi, workshop, seminari su agricoltura sociale e biodiversità con gli ambientalisti di Legambiente Lombardia; multiculturalità e integrazione con Vitality onlus che organizza  percorsi  di occupabilità, insieme ai curatori di eventi musicali ICCX -Centro di Interscambio Italia Cina. E ancora performing art, danza e benessere a cura del corpo di teatro Metti una sera in scena a Teatro, gli artisti di NoiBRERA, le maestre di danza NonSoloDanza, la scuola di capoeira Isola Capoeira Angola,  i cori del Coro di Micene e il Coro la Sonorissima e i corsi e summer school per bimbi di Isolamusicaingioco. Infine, è presente uno spazio di coworking che ospita i giornalisti di Zero magazine. 

Accanto a queste realtà permanenti ogni anno il palinsesto di eventi, mostre, seminari, workshop, mercatini è solo in parte definito dal Consiglio direttivo, condiviso con esperti dei diversi ambiti, con la cittadinanza e con il Municipio 9.

Infatti è l’imprevisto delle proposte che vengono accolte dal quartiere e dalla città, a rivelare spesso nuovi sguardi, tensioni, criticità, urgenze e conflitti e ancora progettualità potenziali per Milano e non solo.

L’attuale consiglio direttivo è composto da: Roberta Mastropirro di Architetti Senza Frontiere, Cecilia Medici di +bc ciclofficina, Lidia Pezzoli di BRIChECO falegnameria sociale, Giulia Cantaluppi di Temporiuso, un tesoriere e socio onorario Paolo Artoni e la presidente Isabella Inti. 

La Stecca 3 è un edificio a corpo longitudinale che si sviluppa su 2 piani: al piano terra 3 spazi dedicati a laboratori, una ciclofficina, una falegnameria sociale, un ufficio e una piccola biblioteca; al primo piano vi sono un ufficio, un coworking e la sala corsi. In entrambi i piani si può disporre di spazi flessibili con saloni ampi ed aperti per accogliere a rotazione corsi, workshop, seminari, dibattiti pubblici, eventi, performance, cene sociali.
Stecca3 fa economia solidale perché si pone in un sistema di relazioni economiche e sociali che mette l’uomo e l’ambiente al centro, cercando di coniugare sviluppo con equità, trasformazione territoriale con qualità ed accessibilità. ADA Stecca è parte della sharing economy o del consumo collaborativo perché con mercatini, corsi e workshop attiva un insieme di pratiche di scambio e condivisione. ADA Stecca fa welfare generativo perché rifiuta un welfare che raccoglie e redistribuisce, per abbracciare un welfare che rigenera e mette a frutto le risorse grazie alla responsabilizzazione delle realtà che ne fanno parte. Dal 2021 è tra i promotori e curatori di un’indagine “Gli spazi ibridi di Milano. 1 Manifesto, 1 questionario, 1 mappa per la città a 15 minuti” che ha contribuito al riconoscimento di questa nuova identità degli spazi ibridi, ma anche delle loro criticità e potenzialità ancora da esplorare. 

Ulteriori approfondimenti 
Stecca3, centro e spazio ibrido socioculturale a Milano (http://www.lastecca.org/).

Articoli correlati

Spazi ibridi e città di prossimità. Il caso di Milano

Negli ultimi anni si sono moltiplicate esperienze in grado di coniugare attivismo, terzo settore e innovazione sociale nelle nostre città. Sono luoghi variamente denominati che hanno nella loro natura ibrida la loro caratteristica principale. A Milano, con un netto impulso durante la fase pandemica, gli spazi ibridi sono cresciuti e si sono affermati. E oggi possono essere valorizzati nelle politiche pubbliche se è vero che la città punta davvero a essere sempre più inclusiva e di prossimità.

Mare culturale urbano: progetto ibrido in quattro periferie

mare culturale urbano è un progetto di rigenerazione urbana a base culturale nato nella periferia del Municipio 7 di Milano e attualmente diffuso in altri tre quartieri, per proporre un nuovo e migliore stile di vita cooperativo e solidale che ripensi alla cultura, al benessere collettivo e al senso civico degli abitanti della zona. Riconosciuto dal magazine Artribune nel 2019 come il miglior spazio ibrido di Milano, mare culturale urbano si è impegnato a rigenerare la storica cascina Torrette di Trenno del ‘600, rendendola un punto d’incontro per la comunità della periferia ovest di Milano e una piazza aperta a tutta la città in cui partecipare a eventi e ad attività accessibili a tutti.

La Rete degli Spazi ibridi di Milano. Un’intervista ad Annibale D’Elia

Il Comune di Milano nel 2022 istituisce in via sperimentale un Elenco qualificato di spazi ibridi denominato Rete spazi ibridi della Città di Milano che conta attualmente 20 soggetti selezionati da un’apposita commissione di valutazione mediante un Avviso pubblico aperto. Nell’intervista che segue Annibale D’Elia, Direttore di Progetto di Economia Urbana, Moda e Design del Comune di Milano, - da diversi anni impegnato nell’innovazione delle politiche pubbliche - ci racconta quali motivi hanno spinto l’amministrazione pubblica a sostenere una rete di soggetti gestori di spazi ibridi.

Perché parlare di spazi ibridi socioculturali a Milano? Intervista a Isabella Inti

Nel 2020, a Milano, una rete informale di spazi ibridi socioculturali ha sentito la necessità di ritrovarsi e confrontarsi, trovando ascolto nella pubblica amministrazione che ne ha dapprima riconosciuto la nuova identità e poi avviato un percorso di co-design per politiche di economia di prossimità. Dal documento programmatico pubblico sottoscritto dalla rete, emergono nuovi spunti, bisogni, criticità e prospettive capaci di valorizzare il ruolo di questi spazi all’interno della pianificazione di una città aperta e generativa.

Da ex convitto ad hub di comunità: lo spazio mosso

Nello scenario degli spazi ibridi attivi a Milano c’è mosso, progetto nato dalla riconversione dell’ex convitto del Parco Trotter, nel quartiere di via Padova. mosso garantisce uno spazio di relazione aperto e accogliente, un’infrastruttura abilitante delle risorse del quartiere e della città, in cui cibo, aggregazione, cultura, rigenerazione urbana e umana trovano ascolto e valorizzazione.