2 Dicembre, 2022

Patrimonio culturale e sviluppo locale in cinque libri recenti

Tempo di lettura: 5 minuti

Da anni ormai una ricca letteratura multidisciplinare ci aiuta nella comprensione del legame tra patrimonio culturale e sviluppo locale. In particolare, questo pezzo si propone di approfondire l’argomento attraverso cinque volumi di recente uscita che forniscono una chiave di lettura aggiornata sul tema.

Il libro curato da Towse e Navarrete (2022) offre una panoramica generale e attuale sulla materia, mentre quello edito da Cooke e Lazzeretti (2018) spiega come il patrimonio culturale possa essere anche motore di resilienza. Altri testi di recente pubblicazione esplorano invece i meccanismi attraverso i quali la relazione tra patrimonio culturale e sviluppo si concretizza, nello specifico il canale turistico (De Ascaniis e Cantoni 2022), e mezzi di trasmissione più sofisticati e intangibili, quali la creatività (Cerisola 2019) e l’identità territoriale (Panzera 2022).

Per cominciare, nella terza edizione di “Handbook of Cultural Economics”, Towse e Navarrete propongono, attraverso numerosi capitoli tematici ad opera di diversi autori, un imprescindibile quadro generale. Accanto ai fondamentali tradizionali temi legati per esempio al capitale culturale di Throsby, ai distretti culturali, ai musei e al patrimonio culturale tangibile e intangibile, il volume include anche la digitalizzazione come elemento nuovo e criticamente importante, dato il suo impatto sulla produzione e sul consumo all’interno dell’economia della cultura, specialmente per quanto riguarda argomenti quali copyright, politiche culturali e gestione delle imprese creative.

La cultura, però, non deve essere considerata esclusivamente come un promotore di crescita economica in quanto tale. Infatti, può anche essere valutata come fattore di resilienza per le economie urbane e regionali. Ce lo mostra bene il testo curato da Cooke e Lazzeretti (2018), spiegando – attraverso una prospettiva multidisciplinare – come le risorse culturali possano essere alla base di un modello di sostenibilità che aiuti ad affrontare efficacemente diversi tipi di shock. In questo senso, gli autori focalizzano la loro analisi su aspetti importanti quali il contributo dell’arte e della cultura per la rivitalizzazione dei territori.

Per quanto riguarda invece i canali specifici attraverso i quali la relazione tra patrimonio culturale e sviluppo locale può meglio concretizzarsi, il più noto e riconosciuto è senza dubbio quello turistico. Benchè si tratti dell’approccio più abituale, rimane comunque ampiamente valido e non bisogna ritenerlo superato. Lo raccontano nel dettaglio gli autori del libro curato da De Ascaniis e Cantoni (2022), fornendo una attualissima rassegna sul ruolo del digitale all’interno dei meccanismi turistici, accanto a temi relativi ad accessibilità, fruibilità e godimento del patrimonio culturale da parte dei turisti. L’obiettivo del volume è proprio quello di approfondire la comprensione di come il digitale possa essere utilizzato per promuovere una relazione sostenibile tra turismo e patrimonio culturale e la trattazione dell’argomento si rileva estremamente interessante.

Malgrado l’innegabile importanza del ruolo del turismo nel mediare la relazione tra patrimonio culturale e sviluppo economico, la letteratura ha evidenziato anche altri canali più complessi e immateriali attraverso i quali l’efficacia del legame che stiamo esplorando può essere favorito. Cerisola (2019) mostra come il patrimonio culturale tangibile possa promuovere spirito critico e ispirare creatività artistica e scientifica a livello locale. L’azione congiunta di questi talenti creativi a sua volta favorirebbe la nascita di idee nuove, originali e innovative e di conseguenza costituirebbe un motore per la performance del territorio. In quest’ottica, il patrimonio culturale influenza lo sviluppo locale in maniera indiretta, sostanzialmente supportando la nascita e il consolidamento di un ambiente creativo, che fa da mediatore verso lo sviluppo del territorio.

In ogni modo la creatività non è la sola caratteristica immateriale ad essere stata studiata in quest’ambito. Panzera (2022) spiega infatti che il patrimonio culturale materiale deve essere considerato anche come un fattore di coesione sociale e benessere individuale, come un facilitatore di relazioni internazionali, un generatore di identità e senso di appartenenza, un fautore di diversità culturale, un fattore localizzativo ed un elemento simbolico. Secondo questa prospettiva, il patrimonio culturale può sostenere lo sviluppo socioeconomico locale attraverso specifiche tipologie di identità territoriale. In presenza di una comunità cosmopolita, inclusiva e consapevole di una certa coincidenza tra l’interesse individuale e quello collettivo, ad esempio, l’azione del patrimonio culturale sullo sviluppo locale sembra essere più efficace e amplificata.

Tutti questi recenti contributi hanno la caratteristica comune di sottolineare, partendo da prospettive differenti, l’importanza costruttiva della cultura e del patrimonio culturale nella crescita socioeconomica dei territori. Inoltre, costituiscono una stimolante dimostrazione del crescente interesse per questi argomenti e spingono ad approfondire sempre di più la nostra comprensione dei diversi aspetti che contraddistinguono l’importante funzione della sfera culturale non solo nello sviluppo cognitivo, educativo, innovativo, storico e identitario di un’area, ma anche – e sempre più chiaramente – in quello sociale ed economico.

Riferimenti bibliografici

  • Cerisola S. (2019), Cultural Heritage, Creativity and Economic Development. Cheltenham: Edward Elgar.
  • Cooke P., Lazzeretti L. (eds.) (2018), The Role of Art and Culture for Regional and Urban Resilience. Oxon: Routledge.
  • De Ascaniis S., Cantoni L. (eds.) (2022), Heritage, Sustainable Tourism and Digital Media. Cheltenham: Edward Elgar.
  • Panzera E. (2022), Cultural Heritage and Territorial Identity – Synergies and Development Impact on European Regions. Cham: Springer.
  • Towse R., Navarrete Hernández T. (eds.) (2022), Handbook of Cultural Economics – Third Edition. Cheltenham: Edward Elgar.
Silvia Cerisola
Silvia Cerisola
Ricercatrice (RTDB) in Economia Regionale e Urbana presso il Dipartimento di architettura, ambiente costruito e ingegneria delle costruzioni (DABC) del Politecnico di Milano. Si occupa prevalentemente dell’impatto del patrimonio culturale e della creatività locale sullo sviluppo economico territoriale. La sua attività di ricerca riguarda anche studi inerenti a disparità territoriali e a produttività locale, svolti nell’ambito di progetti di ricerca nazionali ed internazionali.

Articoli correlati

Qualificare il dibattito intorno all’abitare. Le dinamiche di affordability

Come conseguenza dei fenomeni di accentramento di opportunità e finanziarizzazione della casa, il tema dell’accesso all’abitazione nei contesti urbani più dinamici è tornato rilevante insieme al problema dell’housing affordability – l’insostenibilità dei costi abitativi.

Un nuovo protagonismo dell’edilizia residenziale pubblica

Dopo decenni di disattenzione al tema, la disponibilità di fondi legati al PNRR rappresenta un'opportunità per ripensare il ruolo dei quartieri pubblici – in passato laboratori per sperimentare nuove modalità abitative e di progettazione urbana – e degli enti gestori nella rigenerazione delle città italiane. L’appello a un nuovo protagonismo (sia dei quartieri che degli attori) non è solo alimentato dalla crescente necessità di questo servizio pubblico in tempi di crisi, ma anche dall'esistenza di progettualità e innovazioni nel settore che finora hanno ricevuto poca attenzione.

Territori (troppo) pieni o vuoti? La prospettiva dei vasi comunicanti per agire sulla questione abitativa

Il principio dei vasi comunicanti ci permette di concettualizzare il fatto che i processi territoriali, letti a una scala vasta e non solo locale, vanno intesi come flussi che esprimono una certa relazione tra luoghi. Ne deriva la necessità di ripensare alla questione abitativa da problema “locale” (di eccessiva pressione nei luoghi attrattivi o viceversa di abbandono del costruito in quelli marginali) a problema di “relazione” – o di flussi – tra territori.

La multidimensionalità della condizione abitativa. Dalla Regione Toscana una buona pratica per supportare le policy

La questione abitativa accompagna tutta la vita di un individuo e per questo non può essere affrontata da un unico punto di vista. Essa si manifesta come un “fatto sociale complesso” e per questa sua natura multidimensionale necessita di essere valutata rispetto a tutti i fattori che la influenzano. Ad oggi in Italia la determinazione del disagio abitativo è misurata dal CIPE attraverso la lista di Comuni ad Alta Tensione Abitativa, aggiornata l’ultima volta nel 2003 e che utilizza come unico indicatore il numero di residenti nel Comune. La Regione Toscana, con l’Indice Sintetico di Condizione Abitativa utile a quantificare e qualificare la presenza di criticità abitative alla scala comunale, risulta essere una buona pratica per supportare adeguatamente i policy makers.

Disparità sociali ed economiche del post Covid. Quali sfide per i territori?

In questo numero della rivista DiTe online presentiamo un primo gruppo di contributi tratti dal volume dal titolo “The regional challenges in the post-Covid era”, curato da Annalisa Caloffi, Marusca De Castris e Giovanni Perucca per la collana Scienze Regionali di FrancoAngeli. Il volume raccoglie alcuni contributi presentati nella conferenza AISRe 2021, in cui vari scienziati regionali e urbani hanno discusso vari aspetti della cosiddetta ‘nuova normalità’ del post-Covid. Questo primo gruppo di saggi analizza diverse dimensioni delle disparità socioeconomiche generate o esacerbate dalla pandemia, discutendone l'evoluzione sia a livello locale sia all'interno dei luoghi.