9 Febbraio, 2023

Senza valore, senza plusvalore e senza uso. Il patrimonio fuori dalla rigenerazione

Tempo di lettura: 5 minuti

In Italia esiste una grossa fetta di patrimonio immobiliare che è rimasta, di fatto, al di fuori dalle principali politiche urbane e territoriali. Si tratta di quel patrimonio che ho chiamato in un recente libro la città senza valore (Rusci, 2021), ovvero quel patrimonio che ha perduto da prima la sua capacità di produrre plusvalore – ovvero di essere un bene redditizio – poi il suo valore di mercato – ovvero la sua capacità di essere scambiato e convertito in moneta – ed in molti casi anche il suo valore d’uso – ovvero la sua capacità di rispondere alle domande dei suoi utilizzatori e possessori.

È il patrimonio dismesso ed obsoleto che caratterizza molti territori d’Italia, non solo quelli delle aree interne, ma sempre più anche l’Italia delle piccole città di provincia rimaste disconnesse dalle reti globali e nazionali sulle quali circolano oggi risorse, lavoro, servizi e conoscenza.

È un patrimonio, quello senza valore, in forte crescita, grazie ad una tendenza naturale del capitale alla polarizzazione, ma anche grazie a politiche pubbliche che, soprattutto nell’ambito delle infrastrutture, hanno inseguito bovinamente l’investimento privato.

È un patrimonio lontanissimo dall’immaginario romantico del borgo abbandonato (al quale ha ceduto il PNRR con il bando del Ministero della Cultura), spesso composto da un’edilizia nata nei piccoli o grandi boom locali tra gli anni ’60 e ’90, e che si presenta come tarmatura del tessuto urbano (Lanzani & Curci, 2018): in una fitta commistione e alternanza tra immobili ancora in uso e in buono stato di manutenzione ed immobili obsoleti e abbandonati. A volte una tarmatura di grana finissima, che può interessare le unità immobiliari di uno stesso edificio.

Figura 1. Fotografia di Francesca Benelli (2017)

Rappresenta oggi, e rappresenterà in futuro, un problema per due ordini di motivi: il primo, già enunciato, è che questo patrimonio sta al di fuori del raggio di azione delle consuete politiche urbane. Al di fuori della rigenerazione, perché incapace di sostenere economicamente la sua trasformazione; al di fuori delle politiche di uso (temporaneo, sociale, pubblico o collettivo), perché posto in contesti dove una domanda di uso non si dà più, ma dove anzi esiste un enorme surplus di offerta immobiliare e localizzativa; al di fuori delle politiche di incentivo, perché, per le ragioni già esposte, non si rileva alcuna convenienza al suo riutilizzo, ancorché sovvenzionato da fondi pubblici.

Per questo rappresenta oggi un relitto urbano alla deriva.

Difficile, anzi difficilissimo, pensare ad un suo diffuso riuso grazie alle presunte ondate di ripopolamento post-covid che, per ora, hanno colonizzato le pagine dei giornali più che i territori.

La sua impermeabilità alle politiche di rigenerazione fa sì che questo patrimonio permanga problematicamente sul territorio, generando criticità puntuali di incolumità e decoro e criticità più diffuse di deprezzamento immobiliare e di degrado ambientale. Più in generale problematiche di convivenza, di compatibilità e di integrazione con ciò che gli sta intorno.

Il secondo motivo che lo rende problematico è la sua sostanziale ineliminabilità. È un patrimonio irreversibile, la cui cancellazione (demolizione) comporta costi non dissimili da quelli impiegati per la sua edificazione, ed evidentemente insostenibili sia per le disponibilità pubbliche che tantomeno per quelle private. Si aggiunga a questo quello che ho altrove definito “principio di conservazione dell’edificabilità” (Rusci, 2021), ovvero il fatto che questo patrimonio costituisce per il suo possessore un titolo permanente per l’edificazione o per la riedificazione, da tenere buono per future necessità o da poter trasferire se gli strumenti urbanistici lo consentono. Un titolo per altro defiscalizzato, grazie all’esenzione riservata alle unità collabenti (la categoria catastale che definisce i ruderi di edifici) e agli abbattimenti per gli immobili non utilizzati previsti dalla legge di bilancio 160/2019.

Figura 2. Fotografia di Francesca Benelli (2017)

All’interrogativo su cosa farne le risposte gravitano inevitabilmente attorno alla rigenerazione, al riuso e più di recente alla resilienza. Termini spesso vuoti e retorici che si esauriscono di fronte alla pragmatica insostenibilità economica del suo recupero e all’assenza di soggetti interessati al suo riuso; di fronte anche alla difficoltà di arginare, con politiche locali, dinamiche fortemente ancorate ai processi globali di localizzazione della produzione e della popolazione.

Merita allora, forse, compiere uno sforzo concettuale, ammettendo che possa esistere un patrimonio non valorizzabile (non coinvolgibile in politiche di riattribuzione di produttività, di valore e d’uso), almeno non in un orizzonte di breve e medio periodo e non attraverso forme preordinate di prefigurazione (piani e progetti). Ammettere cioè che non tutto può essere rigenerato e non tutto può divenire resiliente, ma che, al contrario, le città e i territori sono composti da elementi fragili e problematici con i quali si deve convivere nel migliore dei modi possibili.

Un patrimonio, dunque, da gestire come risorsa – ecologica, storica o paesaggistica – da custodire e tutelare nel lungo periodo trovando le modalità (e soprattutto le politiche) per una sua pacifica coesistenza con ciò che ancora è in uso.

Chiamarlo terzo paesaggio, rovina della contemporaneità (Clément, 2005) e su di esso intervenire con low renovation, building freezing, set-aside urbani o con processi di rinaturalizzazione controllata sono i primi embrionali e sporadici tentativi che sono stati teorizzati e in qualche caso applicati.

Riferimenti bibliografici

  • Clément, G. (2005). Manifesto del Terzo paesaggio. Macerata: Qudlibet
  • Lanzani, A., & Curci, F. (2018). Le Italie in contrazione, tra crisi e opportunità. In A. De Rossi, Riabitare l’Italia. Le aree interne tra abbandoni e riconquiste. (p. 79-107). Roma: Donzelli
  • Rusci, S. (2021). La città senza valore. Dall’urbanistica dell’espansione all’urbanistica della demolizione. Milano: FrancoAngeli

Articoli correlati

La cura al centro, per un abitare collaborativo

La domesticizzazione della donna mediante l’attribuzione di una presunta maggiore propensione nella gestione dei lavori domestici ma anche nella decorazione della casa è, sin dalla sua nascita, un processo essenziale per la sopravvivenza del capitalismo. L’abitare collettivo e collaborativo si offre come un bisogno, uno strumento di liberazione delle donne e come strategia di riformulazione di un abitare più affine alla condizione familiare e affettiva contemporanea.

Una lettura socio-ecologica dell’abitare

Un’ampia letteratura scientifica, da tempo, affronta le questioni abitative attraverso la lente della crisi in connessione al progresso capitalistico. L’attuale crisi climatica e le sue ricadute territoriali ci pongono di fronte all’urgenza di affrontare le questioni abitative in modo da stimolare un abitare più in equilibrio con i valori ecologici e benessere di tutti.

I conflitti tra la sostenibilità urbana e l’accesso alla casa in Norvegia

Il concetto di sostenibilità urbana, come ampiamente discusso soprattutto nella letteratura su ecologia politica e giustizia ambientale e sociale, è da una parte politicamente molto efficace, dall’altra ricco di conflitti e contraddizioni. A livello globale, la sostenibilità è diventata concetto e obiettivo dominante di politiche urbane ed è spesso usata come strumento di place branding per attrarre investimenti ed accrescere la competitività economica al livello internazionale. Attraverso il caso di Oslo, più volte riconosciuta come esempio internazionale di città “green” e sostenibile, in questo breve contributo si esplora come la prioritizzazione della retorica ambientale abbia trascurato diversi aspetti di sostenibilità sociale, in particolare in termini di accesso alla casa.

Le politiche di sviluppo nelle grandi aree dismesse

Partendo dalla promozione del turismo e dall’implementazione di mega-progetti di trasformazione urbana, alcune riflessioni e contraddizioni che caratterizzano lo sviluppo urbano, tra obiettivi mirati ad aumentare la competitività dei territori e a rispondere ai bisogni reali locali. Lo scopo finale è far emergere alcune questioni generali che interrogano la capacità delle politiche e della Politica di governare lo sviluppo a partire dai territori.

La progettazione di un processo di riuso: l’esperienza dell’ex chiesa dei Morticelli a Salerno

Il dibattito internazionale sul riuso adattivo dei luoghi del patrimonio culturale e sugli impatti multidimensionali che questi asset generano attraverso processi community-based rappresenta il contesto in cui si inserisce la sperimentazione SSMOLL: San Sebastiano del Monte dei Morti Living Lab. Il riuso dell’ex chiesa “dei Morticelli”, attivo nel centro storico di Salerno dal 2018, è un processo di ricerca-azione in cui il riuso di un bene comune diventa lo strumento per innescare comunità attive e sostenere le capabilites degli abitanti. Attraverso un percorso adattivo, il riuso del Bene ha determinato l’avvio di un più ampio processo di rigenerazione urbana esteso all’intero quartiere.