26 Maggio, 2024

Cosa ci dice la spesa dei fondi europei sulla governance del Next Generation EU

Tempo di lettura: 5 minuti

Il Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza, lo strumento principale del Next Generation EU, è dotato di una governace molto agile e centralizzata. Questo aspetto lo differenzia in maniera netta dai fondi strutturali europei che si fondano, viceversa, su un modello di governance multi-livello. I due diversi modelli cominciano ad essere oggetto di analisi comparative guardando al futuro – ovviamente al netto dell’impatto che dal 2020 crisi sistemiche come il Covid e l’invasione russa in Ucraina continuano ad avere sull’economia Europea.

Alcuni analisti hanno segnalato come la modalità di gestione top-down del PNRR possa accrescere l’efficienza dello strumento, in quanto la partecipazione dei poteri decentrati – come nella gestione dei fondi strutturali – rappresenta un fattore di ritardo in fase attuativa (Crescenzi et al., 2021). In un’ottica di riforma futura, John Bachtler, in un recente articolo per la Corte dei Conti Europea, segnala come l’esempio del PNRR e la spinta ad una forte semplificazione potrebbero portare ad un ripensamento complessivo del modello di gestione concorrente (shared-management) attualmente in uso nella gestione dei fondi strutturali.

Una domanda centrale nel dibattito sul futuro dei fondi strutturali europei sarà dunque in che misura il modello PNRR potrebbe influenzarne la governance dei fondi strutturali oltre il 2027. È difficile tuttora rispondere a questa domanda in quanto le evidenze sull’attuazione dei PNRR sono ancora poche al momento. Si può tuttavia abbozzare una riflessione sull’efficienza dei due diversi modelli di governance guardando alla stessa attuazione della politica di coesione 2014-2020.

Per dimostrare che una governance aperta alle regioni non è causa di ritardi, abbiamo preso in esame i dati della ESIF Open Data Platform sull’attuazione del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), che ha obiettivi simili per composizione tematica a quelli del Next Generation EU, nel periodo 2014-2019, limitandoci così al periodo pre-Covid.  Nelle seguenti tavole abbiamo misurato la spesa totale certificata (incluso cofinanziamento) sul totale delle risorse stanziate (pianificate) e impegnate (“costo ammissibile totale delle operazioni selezionate”). È importante notare che questi due indicatori – comunemente usati in questo tipo di analisi – segnalano la percentuale di progresso verso l’obiettivo del 100% speso/certificato. È altresì opportuno ricordare che questi indicatori non sono utili per analisi sulla qualità/impatto economico degli investimenti nei territori.

In particolare, ci interessa il confronto tra capacità di spesa dei fondi UE gestiti a livello nazionale e regionale. Usiamo inoltre a fini comparativi i dati italiani e di due paesi europei con strutture simili (e complesse) di governance (rapporto Stato/regioni), ma storie istituzionali profondamente differenti: Spagna e Polonia.

Tavola 1 – FESR – % Spesa certificata su (A) costo ammissibile totale delle operazioni selezionate e (B) ammontare totale pianificato – livello centrale / decentrato

Come si evince nella tavola 1, nel periodo sotto esame l’Italia ha mostrato un avanzamento di spesa più lento rispetto a Spagna e Polonia rispetto ai progetti già selezionati (colonne A) mentre è avanti rispetto alla Spagna sull’ammontare totale pianificato (colonne B). A differenza di quest’ultima, lo stato di avanzamento della spesa nel nostro Paese non registra differenze significative tra fondi europei gestiti a livello nazionale e regionale. In particolare, i programmi regionali sono leggermente avanti a quelli nazionali in termini di velocità di spesa (lo stesso accade, in maniera più marcata, in Polonia).

Tavola 2 – FESR – % Spesa certificata su (A) costo ammissibile totale delle operazioni selezionate e (B) ammontare totale pianificato – Tipologia Regionale (tassonomia FESR)

Concentrandosi sulla dimensione regionale (tavola 2), un aspetto interessante del dato italiano è che non emerge, a differenza degli altri due Paesi, una differenza significativa nell’avanzamento della spesa dei fondi europei tra regioni “più sviluppate” e regioni “meno sviluppate” (ovvero con un PIL pro capite < 75% della media UE-27).

Tavola 3 – FESR – % Spesa certificata su (A) costo ammissibile totale delle operazioni selezionate e (B) ammontare totale pianificato – Obiettivi Tematici (tassonomia FESR)

In quest’ultima tavola abbiamo misurato la spesa dei fondi UE regionale e nazionale in Italia scomposta per obiettivi tematici con l’obiettivo di verificare se i differenziali nell’avanzamento della spesa sono costanti tra le varie aree tematiche di intervento. Inoltre, questa disaggregazione tematica ci permette anche di concentrarsi sugli obiettivi tematici più vicini alle linee di intervento del Next Generation EU (dal TO1 a TO7). In generale, la tavola 3 non sembra indicare un vantaggio chiaro del livello di governance centralizzato in termini di velocitá di esecuzione della spesa nell’esperienza italiana.  Al contrario, l’esistenza di un differenziale più marcato è spesso associata con una percentuale di spesa piú elevata nella programmazione regionale (come nel caso dei TO3 e TO7).

In questo contesto, Il contributo dei livelli sub-nazionali nel disegno e attuazione delle misure del PNRR appare importante e non dovrebbe costituire un fattore di rallentamento stando ai dati sull’attuazione dei programmi FESR 2014-2020 nei tre paesi analizzati.  Per altro, il regolamento sul Recovery and Resilience Facility chiede che gli stati membri coinvolgano in modo appropriato le autorità locali e regionali (considerando 34) introducendo l’obbligo di descrivere questo processo nei PNRR (articoli 18 e 28). Inoltre, le sei aree specifiche in cui dovranno essere spesi gli investimenti a norma dell’articolo 3 rientrano in buona parte tra le competenze concorrenti delle regioni.

Ulteriori approfondimenti

  • Bachtler J. (2022), Cohesion policy – Where has it come from? Where is it going? ECA Journal, n.1/2022.
  • Conte A., Molica F. (2022), Challenges Ahead for Territorial Policies in the Context of the New EU Investment Programmes. In: Caloffi A., De Castris M., Perucca G. (eds.), The Regional Challenges in the Post-Covid Era. Milan: FrancoAngeli 187-200.
  • Crescenzi et al. (2021), Mind the Covid-19 crisis: An evidence-based implementation of Next Generation EU, Journal of Policy Modeling, Vol. 43 (2), 278-297

Articoli correlati

Salute e territorio: quali connessioni?

L'analisi dei dati ISTAT sulle spese comunali del 2020 rivela l'impatto della pandemia sulla sanità territoriale. Mentre alcuni interventi sono stati interrotti per la paura del contagio, altri hanno richiesto maggiori risorse. Il PNRR ha avviato riforme attese da tempo, come il DM 77, definendo modelli per l'assistenza territoriale. È cruciale concentrarsi sulla sanità di prossimità, specialmente nelle aree interne. Il concetto di One Health guida le politiche, evidenziando l'interconnessione tra ambiente, salute umana e animale. L'Italia, nonostante un'elevata aspettativa di vita, affronta sfide demografiche. È necessario riorientare le politiche per affrontare le patologie croniche, garantendo la sostenibilità del sistema sanitario.

Il PNRR per il socio-sanitario: le riforme previste

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è fondamentale per la ripresa post-pandemia in Europa. In Italia, si focalizza su inclusione e salute, destinando rispettivamente il 9% e l'8% del budget. La Missione 5 mira a riformare l'assistenza alle persone disabili e anziane non autosufficienti, mentre la Missione 6 si concentra sulla sanità territoriale e l'innovazione. Tuttavia, manca un'approccio integrato tra le due missioni, nonostante la chiara interconnessione tra salute e qualità della vita quotidiana, come dimostrato dagli impatti della pandemia da Covid-19.

Le regole per la sanità (e la salute) di prossimità

La salute è un sistema che interviene con azioni diverse sulla malattia ma è anche gioco d’anticipo sulla stessa. Un anticipo che, senza una visione di lunga durata e di pervasività nella società, appare spesso come una spesa rinviabile o un optional. La prevenzione, nelle sue diverse sfaccettature, la medicina di prossimità, le prestazioni a domicilio, sono, al contrario, un investimento obbligatorio sul futuro, strettamente connesso all’uso delle risorse (umane, tecnologiche, economiche) disponibili sul territorio.

La spesa dei comuni per i servizi sociali: trend e divari territoriali

L'analisi del 2021 sui Conti Pubblici Territoriali mostra che l'Italia investe consistentemente in sanità e servizi sociali, con una spesa media di 2.179€ per la sanità e 1.474€ per interventi sociali pro capite. Nel 2020, i comuni hanno destinato 7,85 miliardi di euro, lo 0,47% del PIL, ai servizi sociali, con un aumento del 4,3% rispetto al 2019. Le disparità regionali sono evidenti, con il Nord che supera il Mezzogiorno. Il 36% della spesa comunale va agli interventi diretti, il 32% alle strutture e il 31% ai trasferimenti in denaro, con un notevole aumento nel 2020. Si notano aumenti nella spesa per povertà e disagio, ma preoccupa il calo degli investimenti per gli anziani, nonostante l'invecchiamento della popolazione.

La struttura demografica italiana e l’importanza dell’integrazione socio-sanitaria

L'Italia affronta una struttura demografica regressiva con un numero sempre più alto di anziani rispetto ai giovani. L'indice di vecchiaia nel 2023 è del 193,1%, indicando una popolazione anziana in crescita. La bassa natalità e l'incremento dell'aspettativa di vita creano sfide per il sistema socio-sanitario. La Legge n. 33 del 2023 si propone di affrontare queste sfide promuovendo politiche per l'invecchiamento attivo e l'assistenza agli anziani non autosufficienti. L'integrazione tra servizi sanitari e sociali diventa cruciale per la sostenibilità del sistema.