16 Giugno, 2024

Una lettura socio-ecologica dell’abitare

Tempo di lettura: 5 minuti

La cultura e le politiche egemoni in Occidente dell’ultimo secolo hanno sistematicamente ignorato il ruolo del progresso capitalistico nelle rilevanti mutazioni climatiche, nell’incremento delle disuguaglianze e nei cambiamenti sociali, economici e ambientali dei territori. Tuttavia, le crisi che stiamo vivendo e le fragilità da esse innescate hanno rivelato la nostra fragilità collettiva e l’incapacità di un sistema economico profondamente iniquo di rispondere alle sfide contemporanee (Caramaschi, 2021a). È ormai noto come la crisi climatica provochi bruschi e irreversibili cambiamenti nelle condizioni ambientali, con effetti pericolosi alla scala territoriale.

A fronte delle sfide che siamo chiamati ad affrontare, sempre più studiosi nel campo degli studi urbani stanno ampliando la propria prospettiva, mettendo in relazione temi e questioni con le dimensioni dello sviluppo sostenibile (ecologica, sociale ed economica) per ridurre le disuguaglianze e affrontare il cambiamento climatico. In particolare, alcuni studi adottano una prospettiva analitica socio-ecologica, ovvero guardano simultaneamente a giustizia sociale e ambientale e, dunque, alla distribuzione asimmetrica delle risorse e degli impatti ambientali.

Figura 1 – “Case nuove vuote. L’Aquila 2022, foto di Sara Caramaschi”

Di recente, gli economisti britannici Stefan Horn e Josh Ryan-Collins, hanno applicato questa prospettiva agli housing studies (link). La loro ipotesi è che “la crisi abitativa non è solo un problema di giustizia sociale, ma pone anche una sfida ecologica che richiede un modo diverso di pensare all’allocazione dello spazio domestico”. Se l’ambiente costruito causa il 42% delle emissioni di CO2 e le nuove costruzioni sono responsabili del 6% del totale, promuovere la realizzazione di nuova offerta residenziale per mitigare la crisi abitativa rischia evidentemente di esacerbare il problema ambientale, senza peraltro rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili. Ciò avviene, paradossalmente, in un contesto in cui lo stock abitativo nel suo complesso è piuttosto ampio, visto che mediamente ogni inglese ha a disposizione 37,5 mq di spazio abitabile (dato peraltro in crescita) e anche nella pressatissima Londra il dato si aggira intorno ai 32,5 mq a persona. Più che di carenza di offerta il tema cruciale oggi appare essere la distribuzione e lo stato delle “risorse residenziali” esistenti. Le politiche abitative dovrebbero dunque agire, ad esempio, attraverso l’imposizione di tasse, imposte o regole che penalizzino chi consuma troppo in termini di superficie o chi lascia immobili abitabili vuoti in contesti dove la domanda abitativa è elevata.

Applicando questo ragionamento al contesto italiano, il quadro che emerge è ancora più grave rispetto a quello inglese visto che, secondo il Rapporto Immobiliare 2019 elaborato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, in media ci sono ben 67 mq di spazio abitativo a persona. Questo dato allarmante si lega al consumo fortemente diseguale del patrimonio residenziale. Secondo studi della Banca d’Italia, circa il 59% del valore immobiliare è posseduto dal 20% delle famiglie più abbienti e, secondo uno studio del MEF, il 10% dei contribuenti più ricchi, in termini di patrimonio abitativo valutato in base ai valori di mercato, possiede il 35% circa della ricchezza totale (Peverini, 2020).

Figura 2 – “Case nuove vuote. L’Aquila 2022, foto di Sara Caramaschi”

Pur non riflettendo direttamente il “consumo”, la disuguaglianza in termini patrimoniali offre un quadro di quanto diseguale è l’impatto ambientale generato dall’uso più o meno intenso o addirittura dall’inutilizzo della “risorsa residenziale”. Inoltre, come discusso in un altro articolo di questo numero di DiTe (link all’articolo “Qualificare il dibattito intorno all’abitare. Le dinamiche di affordability“ ), la questione può essere in parte raccordata a quella degli squilibri territoriali, con una larga parte del patrimonio residenziale privato che risulta sottoutilizzato o inutilizzato per via della marginalizzazione territoriale del contesto in cui è situata. Semplificando molto, sempre più spesso le case vuote si configurano come un ambito cruciale nei meccanismi di riproduzione delle disuguaglianze socialmente e spazialmente strutturate. Rispondere a tali questioni è tutt’altro che semplice e le opinioni sono molto differenziate, specie nei paesi occidentali dove l’incidenza del fenomeno è determinata da più fattori in continua evoluzione (Caramaschi, 2021b).

A fronte di questa situazione, risulta estremamente urgente progredire verso approcci, studi e politiche capaci di giocare un ruolo significativo nel ridurre le disuguaglianze e i rischi ambientali di modelli di sviluppo che implichino il progressivo consumo di suolo o la sovrapproduzione di “risorse residenziali”. In altre parole, invece di agire incentivando l’offerta (foss’anche sociale) di alloggi o supportando la domanda attraverso sussidi o sgravi fiscali – che in Italia sull’accesso in proprietà non sono mai mancati e sono intrinsecamente regressivi (Figari, Matsaganis, 2022) – si dovrebbero trovare formule più innovative.

Una lettura socio-ecologica dell’abitare impone dunque di affrontare la questione alla radice, indagando come la casa e le dinamiche abitative ad essa legate possono incidere in modo rilevante sulla (in)sostenibilità di un determinato contesto e permetterebbe di individuare azioni concrete capaci di garantire efficienza economica, valori ecologici e benessere complessivo dei cittadini. Partire dall’abitare per animare nuove strategie sostenibili significa tener conto che le geografie delle fragilità, delle disuguaglianze e del rischio necessitano di politiche mirate e tempi diversificati che permettano processi specifici di transizione ecologica e di riqualificazione.

Per approfondire

Caramaschi S. (2021a), Per uno sviluppo sostenibile. Alcune questioni cruciali (e non più prorogabili) per il futuro. Urbanisticatre, rivista scientifica online: https://bit.ly/3fUmpzO.

Caramaschi S. (2021b), Il verbo abitare non è all’infinito. Sull’inutilizzo del patrimonio abitativo della città contemporanea. CRIOS – Critica degli Ordinamenti Spaziali, 22: 6–15.

Peverini M. (2020), Cosa sappiamo sulla proprietà residenziale in Italia. Lo Stato delle Città, 5: 61–65.

Figari F., Matsaganis M. (2022), L’impatto redistributivo del welfare fiscale in ItaliaWelforum.it, 16 giugno.

Articoli correlati

Politicizzare la “restanza”

La marginalizzazione delle aree interne non è un esito di dinamiche naturali, bensì il risultato di politiche pubbliche urbanocentriche, che hanno aumentato le disuguaglianze territoriali. Per invertire le tendenze servono sguardi nuovi, dare voce ai residenti, a chi è restato e a chi è tornato a vivere in altura, ascoltare chi vuole partire, gli innovatori, quanti manutengono e rafforzano le relazioni e l’economia minuta dei paesi. Sul piano delle politiche, bisogna superare la normatività del tot e costruire nuove forme di intervento pubblico attente alle persone nei singoli luoghi.

Un welfare su misura per le aree demograficamente rarefatte

Le trasformazioni demografiche in atto in Italia hanno già, e avranno in un futuro molto vicino, importanti ricadute sulla coesione sociale. Richiedono attente valutazioni nel campo delle politiche di welfare e percorsi sperimentali da avviare in tempi rapidi. Perché non iniziare dai contesti territoriali in cui la presenza umana si è ridotta più marcatamente, nelle aree interne contrassegnate dalla rarefazione demografica? Servono un approccio place based e uno sguardo che fa del margine un osservatorio privilegiato per l’analisi di questioni che riguardano l’intero Paese.

Spopolamento e bellezza, accoglienza e parola

Le politiche di contrasto allo spopolamento delle aree interne possono diventare vincenti se sensibili ai luoghi e alle persone che li abitano, se strettamente connesse e ispirate alle peculiarità del territorio e all’identità culturale di chi ci vive. Dovrebbero alimentare, in chi non ha ancora abbandonato la propria terra e nei giovani che si sono assentati per studiare o che sono andati a lavorare altrove, la consapevolezza di quello che il territorio ha da dare. In modo da innescare “sguardi nuovi” su “antiche certezze”, attualizzare il presente senza dimenticare il passato, immaginare come essere protagonisti nel futuro. In tutto questo la “bellezza” e la “parola” sono due dimensioni fondamentali, innate e presenti, magari dormienti e pertanto riattivabili

Libere, non coraggiose. Per pianificare città più sicure per tutti i corpi

La paura del crimine è un problema più grave del crimine stesso», diceva Rachel Pain nel 2001. In particolare, la paura che donne e soggettività queer percepiscono negli spazi pubblici, soprattutto di sera e di notte, è un argomento di cui oggi più che mai è necessario occuparsi. Sebbene la percezione di insicurezza sembri essere più legata a narrazioni mediatiche che alla effettiva pericolosità delle città, è importante mettere a fuoco i fattori che concorrono a questa sensazione e, attraverso analisi di casi specifici, delineare una serie di pratiche utili a trasformare le nostre città e realizzare spazi pubblici più sicuri e accessibili per tutti.

City of care: la cura al governo della città

Pianificare le città a partire da una prospettiva di genere significa, concretamente, tenere conto della vita quotidiana di donne, uomini e minoranze di genere. L’ascolto e la comprensione dei bisogni che queste vite esprimono sono alla base dell’elaborazione di politiche pubbliche inclusive delle esigenze, non solo delle donne, ma di tutti i corpi e le vite che eccedono dal paradigma funzionale. La cura, da gabbia che incatena il genere femminile a una sequenza di responsabilità -spesso non retribuite- legate alla sfera affettiva e domestica, dovrebbe trasformarsi nel motore di un nuovo tipo di socialità, per il bene di tutte e tutti.