13 Giugno, 2024

Il progetto “Valli Resilienti”: un’esperienza intersettoriale di rigenerazione delle aree interne in Regione Lombardia

Tempo di lettura: 6 minuti

Nel 2016 Fondazione Cariplo ha lanciato una call nei territori della Lombardia e del Verbano-Cusio-Ossola per la partecipazione ad “AttivAree”, un programma intersettoriale mirato a riattivare le aree interne per cui è stato stanziato un cofinanziamento di 10 milioni di euro. L’iniziativa ha inteso aumentare l’attrattività dei comuni lombardi più periferici in termini di accesso ai servizi essenziali, quali la salute, l’istruzione e la mobilità, riducendone l’isolamento e facendo leva sulle risorse delle comunità. Tra gli obiettivi del programma si possono menzionare la promozione dello sviluppo locale attraverso processi partecipativi, la valorizzazione del ruolo e delle competenze del terzo settore, lo sviluppo di interazioni proficue tra aree interne e urbane, la conservazione del patrimonio esistente in modo da limitare ulteriore consumo di suolo e l’adozione di un approccio integrato volto a potenziare le risorse ambientali, economiche, sociali e culturali, nonché i legami di collaborazione, solidarietà e accoglienza del territorio in esame.

A partire dalle idee progettuali presentate da undici diversi territori, sono state selezionate rispettivamente una proposta avanzata dal territorio dell’Oltrepò Pavese e una presentata congiuntamente dalla Valle Trompia e dalla Valle Sabbia in Provincia di Brescia. I progetti vincitori hanno saputo indirizzare le attività verso il tentativo di potenziare e innovare le economie locali e l’imprenditorialità giovanile, specialmente nel settore agricolo, promuovere attività di formazione di carattere scientifico e tecnologico e valorizzare il patrimonio culturale e l’identità locale, comunicando e promuovendo queste risorse territoriali (Osti, Jachia, 2020; Fondazione Cariplo, 2020).

Nello specifico, il progetto “Valli Resilienti” ha avuto una durata triennale (2016-2019) e ha previsto attività dirette a contrastare lo spopolamento dei territori della Valle Trompia e della Valle Sabbia, cercando di potenziare le risorse disponibili e di aumentare le opportunità di lavoro, in particolare per le giovani generazioni e le fasce più deboli della società.

Il partenariato, guidato dalla Comunità Montana di Valle Trompia (capofila) e da quella di Valle Sabbia, si è composto di rappresentanti istituzionali e del mondo sociale, ognuno dei quali ha ricoperto parte attiva nello sviluppo del progetto, come Camera di Commercio, l’Università degli Studi di Brescia, consorzi e diversi enti del terzo settore. Oltre a questi soggetti, sostanziale è stato anche l’apporto di un’ulteriore “rete di sostegno” con 25 Comuni, GAL – Gruppo di Azione Locale, enti del turismo e museali, istituti scolastici, ecc. Il progetto ha quindi rappresentato l’esito di un iter di confronto e progettazione tra i partner che ha consentito di raccogliere contributi per più di 6 milioni di euro, circa 4,5 dei quali sono stati stanziati da Fondazione Cariplo.

Figura 1 – Agriturismo Rebecco Farm in Alta Valle Trompia, a Pezzane (BS)

La strategia si è articolata in 16 azioni organizzate in quattro diversi driver tematici integrati tra loro, che hanno incluso attività come la posa in opera di fibra ottica a supporto di residenti e imprese, l’estensione dei servizi offerti dallo sportello telematico comunale, la realizzazione della rete di percorsi ciclabili Greenway che collega le valli alla città di Brescia, il rilancio di ostelli/case vacanze gestiti da cooperative sociali, lo sviluppo di attività di impresa sociale nel comparto agricolo locale e la creazione di una piattaforma che mette a sistema i negozi di vicinato e propone i loro prodotti su e-commerce, oltre che consentire la consegna di farmaci a domicilio e altri servizi. Quest’ultima piattaforma di home delivery ha rivestito un importante ruolo di sostegno alla comunità durante l’emergenza COVID-19.

La conservazione e valorizzazione dei beni culturali hanno rivestito un ruolo fondamentale tra le azioni del programma, come capitale territoriale da innescare attraverso il supporto degli stakeholder locali.

Un complesso rurale con annesso terreno agricolo sito nel Comune di Pezzaze, ad esempio, è stato restaurato e trasformato nella “Rebecco Farm”, un centro di valorizzazione e sviluppo della cultura rurale del territorio. Il bene è oggi gestito da una rete di imprese agricole denominata “Rebecco Farmer”, che costituisce uno dei primi esempi in Italia di questa particolare tipologia di rete d’impresa, e ospita un bed and breakfast, un bar, degli spazi per la didattica e per la vendita di prodotti locali.

È stata inoltre condotta una mappatura del patrimonio locale, rispettivamente dell’edilizia rurale in Valle Trompia e degli opifici idraulici in Valle Sabbia, che sono stati riconosciuti dai cittadini come patrimonio identitario da conoscere e tutelare attraverso l’impiego di una “Mappa di Comunità”. Sono state in seguito elaborate delle linee guida che forniscono indicazioni operative e suggerimenti di buone prassi per gli interventi di conservazione in riferimento alle scelte legate alla composizione, alle soluzioni tecnologiche e ai materiali dell’architettura. Si tratta di consigli di metodo indirizzati a proprietari, utilizzatori, tecnici e alle amministrazioni, che sono state sollecitate a recepire le indicazioni inserendo azioni di conservazione nel Piano triennale degli investimenti e nei Piani attuativi annuali

Figura 2 – Agriturismo Rebecco Farm in Alta Valle Trompia, a Pezzane (BS)

A partire dal riconoscimento da parte della comunità locale, il progetto “Valli Resilienti” ha cercato di rendere un patrimonio particolarmente vulnerabile uno dei mezzi per innescare meccanismi di rigenerazione della valle.

Il patrimonio culturale ha consentito di sviluppare un modello cooperativo di valorizzazione del territorio basato su un’interazione virtuosa tra i beni culturali e le filiere produttive, l’investimento sul capitale umano, l’innovazione dei servizi e una visione di lungo periodo. Il modello è tanto logico e razionale, quanto inusuale per le prassi della politica e della burocrazia italiane. La leva impiegata si è quindi fondata sulla volontà di collaborazione e reciproca contaminazione tra i partner attraverso lo scambio di buone pratiche.

La negoziazione di finanziamenti pubblici e privati, la cura del patrimonio storico-culturale e la sua interazione con altri ambiti produttivi hanno cercato di dimostrare che la capacità di reagire di un territorio non si manifesta unicamente con le realizzazioni fisiche finanziate, ma in particolar modo attraverso il diffondersi di capacità accresciute e la volontà di proseguire. Per tal ragione la resilienza può essere definita come “La capacità di reagire, [e] si basa proprio sulla solidità delle relazioni e delle competenze” (Della Torre, 2017: p. 7).

Ringraziamenti: Le autrici ringraziano Fondazione Cariplo, l’Università degli Studi di Brescia, la Comunità Montana di Valle Trompia e tutti gli altri partner del progetto “Valli Resilienti” per la possibilità di aver preso parte al progetto.

Riferimenti bibliografici

  • Della Torre S. (2017), Presentazione. In: Fanzini D. (ed.), Tecnologie e processi per il progetto del paesaggio. Reti e modelli distrettuali. Santarcangelo di Romagna: Maggioli Editore, pp. 7-8.
  • Osti G., Jachia E. (eds.) (2020), AttivAree. Un disegno di rinascita delle aree interne. Bologna: il Mulino.

Articoli correlati

Spazi ibridi e città di prossimità. Il caso di Milano

Negli ultimi anni si sono moltiplicate esperienze in grado di coniugare attivismo, terzo settore e innovazione sociale nelle nostre città. Sono luoghi variamente denominati che hanno nella loro natura ibrida la loro caratteristica principale. A Milano, con un netto impulso durante la fase pandemica, gli spazi ibridi sono cresciuti e si sono affermati. E oggi possono essere valorizzati nelle politiche pubbliche se è vero che la città punta davvero a essere sempre più inclusiva e di prossimità.

Mare culturale urbano: progetto ibrido in quattro periferie

mare culturale urbano è un progetto di rigenerazione urbana a base culturale nato nella periferia del Municipio 7 di Milano e attualmente diffuso in altri tre quartieri, per proporre un nuovo e migliore stile di vita cooperativo e solidale che ripensi alla cultura, al benessere collettivo e al senso civico degli abitanti della zona. Riconosciuto dal magazine Artribune nel 2019 come il miglior spazio ibrido di Milano, mare culturale urbano si è impegnato a rigenerare la storica cascina Torrette di Trenno del ‘600, rendendola un punto d’incontro per la comunità della periferia ovest di Milano e una piazza aperta a tutta la città in cui partecipare a eventi e ad attività accessibili a tutti.

La Rete degli Spazi ibridi di Milano. Un’intervista ad Annibale D’Elia

Il Comune di Milano nel 2022 istituisce in via sperimentale un Elenco qualificato di spazi ibridi denominato Rete spazi ibridi della Città di Milano che conta attualmente 20 soggetti selezionati da un’apposita commissione di valutazione mediante un Avviso pubblico aperto. Nell’intervista che segue Annibale D’Elia, Direttore di Progetto di Economia Urbana, Moda e Design del Comune di Milano, - da diversi anni impegnato nell’innovazione delle politiche pubbliche - ci racconta quali motivi hanno spinto l’amministrazione pubblica a sostenere una rete di soggetti gestori di spazi ibridi.

Se i giovani diventano protagonisti della rigenerazione dei territori

Due progetti avviati da Fondazione Riusiamo l’Italia in Basilicata nel 2022 per sperimentare nei territori rurali del Mezzogiorno metodi e approcci sul riuso creativo, temporaneo e partecipato. Il primo progetto denominato “Mappa delle opportunità ritrovate” è attuato per conto del GAL Cittadella del Sapere consiste in un processo di mappatura del patrimonio dismesso o sottoutilizzato. Il secondo progetto intitolato “Next Generation - Sant’Arcangelo Hub Giovani” ha lo scopo di valorizzare il talento e le competenze di giovani che possano supportare progetti di innovazione in campo sociale, culturale, ambientale e turistico. Le due esperienze definiscono un approccio ad alta vocazione generativa che richiede limitate risorse di adattamento sulle “cose” e maggiori investimenti sulle persone e sulle comunità, sul loro empowerment e sulla propensione a costruire nuovi modelli di sviluppo durevole e sostenibile.

Il progetto NEO a Gagliano Aterno

I piccoli paesi appenninici ribollono di complessità e divengono luoghi fertili per territorializzare alternative culturali e socioeconomiche in tempi di transizione ecologica ed energetica. La dimensione di scala, i vuoti relativi e la posizione decentrata rispetto ai grandi centri antropizzati facilitano tali ambizioni. Attraverso la formazione di operatori di comunità, facilitatori territoriali e neo-popolamento si sperimentano trasformazioni ideologiche e materiali in spazi fragili e marginalizzati sul campo attraverso diversi progetti.