18 Luglio, 2024

Industria 4.0: una opportunità solo per aree avanzate?

Tempo di lettura: 4 minuti

La quarta rivoluzione tecnologica è ormai una realtà. Le tecnologie 4.0, dall’intelligenza artificiale alla robotica, all’Internet delle Cose (IoT), ai sensori, alla digitalizzazione e alla stampa in 3D, all’I-Cloud, per citarne solo alcune, si sviluppano a ritmi vertiginosi, e, quando inserite nei sistemi produttivi e nell’offerta di servizi, sono i propulsori di drastiche trasformazioni socioeconomiche. I vantaggi di questa grande trasformazione tecnologica sono molteplici, dall’aumento dell’efficienza dei processi produttivi, ad una produzione customizzata di massa, alla realizzazione di prodotti di qualità più elevata. Per sfruttare questi vantaggi, le imprese adottatrici devono intraprendere cambiamenti molto profondi. Come provocatoriamente sottolineato da Brynjlfsson and McAfee (2014), le sfide nell’economia moderna non risiedono tanto nella “grande recessione” o “grande stagnazione”, quanto nella “grande ristrutturazione” imposta al cambiamento tecnologico. È un continuo processo di “distruzione creativa” che evolve a tassi e ritmi esponenziali, mai registrati in precedenza; il motore a vapore o l’energia elettrica hanno rappresentato salti tecnologici importanti, non soggetti tuttavia a continue evoluzioni tecnologiche come nel caso delle tecnologie digitali. Tra l’avvento della terza rivoluzione industriale con le prime reti di trasmissione digitale e l’attuale quarta rivoluzione, la potenza tecnologica è cresciuta esponenzialmente. Se nel 1997 il tempo per scaricare dalla rete un video di 800 Mb era di 12 ore, nel 2009, grazie alla tecnologia 4G, si era ridotto a 43 secondi e nel 2020 ha raggiunto un secondo, grazie alla tecnologia 5G.

Figura 1 – @Alfacod

Al di là delle posizioni estreme sulle possibili trasformazioni inevitabilmente suscitate da un cambiamento così profondo come quello che si intravede con l’adozione delle nuove tecnologie, è comunque indubbio che le regole di competizione nel mercato delle tecnologie stanno drasticamente evolvendo e con esse le fonti di profittabilità. Come sempre avviene nei grandi momenti di cambiamento e di rottura con il passato, i vantaggi del cambiamento esistono, la società nel suo insieme migliora, ma inevitabilmente qualcuno resta indietro. Le condizioni alle quali si raggiungono i vantaggi non sono ancora ben delineate, ma un aspetto appare importante e diverso dal solito: le regole sembrano cambiare anche in favore di aree periferiche rispetto ai grandi centri di sviluppo tecnologico proprio grazie alle caratteristiche delle nuove tecnologie che richiedono un livello di conoscenza pregressa e di investimenti in ricerca e sviluppo relativamente più contenuti che in passato. Non necessariamente, pertanto, chi resta indietro è chi non fa parte del gruppo di regioni forti, con grandi città pioniere dei cambiamenti tecnologici. Regioni tecnologicamente meno avanzate potrebbero questa volta non essere escluse dalla possibile adozione e da incrementi del prodotto interno lordo che ne seguono, attraverso maggiori salari e profitti, grazie a processi di creazione di conoscenza locale che noi economisti regionali abbiamo imparato bene a conoscere nelle forme di spillover di crescita locale, di apprendimento collettivo e di economie di agglomerazione dinamica.

La Figura 1 restituisce un messaggio interessante ottenuto attraverso un modello econometrico. Essa mostra l’incremento di PIL all’aumentare dell’adozione di robot per le aree specializzate in industria leggera rispetto alle altre regioni. Le regioni più industrializzate ottengono vantaggi più limitati sulla crescita del PIL dall’adozione di robot. Tuttavia, nelle regioni con quote di adozione di robot molto elevati (90° percentile), l’effetto sulla crescita locale arriva ad essere più elevato nelle regioni specializzate in settori tradizionali rispetto alle altre, ad indicare che le regioni manifatturiere tradizionali non possono sottrarsi dall’adozione di robot nei loro settori, e dal passaggio all’Industria 4.0. Le regioni specializzate in settori tradizionali che adottano molto ottengono gli stessi vantaggi delle altre, un deciso maggior vantaggio rispetto a quelle specializzate che adottano poco.

Figura 2 – Incremento di PIL all’aumentare dell’adozione di robot: confronto tra regioni specializzate in settori manifatturieri tradizionali e le altre regioni

Questi risultati ci fanno concludere che la quarta rivoluzione industriale è un processo che nessuna regione può esimersi dall’intraprendere. Non solo, ma la strategia di adozione, soprattutto per l’Industria 4.0, deve essere una strategia decisa, veloce e capillare, che permetta di raggiungere un’adozione diffusa tra le imprese sul territorio. È solo attraverso un agire deciso e diffuso a livello locale che si ottengono i vantaggi che le nuove tecnologie offrono.

Riferimenti bibliografici

  • Brynjolfsson E., McAfee A. (2014), The Second Machine Age: Work, Progress and Prosperity in a Time of Brilliant Technologies, W.W. Norton & Company, London, UK.

Ulteriori approfondimenti

Capello R. e Lenzi C. (2021), “Invenzione e adozione di tecnologie 4.0: opportunità di crescita per regioni tecnologicamente meno avanzate”, Economia Marche Journal of Applied Economics, XL(1), 5-19  https://economiamarche.univpm.it/scheda.php?id_articolo=95

Articoli correlati

Ancora sull’autonomia differenziata. La nuova normativa e la legge 42/2009 di attuazione del federalismo fiscale.

Il nuovo numero di DiTe riapre il dibattito sull'autonomia differenziata, dopo l'approvazione del disegno di legge 615. DiTe aveva già affrontato il tema nel numero del 5 marzo, ma ritorna sulla questione per evidenziare l'importanza del progetto riformatore e i suoi effetti potenziali. Il confronto tra la legge Calderoli del 2009 e la nuova normativa mostra tre punti chiave trascurati: autonomia tributaria, superamento della spesa storica e capacità fiscale regionale. La nuova legge, basata sulla compartecipazione ai tributi, è criticata per la mancanza di coerenza e per ignorare la necessità di perequazione e rafforzamento dell'autonomia tributaria.

L’autonomia regionale differenziata è una secessione dei ricchi

L’autonomia differenziata configura una autentica “secessione dei ricchi” perché amplifica enormemente i poteri delle Regioni, pregiudicando disegno e attuazione delle politiche pubbliche nazionali e ampliando le disuguaglianze territoriali. Il trasferimento delle risorse alle Regioni è definito da commissioni stato-regione privando il Parlamento delle proprie potestà.

Storia e Cronistoria del DdL Calderoli

Il disegno di legge Calderoli all’esame del Parlamento stabilisce, tra l’altro, che l’attuazione dell’autonomia per tutte le funzioni che prevedono il rispetto dei LEP non possono essere oggetto di intesa se non dopo la loro definizione e ciò, di fatto, “costituzionalizza” gli squilibri distributivi nella ripartizione della spesa tra le regioni, penalizzando in particolare quelle meridionali.

L’equivoco dei residui fiscali tra spesa storica e suggestioni autonomistiche

I residui fiscali, lungi dall’essere “impropri e parassitari” non sono altro che la conseguenza della necessità di garantire l’attuazione del principio di equità: dai dati si evince che tale principio, complice il meccanismo del criterio della spesa storica, è lungi dall’essere rispettato.

L’autonomia differenziata, la proposta del Disegno di Legge

Il modello federalista si basa su due principi cardine: l’equa soddisfazione dei bisogni sul territorio e la responsabilità fiscale degli enti decentrati. Il processo di autonomia proposto fa perno invece sui trasferimenti, con l’impoverimento dell’autonomia fiscale regionale e una scarsa attenzione per la necessaria perequazione