1 Dicembre, 2022

Editoriale – Un dibattito rapido, rigoroso e aperto sull’evoluzione delle città e dei territori

Tempo di lettura: 3 minuti

Al primo numero di una testata spetta il compito di fissare i propri obiettivi. Ultima nata fra le riviste dell’Associazione Italiana delle Scienze Regionali, DiTe si pone lo scopo di indagare ciò che di nuovo e importante caratterizza città e territori, con velocità e rigore, a partire da tutti gli strumenti che le scienze sociali mettono in campo per comprendere e prevedere le trasformazioni dei luoghi che abitiamo.

L’avvio della rivista coincide con un momento importante del Paese. Dopo due anni di pandemia e dopo diversi lustri senza crescita, il PNRR può rappresentare un importante fattore di sviluppo per città e regioni che hanno conosciuto nel frattempo importanti processi di polarizzazione e crescita delle diseguaglianze.

Non è un caso che questo primo numero cominci con una riflessione su questo tema con il proposito di aprire un confronto che auspicabilmente ci impegnerà anche in futuro per considerare le implicazioni di un così vasto programma di investimenti.

Entro una prospettiva più ampia e generale, le città e le regioni del paese sono chiamate a dare sostanza a parole d’ordine come sostenibilità, circolarità, de-carbonizzazione. Sono chiamate a rendere concreta la transizione a un nuovo modello economico capace di tenere insieme sviluppo e sostenibilità ambientale, crescita del benessere e inclusione sociale. Di questi temi la rivista vuole essere luogo di discussione e di dibattito, capitalizzando la ricchezza delle posizioni che, dentro e fuori dall’AISRe, sapranno dare il proprio contributo.

La rivista intraprende questo percorso con alcuni tratti che intendono renderla peculiare. La capacità di comunicare con sintesi e precisione è il primo. La comunicazione digitale impone strumenti capaci di arrivare al nocciolo di un problema in tempi rapidi. Contenuti anche complessi possono essere utilmente esposti e condivisi in forme che valorizzino rapidità ed esattezza di pensiero a beneficio di lettori che vogliono acquisire un punto di vista, la sintesi di una ricerca, l’analisi di un provvedimento in un tempo ragionevolmente contenuto.

Il rigore è il secondo aspetto che intende qualificare gli articoli della rivista. La sintesi e la brevità non possono compromettere la solidità della logica interna dei pezzi. L’associazione riunisce per larga parte persone che partecipano al dibattito culturale e scientifico e la solidità degli argomenti non può essere messa in discussione.

La rivista infine è aperta. L’ambizione è di riunire contributi dalla provenienza anche diversa – dalle università alle professioni, dalla amministrazione pubblica ai corpi intermedi – per restituire la molteplicità dei punti di vista e delle posizioni che contraddistinguono il dibattito. Culture e retroterra diversi, dunque, che trovano nella nuova rivista un’occasione di dialogo e di confronto dialettico, poiché non è affatto scontato che su ogni punto vi sia consenso unanime.

La call promossa in questo primo numero è risultato conseguente di questa scelta di apertura: le tante posizioni e sensibilità presenti nell’Associazione e in coloro che ne seguono le attività possono trovare nella rivista un luogo virtuale di dialogo per far crescere il dibattito intorno ai tanti temi che riguardano lo sviluppo di città e territori.

Il mio personale ringraziamento a Roberta Capello che presiede l’Associazione per avermi indicato come direttore della testata e ai membri del comitato di redazione Stefano Casini Benvenuti, Laura Fregolent, Antonella Guida, Antonio Lopes, Vincenzo Santandrea che mi affiancano in questo progetto. Aggiungo i miei ringraziamenti a Eleonora Righetto, segretaria di redazione, il cui aiuto è stato ed è prezioso per l’avvio della rivista.
Ora, l’augurio di buona lettura.

Ezio Micelli

Direttore DiTe

Ezio Micelli
Ezio Micelli
Professore ordinario di Estimo all’Università Iuav di Venezia, da anni svolge attività di ricerca incentrata sull’analisi e sulle politiche relative ai mercati immobiliari e fondiari e sui temi legati alla valutazione di piani e progetti, con particolare attenzione alla relazioni tra pubblico e privato nella gestione innovativa degli strumenti urbanistici. Su tali temi di ricerca ha pubblicato in numerosi saggi e per riviste nazionali e internazionali. Ha collaborato a diversi progetti (fra gli altri, al Piano di Governo del Territorio di Milano e al Piano Strutturale di Bologna). È stato Assessore all’Urbanistica del Comune di Venezia ed è stato membro del gruppo di lavoro Rinnovo Urbano del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti per la riforma della legge nazionale urbanistica.

Articoli correlati

PNRR e sviluppo locale: approcci e prospettive

Il PNRR è un’opportunità per l’Italia per le risorse economiche che mette in campo ma anche per la valenza strategica adottata e coerente con gli obiettivi del Green Deal europeo. Diverse le questioni alle quali porre attenzione in fase attuativa per le ricadute e gli impatti che avranno su città e territori, alcune esaminate in questo numero.

La logistica a servizio dell’e-commerce in un quadro urbanistico da riformare

La crescita dell’e-commerce sta producendo diverse criticità nel rapporto tra logistica e territorio: la sostanziale liberalizzazione che oggi caratterizza le diverse tipologie di servizi logistici dovrà inevitabilmente rientrare nelle strategie di governo del territorio a scala vasta, ponendo attenzione non solo alle iniziative proposte dal PNRR, ma anche al quadro di riforma urbanistico

Editoriale – Nasce uno strumento per un dibattito colto, veloce e di frontiera sulle dinamiche dei nostri territori

Viviamo in un’epoca di cambiamenti paradigmatici, di natura tecnologica,...

Il Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’abitare (PINQuA) nel PNRR

L'articolo restituisce gli esiti del “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare” (PinQua) finalizzato alla rigenerazione e all’incremento del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, alla riduzione del disagio abitativo e a favorire una maggiore coesione sociale. Esplicito l’investimento politico e progettuale sull’edilizia residenziale pubblica in alcune aree del paese.

PNRR, riforme e tutela della concorrenza

A partire dalle tipologie di riforme previste nel PNRR e dai loro potenziali effetti sul tasso di crescita delle differenti attività economiche, il contributo approfondisce prime questioni problematiche sulla tutela della concorrenza, in uno scenario evolutivo orientato al trattamento esclusivo dei servizi commerciali urbani e dei poli funzionali nelle politiche di governo del territorio.