16 Giugno, 2024

I luoghi urbani della mobilità

Tempo di lettura: 6 minuti

Le stazioni e i nodi della mobilità possono attivare la vitalità delle città? Come scalare questo potenziale a strategia urbana? Come innescare su questo nuovi dispositivi di finanziamento?

Tre domande a cui gli articoli qui presentati provano a rispondere. Il primo che ho curato mette in ordine i principi che compongono questo approccio innovativo alla pianificazione che vede nei nodi di interscambio dei luoghi urbani della mobilità. A partire da questo contributo, gli articoli a cura di Roberto Malvezzi e Roberto Nastri arricchiscono il ragionamento in due direzioni. Il primo indaga il potenziale di scalabilità di questi concetti, ovvero quando la progettazione della mobilità attorno ai nodi del trasporto si fa strategia urbana. Il secondo continua il ragionamento su come attuare strategie urbane complesse e integrate, approfittando con efficacia delle enormi risorse disponibili attraverso il risparmio privato gestito.

PUMS di Milano e Bologna

Due recenti esperienze di pianificazione della mobilità delle aree metropolitane riconoscono nei nodi complessi del trasporto pubblico, i centri attorno ai quali ripensare la mobilità e la qualità della vita della città pubblica.

Il Pums (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile) della Città metropolitana di Milano lo chiama LUM – Luoghi Urbani di Mobilità, mentre il Pums di Bologna Centri di Mobilità.

Il principio è lo stesso, ridefinire i centri di interscambio come nuovi luoghi identitari e attivatori della qualità e della vitalità dei Comuni metropolitani interessati, con un cambio di paradigma: vedere in questi nodi complessi non solo una funzione trasportistica, ma un’occasione di rigenerazione dei contesti in cui sono collocati.

Questa strategia può essere ricondotta a due chiavi di lettura, che trovano riscontro in letteratura e in diverse esperienze di livello europeo:

  • LUM come integrazione spaziale e funzionale tra diversi servizi di mobilità, soprattutto condivisa;
  • LUM come strategia territoriale integrata per la rigenerazione di aree attorno ai nodi del trasporto pubblico.
Figura 1 – PUMS Bologna – Schema tipologico del Centro di Mobilità in rapporto alla sua area di influenza

LUM come integrazione di servizi di mobilità

La prima chiave interessa un aspetto più strettamente funzionale di questi punti come nodi per l’integrazione tra diversi servizi di mobilità, soprattutto condivisa. A questo filone si rifà il termine Mobility Hub, un concetto che si afferma dal 2015 con il crescere delle offerte di sharing mobility e si consolida negli anni successivi come strategia per attuare le politiche basate sul modello MaaS (Mobility as a Service) e di promozione della mobilità elettrica.

La strategia ha una dimensione scalabile e diffusa. Si innesta su contesti territoriali diversi, dagli ambiti periferici rurali fino ai grossi nodi del trasporto pubblico. Per questa ragione, è una strategia che non riguarda interventi singoli ma una maglia di micro-hub della mobilità su più punti.

Le esperienze a livello europeo evidenziano però la sua applicazione più frequente nel micro contesto spaziale e di quartiere attorno alle fermate del trasporto pubblico (Bus, Tram, LightRail), a supporto degli spostamenti da e per l’ultimo miglio. La lettura delle diverse esperienze porta a definire il Mobility Hub come un luogo urbano con quattro caratteristiche principali:

  1. Combina diverse offerte di trasporto pubblico e condiviso;
  2. Ridisegna e qualifica uno spazio urbano di qualità;
  3. Rafforza i servizi per la collettività;
  4. Progetta uno spazio visivo che comunica le diverse opportunità di mobilità.

LUM come strategia territoriale integrata

La seconda chiave di lettura riguarda la dimensione territoriale strategica e il potenziale di urbanità dei grossi nodi del trasporto pubblico. Il LUM si posiziona con un salto di scala rispetto al concetto di Mobility Hub, in particolare per i potenziali impatti positivi sui contesti di riferimento.

Oltre agli aspetti funzionali del nodo di trasporto, vengono riconosciuti infatti gli aspetti ambientali, sociali ed economici quali criteri guida per la riqualificazione di questi nodi complessi e delle aree che li circondano.

In questo filone rientrano i concetti di TOD – Transit Oriented Development e la sua più recente evoluzione in MODe – Mobility Oriented Development dove il significato di trasporto (perlopiù collettivo transit) muta a mobilità, come insieme degli spostamenti delle persone e merci all’interno di un territorio. Infine, il termine Living Station definisce l’evoluzione di questi approcci e li proietta verso il modello di stazione del futuro.

Living Station

Oltre agli aspetti funzionali, il principio Mobility Oriented Developmentafferma la rilevanza degli aspetti ambientali, sociali ed economici quali criteri guida per la progettazione e la riqualificazione di questi nodi complessi. Inoltre, questo termine afferma l’importanza di una pianificazione integrata di funzioni alla mobilità (proprie del nodo) e servizi urbani di qualità a supporto della residenza, il tempo libero, il lavoro da promuovere nell’area intorno al nodo, capace di attrarre nuovi flussi e capitali. Infine, viene data una certa rilevanza alla promozione di nuovi strumenti finanziari e di partenariato Pubblico Privato per lo sviluppo integrato del nodo e delle aree attorno.

Figura 2 – Living Station (Arup, 2020)

Living station è un concetto elaborato da ARUP in una serie recente di approfondimenti e pubblicazioni del 2019 e 2020, dove in questa visione, lo spazio-stazione rimane il centro del movimento delle persone per l’accesso e le connessioni tra le reti di mobilità, con importanti innovazioni nei mezzi e nelle tecnologie. Le stazioni diventano spazi più complessi, che trovano nel concetto di living il filo rosso di nuove vocazioni.

I principali tratti delle living stations sono i seguenti:

  1. Spazio senza confini. La stazione del futuro è un luogo fluido senza confini tra spazio fisico e digitale, dimensione pubblica e privata, edificio e città;
  2. Human-centred design. Gli spazi sono progettati per accogliere utenti con diverse capacità fisiche e mentali, culturali e di conoscenza digitale. Lo spazio viene così doppiato da un sovra-livello digitale che accompagna l’utente in un servizio altamente personalizzato;
  3. L’esperienza digitale. L’innovazione delle tecnologie digitali, come l’Internet of Things (IoT) e il machine learning (ML) rendono fluidi gli spostamenti dell’utente, ticketless e senza barriere. In questo ambiente, i dati generati dagli utenti gestiscono in tempo reale l’esperienza-viaggio dello stesso utente e ottimizzano il sistema nel suo complesso;
  4. Spazio-città. La stazione come luogo di qualità per esprimere l’identità, la vocazione e il carattere delle città in cui sono inserite;
  5. Spazi generativi e inclusivi. Le stazioni sono luoghi capaci di generare valore per le comunità, con la creazione di funzioni e servizi ad alto ritorno sociale.

Ulteriori approfondimenti

Centri di mobilità. Linee di indirizzo per la progettazione, PUMS della città metropolitana di Bologna. pumsbologna.it

I contenuti dell’articolo sono stati sviluppati all’interno del progetto di ricerca “OICR e investimenti urbani”, finanziato da InvestItalia/Presidenza del Consiglio e sviluppato da AUDIS in collaborazione con l’Università di Parma e la Città Metropolitana di Milano. I casi di studio presentati sono tratti da uno studio di benchmark internazionale scaricabile al seguente link http://audis.it/ricerca/8258/

Articoli correlati

Politicizzare la “restanza”

La marginalizzazione delle aree interne non è un esito di dinamiche naturali, bensì il risultato di politiche pubbliche urbanocentriche, che hanno aumentato le disuguaglianze territoriali. Per invertire le tendenze servono sguardi nuovi, dare voce ai residenti, a chi è restato e a chi è tornato a vivere in altura, ascoltare chi vuole partire, gli innovatori, quanti manutengono e rafforzano le relazioni e l’economia minuta dei paesi. Sul piano delle politiche, bisogna superare la normatività del tot e costruire nuove forme di intervento pubblico attente alle persone nei singoli luoghi.

Un welfare su misura per le aree demograficamente rarefatte

Le trasformazioni demografiche in atto in Italia hanno già, e avranno in un futuro molto vicino, importanti ricadute sulla coesione sociale. Richiedono attente valutazioni nel campo delle politiche di welfare e percorsi sperimentali da avviare in tempi rapidi. Perché non iniziare dai contesti territoriali in cui la presenza umana si è ridotta più marcatamente, nelle aree interne contrassegnate dalla rarefazione demografica? Servono un approccio place based e uno sguardo che fa del margine un osservatorio privilegiato per l’analisi di questioni che riguardano l’intero Paese.

Spopolamento e bellezza, accoglienza e parola

Le politiche di contrasto allo spopolamento delle aree interne possono diventare vincenti se sensibili ai luoghi e alle persone che li abitano, se strettamente connesse e ispirate alle peculiarità del territorio e all’identità culturale di chi ci vive. Dovrebbero alimentare, in chi non ha ancora abbandonato la propria terra e nei giovani che si sono assentati per studiare o che sono andati a lavorare altrove, la consapevolezza di quello che il territorio ha da dare. In modo da innescare “sguardi nuovi” su “antiche certezze”, attualizzare il presente senza dimenticare il passato, immaginare come essere protagonisti nel futuro. In tutto questo la “bellezza” e la “parola” sono due dimensioni fondamentali, innate e presenti, magari dormienti e pertanto riattivabili

Libere, non coraggiose. Per pianificare città più sicure per tutti i corpi

La paura del crimine è un problema più grave del crimine stesso», diceva Rachel Pain nel 2001. In particolare, la paura che donne e soggettività queer percepiscono negli spazi pubblici, soprattutto di sera e di notte, è un argomento di cui oggi più che mai è necessario occuparsi. Sebbene la percezione di insicurezza sembri essere più legata a narrazioni mediatiche che alla effettiva pericolosità delle città, è importante mettere a fuoco i fattori che concorrono a questa sensazione e, attraverso analisi di casi specifici, delineare una serie di pratiche utili a trasformare le nostre città e realizzare spazi pubblici più sicuri e accessibili per tutti.

City of care: la cura al governo della città

Pianificare le città a partire da una prospettiva di genere significa, concretamente, tenere conto della vita quotidiana di donne, uomini e minoranze di genere. L’ascolto e la comprensione dei bisogni che queste vite esprimono sono alla base dell’elaborazione di politiche pubbliche inclusive delle esigenze, non solo delle donne, ma di tutti i corpi e le vite che eccedono dal paradigma funzionale. La cura, da gabbia che incatena il genere femminile a una sequenza di responsabilità -spesso non retribuite- legate alla sfera affettiva e domestica, dovrebbe trasformarsi nel motore di un nuovo tipo di socialità, per il bene di tutte e tutti.