9 Febbraio, 2023

Il ruolo della rendita urbana nelle dinamiche di contrazione insediativa

Tempo di lettura: 5 minuti

In Italia il dibattito urbanistico, da tempo orientato a contrastare gli effetti negativi dell’espansione urbana e delle dinamiche della rendita fondiaria, deve oggi confrontarsi con i nuovi scenari emersi a seguito della crisi immobiliare ed economica. Nei contesti in cui vengono a mancare le economie di agglomerazione, che tradizionalmente hanno contribuito all’ascesa della rendita urbana, si registra un radicale mutamento delle dinamiche insediative con una significativa contrazione della domanda di edificabilità da parte del sistema imprenditoriale e della proprietà fondiaria.

Anche la pressione della speculazione immobiliare, volta a condizionare l’azione pubblica nei processi pianificazione, risulta oggi fortemente ridimensionata, in particolare nei contesti in cui si registra una rilevante perdita di valore dei diritti edificatori. In alcuni casi, si è assistito anche alla spontanea rinuncia, da parte dei proprietari dei suoli, alla facoltà di costruire attribuita dal piano, auspicando la riconversione all’originaria destinazione agricola.

Si potrebbe avanzare l’ipotesi che, in tal modo, trovi soluzione l’annosa questione della cattura della rendita, di cui si discute da oltre mezzo secolo, e che si possa realmente raggiungere l’obiettivo di azzeramento del consumo di suolo a favore di un sostenuto processo di rigenerazione urbana. In realtà, i dati sul monitoraggio dei processi di urbanizzazione mostrano come il fenomeno di progressiva impermeabilizzazione dei suoli non sia destinato ad arrestarsi nel breve periodo, sebbene si registrino modesti segnali di rallentamento del consumo marginale di suolo in presenza di condizioni di decrescita demografica.

L’incremento dei costi della produzione edilizia e la riduzione dei plusvalori generati dalle previsioni di nuova urbanizzazione mettono in discussione l’efficacia dei meccanismi compensativi e perequativi, a causa della mancata corrispondenza fra diritti edificatori e valori economici su cui si fondava l’equo scambio tra pubblico e privato. In questo scenario si indebolisce l’azione pianificatoria e gestionale degli enti locali, basata sulla fiducia nella capacità della leva immobiliare di generare risorse aggiuntive da utilizzare, attraverso la monetizzazione dei diritti edificatori, per sostenere i costi della città pubblica e per supportare la rigenerazione urbana e territoriale (Serra, 2018). Allo stesso tempo la svalutazione degli immobili determina una generale riduzione della rimuneratività degli interventi sul patrimonio esistente, disincentivando il recupero e il riuso edilizio.

Figura 1. Contesti marginali in contrazione. Il comune di Baradili in Sardegna

Nel territorio nazionale il calo degli investimenti immobiliari si manifesta in maniera disomogenea, riflettendo le disuguaglianze socioeconomiche ed insediative tra le realtà locali. La disciplina urbanistica non è ancora riuscita a adeguare approcci e strumenti per affrontare la nuova stagione della contrazione insediativa, al fine di governare le dinamiche di de-urbanizzazione e di rigenerazione dei tessuti insediativi esistenti, in particolare nei contesti caratterizzati dalla presenza di un patrimonio edilizio in esubero rispetto alla domanda di mercato, in gran parte inutilizzato e pressoché privo di valore economico. Senza il supporto di azioni di rivitalizzazione del tessuto sociale e imprenditoriale locale, con la creazione di nuove economie, le politiche di rigenerazione rischiano di produrre effetti limitati, se non inquadrate in una dimensione strutturale e strategica generale.

Un esempio è costituito dalle esperienze di recupero del patrimonio edilizio abbandonato nei centri storici delle aree interne, con la cessione dell’immobile ad un prezzo simbolico al soggetto attuatore del successivo intervento di ristrutturazione. Anche i meccanismi compensativi che coinvolgono il privato nella riqualificazione urbana e paesaggistica, attraverso la concessione di crediti edilizi per la demolizione con o senza ricostruzione di edifici incompatibili in aree a rischio idrogeologico o a valenza paesaggistica, non possono radicarsi in assenza di valori immobiliari che garantiscano la convenienza economica delle operazioni.

Per quanto riguarda la fiscalità, in grado di incidere maggiormente sul contrasto all’abbandono e sul riuso del patrimonio esistente, si osserva come gli attuali bonus fiscali si orientino in maniera indiscriminata verso la ristrutturazione edilizia e l’efficientamento energetico, compensando il privato persino in misura superiore ai costi sostenuti, a prescindere dal reale valore economico e d’uso degli immobili coinvolti. Tali misure dovrebbero dare impulso a processi di rigenerazione autosostenibili, che difficilmente potranno aver luogo in contesti insediativi marginali e depressi, in assenza di concrete prospettive di sviluppo a breve-medio termine.

Figura 2. Paesaggi dell’abbandono. Il borgo di Gairo vecchio in Ogliastra

Le profonde disuguaglianze territoriali richiedono strumenti calibrati in funzione delle differenti condizioni socioeconomiche locali e attenti alla fattibilità delle azioni promosse. Appare evidente la scarsa integrazione tra le politiche nazionali, regionali e locali che si ripercuote sull’uso razionale ed efficiente delle risorse pubbliche e della leva fiscale. Nuovi approcci perequativi potrebbero contribuire alla redistribuzione dei vantaggi e delle inefficienze generate dalla polarizzazione insediativa e favorire un riequilibrio territoriale (Micelli, Rusci, 2021). Le dinamiche insediative indotte dalla competizione territoriale tra aree urbane forti e territori periferici deboli impongono il superamento del livello di pianificazione comunale al fine di gestire i processi di sviluppo nei poli insediativi e metropolitani per generare risorse utili al potenziamento delle infrastrutture e dei servizi nelle aree interne e marginali che gravitano intorno ad essi.

Riferimenti bibliografici

  • Micelli E., Rusci S. (2021), Rendita, oneri e usi del suolo: una prospettiva di equità territoriale. In Coppola A., Del Fabbro M., Lanzani A., Pessina G., Zanfi F. (a cura di), Ricomporre i divari. Politiche e progetti territoriali contro le disuguaglianze e per la transizione ecologica, Bologna, Il Mulino, pp.187-194
  • Serra, S. (2018), Diritti edificatori e consumo di suolo. Governare il territorio in trasformazione. Milano: Franco Angeli

Articoli correlati

La cura al centro, per un abitare collaborativo

La domesticizzazione della donna mediante l’attribuzione di una presunta maggiore propensione nella gestione dei lavori domestici ma anche nella decorazione della casa è, sin dalla sua nascita, un processo essenziale per la sopravvivenza del capitalismo. L’abitare collettivo e collaborativo si offre come un bisogno, uno strumento di liberazione delle donne e come strategia di riformulazione di un abitare più affine alla condizione familiare e affettiva contemporanea.

Una lettura socio-ecologica dell’abitare

Un’ampia letteratura scientifica, da tempo, affronta le questioni abitative attraverso la lente della crisi in connessione al progresso capitalistico. L’attuale crisi climatica e le sue ricadute territoriali ci pongono di fronte all’urgenza di affrontare le questioni abitative in modo da stimolare un abitare più in equilibrio con i valori ecologici e benessere di tutti.

I conflitti tra la sostenibilità urbana e l’accesso alla casa in Norvegia

Il concetto di sostenibilità urbana, come ampiamente discusso soprattutto nella letteratura su ecologia politica e giustizia ambientale e sociale, è da una parte politicamente molto efficace, dall’altra ricco di conflitti e contraddizioni. A livello globale, la sostenibilità è diventata concetto e obiettivo dominante di politiche urbane ed è spesso usata come strumento di place branding per attrarre investimenti ed accrescere la competitività economica al livello internazionale. Attraverso il caso di Oslo, più volte riconosciuta come esempio internazionale di città “green” e sostenibile, in questo breve contributo si esplora come la prioritizzazione della retorica ambientale abbia trascurato diversi aspetti di sostenibilità sociale, in particolare in termini di accesso alla casa.

Le politiche di sviluppo nelle grandi aree dismesse

Partendo dalla promozione del turismo e dall’implementazione di mega-progetti di trasformazione urbana, alcune riflessioni e contraddizioni che caratterizzano lo sviluppo urbano, tra obiettivi mirati ad aumentare la competitività dei territori e a rispondere ai bisogni reali locali. Lo scopo finale è far emergere alcune questioni generali che interrogano la capacità delle politiche e della Politica di governare lo sviluppo a partire dai territori.

La progettazione di un processo di riuso: l’esperienza dell’ex chiesa dei Morticelli a Salerno

Il dibattito internazionale sul riuso adattivo dei luoghi del patrimonio culturale e sugli impatti multidimensionali che questi asset generano attraverso processi community-based rappresenta il contesto in cui si inserisce la sperimentazione SSMOLL: San Sebastiano del Monte dei Morti Living Lab. Il riuso dell’ex chiesa “dei Morticelli”, attivo nel centro storico di Salerno dal 2018, è un processo di ricerca-azione in cui il riuso di un bene comune diventa lo strumento per innescare comunità attive e sostenere le capabilites degli abitanti. Attraverso un percorso adattivo, il riuso del Bene ha determinato l’avvio di un più ampio processo di rigenerazione urbana esteso all’intero quartiere.