16 Giugno, 2024

Gli elementi intangibili nel legame tra patrimonio culturale e sviluppo locale

Tempo di lettura: 4 minuti

Qualcosa che ha sempre colpito di Roberto Camagni è senz’altro la sua capacità di intuire, cogliere e decifrare fenomeni territoriali complessi e multiformi. La sua destrezza nel fornire cornici concettuali rigorose e appropriate per contestualizzare determinati aspetti territoriali, il cui ruolo si riusciva magari solo ad intuire in maniera piuttosto astratta, è risultata preziosa in molteplici campi dell’economia regionale. Roberto Camagni non era eccezionale solo nel sistematizzare ragionamenti territoriali complessi, ma era anche ineguagliabile nell’identificare i diversi elementi e le caratteristiche territoriali più disparate “con il loro nome”, associando con acuta lucidità etichette precise ed evocative alle diverse situazioni e favorendo in questo modo una comprensione profonda dei fenomeni analizzati.
Si vuole qui in particolare ricordare il contributo di grande valore che Roberto Camagni ha prestato all’economia della cultura, declinata in chiave squisitamente territoriale. Il patrimonio culturale materiale e alcuni elementi locali intangibili ad esso strettamente legati, segnatamente creatività e identità territoriale, hanno trovato infatti collocazione nell’ambito dello schema teorico del capitale territoriale, definito da Roberto Camagni come “quell’insieme di elementi territoriali – materiali e immateriali, pubblici e privati, cognitivi e relazionali – che genera sviluppo endogeno” (Camagni 2009).
Come è noto, Roberto Camagni ha sistematizzato il concetto di capitale territoriale, tassonomizzandolo attraverso una matrice basata su due dimensioni: materialità e rivalità. All’interno di questa classificazione, il patrimonio culturale materiale ricade certamente tra gli asset tangibili, ma in una posizione intermedia in termini di rivalità in quanto assimilabile ad un bene pubblico impuro, sostanzialmente soggetto a potenziale congestione (anche se elementi singoli potrebbero essere considerati un bene pubblico puro). La creatività trova invece spazio tra gli asset intangibili di natura privata (come, più in generale, il meglio noto capitale umano), mentre l’identità, pur anch’essa intangibile, ricade in una categoria di rivalità intermedia, essendo più associata al cosiddetto capitale relazionale (Camagni et al. 2020).
La collocazione di patrimonio culturale materiale, creatività e identità all’interno della cornice teorica del capitale territoriale è stata accompagnata anche dall’identificazione di specifici canali attraverso i quali il patrimonio culturale può favorire lo sviluppo economico locale. In particolare, Roberto Camagni ebbe l’idea di partire da quanto proposto dal rapporto Cultural Heritage Counts for Europe (2015) per evidenziare quali fossero i meccanismi ancora inesplorati. L’obiettivo era infatti quello di evidenziare le relazioni multiple che il patrimonio culturale può instaurare con i territori che lo ospitano e l’approccio olistico del rapporto si prestava a facilitare il ragionamento, spingendo ad approfondire (e a misurare!) gli aspetti legati da una parte a creatività e innovazione, “sense of place” e paesaggio culturale e dall’altra parte alla creazione di identità, alla coesione sociale e alla partecipazione comunitaria.
Più nel dettaglio, l’idea che si è perseguita è che la funzione del patrimonio culturale come determinante di sviluppo economico locale sia in effetti mediata e rafforzata dalla presenza di (diversi tipi di) creatività e identità. In sostanza, da un lato la presenza di patrimonio culturale materiale svolge un ruolo di ispirazione della creatività locale, mentre dall’altro favorisce l’identità territoriale in termini di senso di appartenenza accompagnato da uno slancio cosmopolita. Per mezzo di questi canali, il patrimonio culturale ha quindi un effetto sullo sviluppo economico locale attraverso la generazione di idee nuove e originali (creatività) e meccanismi di solidarietà (identità territoriale). L’elemento di originalità rispetto a quanto proposto dal rapporto Cultural Heritage Counts for Europe (2015) sta nel riconoscimento di un impatto economico di tali elementi astratti e immateriali che nel rapporto vengono invece proposti nel loro ruolo sociale, psicologico e culturale.
Roberto Camagni ha così sostenuto, supportato e favorito una linea di ricerca dedicata all’esplorazione del ruolo economico di forme intangibili di capitale territoriale nello sviluppo locale che si propone di includere elementi astratti, immateriali, spesso psicologici in modelli quantitativi formali che permettono di misurarne gli impatti. La sua finezza intellettuale e la sua vasta competenza hanno contribuito a un’analisi approfondita del patrimonio culturale, elemento di estremo valore per i territori e per le loro comunità. Il lavoro lungo questa strada proseguirà anche grazie ai suoi insegnamenti e alle sue intuizioni.


Ulteriori approfondimenti

  • Camagni R. (2009), Territorial capital and regional development. In: Capello R., Nijkamp P. (eds.), Handbook of regional growth and development theories. Cheltenham, UK: Edward Elgar Pub. 118‐132.
  • Camagni R., Capello R., Cerisola S., Panzera E. (2020), The Cultural Heritage – Territorial Capital nexus: theory and empirics. Il capitale culturale, Supplementi 11: 33-59. Doi: 10.13138/2039-2362/2547.
  • CHCfE (2015), Cultural Heritage Counts for Europe: Full Report. Accesso 5 giugno 2023.

Articoli correlati

Salute e territorio: quali connessioni?

L'analisi dei dati ISTAT sulle spese comunali del 2020 rivela l'impatto della pandemia sulla sanità territoriale. Mentre alcuni interventi sono stati interrotti per la paura del contagio, altri hanno richiesto maggiori risorse. Il PNRR ha avviato riforme attese da tempo, come il DM 77, definendo modelli per l'assistenza territoriale. È cruciale concentrarsi sulla sanità di prossimità, specialmente nelle aree interne. Il concetto di One Health guida le politiche, evidenziando l'interconnessione tra ambiente, salute umana e animale. L'Italia, nonostante un'elevata aspettativa di vita, affronta sfide demografiche. È necessario riorientare le politiche per affrontare le patologie croniche, garantendo la sostenibilità del sistema sanitario.

Il PNRR per il socio-sanitario: le riforme previste

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è fondamentale per la ripresa post-pandemia in Europa. In Italia, si focalizza su inclusione e salute, destinando rispettivamente il 9% e l'8% del budget. La Missione 5 mira a riformare l'assistenza alle persone disabili e anziane non autosufficienti, mentre la Missione 6 si concentra sulla sanità territoriale e l'innovazione. Tuttavia, manca un'approccio integrato tra le due missioni, nonostante la chiara interconnessione tra salute e qualità della vita quotidiana, come dimostrato dagli impatti della pandemia da Covid-19.

Le regole per la sanità (e la salute) di prossimità

La salute è un sistema che interviene con azioni diverse sulla malattia ma è anche gioco d’anticipo sulla stessa. Un anticipo che, senza una visione di lunga durata e di pervasività nella società, appare spesso come una spesa rinviabile o un optional. La prevenzione, nelle sue diverse sfaccettature, la medicina di prossimità, le prestazioni a domicilio, sono, al contrario, un investimento obbligatorio sul futuro, strettamente connesso all’uso delle risorse (umane, tecnologiche, economiche) disponibili sul territorio.

La spesa dei comuni per i servizi sociali: trend e divari territoriali

L'analisi del 2021 sui Conti Pubblici Territoriali mostra che l'Italia investe consistentemente in sanità e servizi sociali, con una spesa media di 2.179€ per la sanità e 1.474€ per interventi sociali pro capite. Nel 2020, i comuni hanno destinato 7,85 miliardi di euro, lo 0,47% del PIL, ai servizi sociali, con un aumento del 4,3% rispetto al 2019. Le disparità regionali sono evidenti, con il Nord che supera il Mezzogiorno. Il 36% della spesa comunale va agli interventi diretti, il 32% alle strutture e il 31% ai trasferimenti in denaro, con un notevole aumento nel 2020. Si notano aumenti nella spesa per povertà e disagio, ma preoccupa il calo degli investimenti per gli anziani, nonostante l'invecchiamento della popolazione.

La struttura demografica italiana e l’importanza dell’integrazione socio-sanitaria

L'Italia affronta una struttura demografica regressiva con un numero sempre più alto di anziani rispetto ai giovani. L'indice di vecchiaia nel 2023 è del 193,1%, indicando una popolazione anziana in crescita. La bassa natalità e l'incremento dell'aspettativa di vita creano sfide per il sistema socio-sanitario. La Legge n. 33 del 2023 si propone di affrontare queste sfide promuovendo politiche per l'invecchiamento attivo e l'assistenza agli anziani non autosufficienti. L'integrazione tra servizi sanitari e sociali diventa cruciale per la sostenibilità del sistema.