1 Dicembre, 2022

Perché conta la cultura? Innovazione e partnerships nelle mostre del Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Tempo di lettura: 6 minuti

I grandi musei delle capitali più importanti del mondo oltre a plasmare lo sviluppo dello spazio urbano e di fruizione dell’offerta culturale, contribuiscono a costruire coalizioni di attori capaci di mobilitare le energie sociali che concorrono alla crescita del territorio. Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli è un esempio virtuoso, coerente con la Convenzione di Faro e l’Agenda Unesco. E’ un’istituzione culturale di alto profilo e di lunga durata — a partire dai tempi di Carlo III di Borbone, allorquando il Museo aveva il ruolo di conservazione e promozione della cultura classica nel mondo del XVIII secolo.

Recentemente, l’apertura del Museo nei confronti della città ha innescato processi di inclusione sociale che ne hanno amplificato la missione educativa ed emancipativa. Il potenziale formativo e imprenditivo delle attività di educativa territoriale, di promozione delle imprese culturali e creative e di riqualificazione delle aree più degradate ha messo in moto processi di cambiamento di natura relazionale, socioculturale e materiale. Nel contesto urbano e regionale più ampio, le relazioni di collaborazione che il Museo intrattiene con le istituzioni di governo, le altre istituzioni di cultura e con le imprese culturali e creative nonché la crescente attrazione di visitatori residenti e provenienti da altre regioni e da altri paesi del mondo alimentano inedite forme di imprenditorialità che creano ricchezza e occupazione sul territorio, ma anche avanzamento civile e socio-culturale. In tale contesto, l’emergenza Covid, se ha interrotto bruscamente i flussi dei visitatori in presenza, ha anche offerto l’occasione per sostenere la trasformazione digitale a tappe forzate, con guadagni di efficienza e nuove modalità di fruizione culturale e di cooperazione nelle reti lunghe dello spazio virtuale. Come dare conto del valore che si è generato sul territorio?

Figura 1 – Sala della Meridiana, Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Con un focus sulle mostre, lo studio sull’impatto sociale del MANN condotto in collaborazione con il Centro Interdipartimentale – LUPT dell’Università di Napoli Federico II prova a superare un impianto valutativo che ha finora privilegiato l’attenzione ai flussi di visitatori e alle entrate derivanti dai biglietti venduti. Come è noto, si tratta di indicatori comunemente adottati per documentare il successo di pubblico delle mostre e la capacità delle stesse di mobilitare risorse finanziarie a vantaggio dei musei autonomi. Eppure le metriche appena riportate non colgono importanti aspetti relazionali e culturali che concorrono a generare valore per il territorio. 

In ragione delle lacune evidenziate, lo studio prende le mosse dai dati dei visitatori e degli introiti della bigliettazione, ma li integra con un’indagine sulle collaborazioni avviate con artisti e ricercatori, con le istituzioni di governo locale e regionale, l’Università, l’Accademia di Belle Arti, il mondo dell’associazionismo. L’analisi si interroga sulla capacità di innovazione dell’offerta culturale attraverso la co-creazione ed esplora la multi-dimensionalità del valore, interpellando un panel di esperti al fine di caratterizzare le dimensioni di natura storica, politica, simbolica, spirituale, estetica e sociale che la letteratura sul valore (economico) dell’arte ha messo recentemente a fuoco (cfr. Angelini, e Castellani, 2019). 

Su un campione di 18 mostre realizzate tra il tra il 2016 e il 2022, oltre ai dati quantitativi sui biglietti e i visitatori, la ricerca ha preso in esame le informazioni qualitative desunte dalle interviste con testimoni privilegiati. Lo studio approfondisce la logica delle collaborazioni e i relativi costi, rischi e benefici. Superando la mera conta delle relazioni avviate, le interviste scavano in profondità nella governance dei partenariati, nella leadership, nelle aspettative dei partners e negli esiti attesi e inattesi percepiti e riconosciuti dagii attori del territorio intervistati. Le informazioni raccolte hanno, così, permesso di sviluppare una serie di ipotesi sugli elementi che concorrono a generare il valore sociale, culturale ed economico delle mostre.

Sono state esaminate, in particolare, due condizioni assunte come cruciali a caratterizzare il valore delle mostre, vale a dire la relazionalità sviluppata nell’ideazione e nell’organizzazione delle mostre e l’innovatività del loro contenuto rispetto all’offerta culturale tradizionalmente associata al MANN.

I risultati dell’analisi comparativa qualitativa (QCA) mostrano che entrambe le condizioni considerate — sia singolarmente che insieme — sono sufficienti a dar conto del valore delle mostre esaminate, in aggiunta agli indicatori dei visitatori e dei ricavi. Il contenuto innovativo della mostra si collega ad un più elevato valore socioeconomico, in termini di ricavi e visitatori. Il che conferma l’importanza del valore simbolico dei prodotti culturali che come per qualsiasi prodotto industriale (si pensi ad es. alla vespa…) non è unicamente associato a caratteristiche tecniche o tecnologiche di alto valore aggiunto. Il risultato conferma anche che l’innovazione culturale è un potente motore di sviluppo di un museo, come concludono Coblence & Sabatier (2014 ) studiando il Louvre.

Figura 2 – “Vicolo della cultura” nel Rione Sanità (NA)

Per quanto riguarda le relazioni collaborative, i risultati della QCA suggeriscono che le partnership hanno un peso maggiore nella creazione del valore culturale delle mostre. Le collaborazioni del MANN operano come meccanismi di coinvolgimento degli attori, piuttosto che come soluzioni organizzative di divisione del lavoro e di riduzione dei costi della produzione. Le partnership favoriscono una più radicata presenza del Museo nel contesto regionale, contribuendo a dare rilievo e significato al ruolo di impulso e di attrazione che il Museo svolge nella programmazione dell’offerta culturale e degli investimenti produttivi. Si tratta di un valore politico delle mostre, collegato alla democraticità delle decisioni e alla mobilitazione di una leadership diffusa e partecipativa, che aiuta a formare capacità decisionali e organizzative sul territorio — tipicamente sottodimensionate nei contesti meno avanzati, come ci ricorda Hirschman. Ne è un esempio rilevante l’iniziativa del Quartiere della cultura che, definendo uno spazio fisico di azione al di fuori delle mura del Museo, favorisce la pianificazione delle iniziative di rigenerazione urbana del Comune di Napoli e gli investimenti produttivi delle imprese e delle organizzazioni del terzo settore. Ma il quartiere della cultura è anche e soprattutto uno spazio di ricerca delle radici culturali delle comunità del Mediterraneo che hanno popolato il territorio partenopeo e il Mezzogiorno d’Italia nei secoli: il Quartiere della Cultura è, quindi, un terreno di dialogo e cooperazione tra le tante e diverse culture del mondo che trovano ideale riconoscimento e valorizzazione nelle mostre del MANN.

Riferimenti bibliografici

Angelini F., Castellani M. (2019), Cultural and economic value: a critical review. Journal of Cultural Economics, 43, 2:173-188.

Coblence E., Sabatier V. (2014), Articulating Growth and Cultural Innovation in Art Museums. International Studies of Management & Organization, 44, 4: 9-25.

MANN (2022), Il quartiere della cultura. I quaderni del MANN. Napoli: in corso di pubblicazione.

Mita Marra, Roberto Covino
Mita Marra, Roberto Covino
Mita Marra: Insegna Politica economica all’Università di Napoli Federico II. Esperta di valutazione di politiche di innovazione e sviluppo. Ha un master in International relations presso Johns Hopkins University (1998) e un PhD in Public Policy presso George Washington University (2003). Ha collaborato con la Banca mondiale, le Nazioni Unite, la Commissione europea e altre istituzioni pubbliche e private per la valutazione di programmi di sviluppo territoriale. * Roberto Covino: Dottore in Sociologia presso l’Università di Napoli Federico II e tirocinante presso il Laboratorio di Valutazione del Dipartimento di Scienze Sociali.

Articoli correlati

Come va la vita in paese? Resilienza economica e reazione durante i lockdown pandemici

Sebbene le pandemie siano state un problema ricorrente nella storia, la pandemia COVID-19 presenta alcune caratteristiche mai sperimentate prima. L'essere umano è sopravvissuto a guerre, catastrofi naturali e shock economici, dimostrando sempre capacità di adattamento a nuove situazioni. Come reagiamo alle situazioni emergenti? Come ha reagito la popolazione dei piccoli comuni durante le forti restrizioni? Quali sono stati i comportamenti di resilienza? Esploriamo questi aspetti attraverso una analisi dei contenuti dei messaggi Twitter.

Se i giovani diventano protagonisti della rigenerazione dei territori

Due progetti avviati da Fondazione Riusiamo l’Italia in Basilicata nel 2022 per sperimentare nei territori rurali del Mezzogiorno metodi e approcci sul riuso creativo, temporaneo e partecipato. Il primo progetto denominato “Mappa delle opportunità ritrovate” è attuato per conto del GAL Cittadella del Sapere consiste in un processo di mappatura del patrimonio dismesso o sottoutilizzato. Il secondo progetto intitolato “Next Generation - Sant’Arcangelo Hub Giovani” ha lo scopo di valorizzare il talento e le competenze di giovani che possano supportare progetti di innovazione in campo sociale, culturale, ambientale e turistico. Le due esperienze definiscono un approccio ad alta vocazione generativa che richiede limitate risorse di adattamento sulle “cose” e maggiori investimenti sulle persone e sulle comunità, sul loro empowerment e sulla propensione a costruire nuovi modelli di sviluppo durevole e sostenibile.

Il progetto NEO a Gagliano Aterno

I piccoli paesi appenninici ribollono di complessità e divengono luoghi fertili per territorializzare alternative culturali e socioeconomiche in tempi di transizione ecologica ed energetica. La dimensione di scala, i vuoti relativi e la posizione decentrata rispetto ai grandi centri antropizzati facilitano tali ambizioni. Attraverso la formazione di operatori di comunità, facilitatori territoriali e neo-popolamento si sperimentano trasformazioni ideologiche e materiali in spazi fragili e marginalizzati sul campo attraverso diversi progetti.

Xfarm agricoltura prossima a San Vito dei Normanni

A San Vito dei Normanni, stiamo trasformando 50 ettari di terre confiscate alla criminalità organizzata in un’azienda agricola, ecologica e sociale capace di generare lavoro, benessere per la comunità e miglioramento dell’ecosistema. Rigeneriamo il suolo, promuoviamo economia circolare, aumentiamo la biodiversità, offriamo prodotti agricoli di qualità, favoriamo inserimenti socio-lavorativi, organizziamo eventi comunitari, sosteniamo la formazione tecnica e la ricerca scientifica, accompagniamo progetti agricoli promossi da giovani del nostro territorio. In tanti e tante, stiamo costruendo un originale hub rurale che vuole contribuire allo sviluppo locale dell’Alto Salento.

L’Hub culturale di CasermArcheologica a Sansepolcro

CasermArcheologica oggi, a distanza di quasi dieci anni è uno dei punti di riferimento per il proprio territorio. E' un centro culturale inclusivo che propone residenze e mostre durante tutto l'anno accompagnate da dialoghi e attività laboratoriali grazie alle quali i linguaggi artistici diventano strumenti espressivi, di scoperta del sè, di orientamento, di socializzazione e capacitazione.