29 Gennaio, 2023

Qualificare il dibattito intorno all’abitare. Le dinamiche di affordability

Tempo di lettura: 6 minuti

“se non esistono dati non esiste il problema”

Jordi Bosch Meda, direttore dell’Osservatorio Metropolitano dell’Abitazione di Barcellona

La questione abitativa contemporanea si caratterizza per l’acutizzarsi di dinamiche sociali ed economiche in atto ormai da alcuni decenni, tra cui la concentrazione di risorse economiche, opportunità e popolazione in pochi centri attrattivi, un flusso massiccio di investimenti finanziari nel settore immobiliare – soprattutto il residenziale, considerato asset class – nei luoghi e nei settori a maggiori opportunità di profitto e la polarizzazione di redditi e ricchezza tra classi bassi e molto alte. Queste dinamiche, in parte sempre presenti, risultano oggi esacerbate in un contesto in cui, sia per il grado di suolo già consumato che per la drammatica sfida posta dal cambiamento climatico, le prospettive di espansione dello stock residenziale risultano sempre più incerte e meno fattibili, e i valori residenziali tendono a crescere fortissimamente nelle città attrattive. Questa situazione ci impone oggi di direzionare il modo in cui analizziamo la questione abitativa – e, dunque, il modo in cui concepiamo il dibattito pubblico e le politiche – verso le dinamiche che avvengono sulla trasformazione e valorizzazione del patrimonio residenziale in un contesto prevalentemente di mercato, in relazione alla realtà economica e lavorativa attuale.

Come conseguenza dei fenomeni di accentramento di opportunità e finanziarizzazione della casa, il tema dell’accesso all’abitazione nei contesti urbani più dinamici è tornato rilevante insieme al problema dell’housing affordability – l’insostenibilità dei costi abitativi rispetto a redditi e capacità economica di famiglie e persone (Bramley, 2012). Poiché i prezzi delle abitazioni stanno crescendo a un ritmo sempre più elevato – che non è stato rallentato neanche dalla pandemia da Covid-19, anzi –, la società civile e le istituzioni pubbliche e private hanno iniziato a prendere coscienza del problema. Tuttavia, la questione ha una natura fortemente contestata e politica, e con dati e conoscenze molto frammentati sul problema, il dibattito è spesso guidato dalla voce di singoli attori con agende (più o meno) nascoste. Esiste il rischio di un’interpretazione strumentale di dati e informazioni che possono essere utilizzati, ad esempio, per catturare i decisori politici e/o per influenzare le scelte di mercato. Questo è particolarmente vero per l’Italia, dove, dal ritiro delle strutture che hanno caratterizzato la fase maggiormente protagonistica del welfare state dal settore abitativo – avvenuto più o meno tra gli anni ’80 e ’90 –, le istituzioni che avevano il ruolo di raccogliere e analizzare dati certificati sul problema abitativo sono state gradualmente definanziate e infine chiuse. Alcuni esempi sono: il CER, Comitato per l’Edilizia Residenziale a livello nazionale; il CIMEP, Comitato Intercomunale Milanese per l’Edilizia Pubblica di Milano. Da allora, i dati sono diventati ancora più frammentati e spesso le uniche fonti disponibili di dati strutturati provengono da società di consulenza private o da portali immobiliari, come Nomisma o Immobiliare.it. Tuttavia, l’utilizzo di informazioni provenienti da tali fonti comporta alcuni interrogativi morali riguardanti, ad esempio, l’affidabilità dei dati raccolti e le possibili distorsioni legata al fatto che le analisi sono spesso commissionate da attori con agende specifiche (che si tratti di federazioni di enti di edilizia residenziale pubblica, cooperative edilizie o sviluppatori immobiliari).

Una reazione alla rinnovata consapevolezza dell’attuale crisi dell’accessibilità abitativa è stata dunque l’attivazione di “Osservatori abitativi”, organizzazioni fondate con il compito di raccogliere e analizzare dati al fine di fornire prove per qualificare il dibattito e il processo decisionale. Si tratta di un campo di ricerca ancora per lo più embrionale, ma da una prima panoramica – fornita nella sessione “The role of housing observatories in Europe: joining forces for better housing” della conferenza 2022 dell’European Network for Housing Research (ENHR) – possiamo notare che in Europa esiste una varietà di Osservatori sulla casa con caratteristiche diverse. Ad esempio, alcuni hanno sede nelle università, mentre altri no; alcuni sono finanziati dalle amministrazioni pubbliche, mentre altri da attori privati; alcuni hanno un obiettivo molto ristretto, mentre altri hanno obiettivi analitici più generali; alcuni hanno una struttura chiusa, mentre altri sono più flessibili; ecc. Inoltre, i risultati variano da semplici rapporti periodici a blog ed eventi a pagine web interattive. Il minimo comune denominatore è quello di adottare un approccio basato sull’evidenza fornita dai dati.

La prima barriera è rappresentata dalla disponibilità – o meno – di dati affidabili e utilizzabili. Secondo la testimonianza riportata dal direttore dell’osservatorio sulla casa di Barcellona (link) durante un seminario nel corso (Un)affordable housing&neighbourhoods al Politecnico di Milano, “se non esistono dati non esiste il problema”. Ma anche, si potrebbe dire, se non esistono dati – e un dibattito sufficientemente ricco a verifica e interpretazione dei dati stessi – chiunque potrebbe sostenere che un certo problema c’è o non c’è.

A partire da queste considerazioni, è stato fondato l’Osservatorio Casa Affordable (OCA) di Milano Metropolitana. OCA è promosso e finanziato dal Consorzio Cooperative Lavoratori (CCL) di Milano e dalla cooperativa di abitanti Delta Ecopolis in partnership con il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU) del Politecnico di Milano e ha l’obiettivo di monitorare le dinamiche di sostenibilità dei costi abitativi, nell’alveo degli studi sull’housing affordability, in riferimento alla città metropolitana di Milano. La relazione tra sviluppo urbano, accesso alla casa e popolazione urbana è un tema per molti versi classico della letteratura e delle politiche di welfare. Oggi emergono tuttavia tratti che ne segnano la rilevanza e la complessità: la crescita progressiva della quota di proprietari, la mercificazione della casa e la finanziarizzazione estensiva del mercato immobiliare, la residualizzazione delle politiche abitative (Cavicchia e Peverini, 2021). Le principali domande di ricerca che guidano l’attività dell’osservatorio sono: quali sono le dinamiche di affordability nella città metropolitana di Milano negli ultimi vent’anni? Qual’è il profilo di chi è in condizione di unaffordability? Fino a che punto le dinamiche dei costi abitativi innescano una rilocalizzazione di persone e famiglie? L’osservatorio opera attraverso una metodologia che affianca l’analisi quantitativa e l’elaborazione dati, con finalità esplorative e descrittive – Quali sono i dati disponibili per ricostruire le dinamiche di affordability nella città metropolitana di Milano? Che tipo di indici di affordability – e dunque quale narrazione del fenomeno – è possibile (e opportuno) costruire a partire dai dati disponibili? – ad attività di ricerca di campo e qualitative, con il fine di fornire una “descrizione spessa” e, dove possibile, nessi causali nelle dinamiche rilevate. I risultati della ricerca saranno restituiti nella forma di un rapporto annuale, che verrà presentato nella primavera di ogni anno a partire dal 2023, accompagnato da materiali e informazioni disponibili su web e social.

Ulteriori approfondimenti

  • Bramley G. (2012), Affordability, poverty and housing need: Triangulating measures and standards. Journal of Housing and the Built Environment, 27, 2: 133–151.
  • Cavicchia R., Peverini M. (2021), Housing affordability and the city. Disentangling the urban and spatial dimensions of housing affordability in Europe. Proceeding of the 2021 ENHR conference.

Articoli correlati

La cura al centro, per un abitare collaborativo

La domesticizzazione della donna mediante l’attribuzione di una presunta maggiore propensione nella gestione dei lavori domestici ma anche nella decorazione della casa è, sin dalla sua nascita, un processo essenziale per la sopravvivenza del capitalismo. L’abitare collettivo e collaborativo si offre come un bisogno, uno strumento di liberazione delle donne e come strategia di riformulazione di un abitare più affine alla condizione familiare e affettiva contemporanea.

Una lettura socio-ecologica dell’abitare

Un’ampia letteratura scientifica, da tempo, affronta le questioni abitative attraverso la lente della crisi in connessione al progresso capitalistico. L’attuale crisi climatica e le sue ricadute territoriali ci pongono di fronte all’urgenza di affrontare le questioni abitative in modo da stimolare un abitare più in equilibrio con i valori ecologici e benessere di tutti.

I conflitti tra la sostenibilità urbana e l’accesso alla casa in Norvegia

Il concetto di sostenibilità urbana, come ampiamente discusso soprattutto nella letteratura su ecologia politica e giustizia ambientale e sociale, è da una parte politicamente molto efficace, dall’altra ricco di conflitti e contraddizioni. A livello globale, la sostenibilità è diventata concetto e obiettivo dominante di politiche urbane ed è spesso usata come strumento di place branding per attrarre investimenti ed accrescere la competitività economica al livello internazionale. Attraverso il caso di Oslo, più volte riconosciuta come esempio internazionale di città “green” e sostenibile, in questo breve contributo si esplora come la prioritizzazione della retorica ambientale abbia trascurato diversi aspetti di sostenibilità sociale, in particolare in termini di accesso alla casa.

Le politiche di sviluppo nelle grandi aree dismesse

Partendo dalla promozione del turismo e dall’implementazione di mega-progetti di trasformazione urbana, alcune riflessioni e contraddizioni che caratterizzano lo sviluppo urbano, tra obiettivi mirati ad aumentare la competitività dei territori e a rispondere ai bisogni reali locali. Lo scopo finale è far emergere alcune questioni generali che interrogano la capacità delle politiche e della Politica di governare lo sviluppo a partire dai territori.

Xfarm agricoltura prossima a San Vito dei Normanni

A San Vito dei Normanni, stiamo trasformando 50 ettari di terre confiscate alla criminalità organizzata in un’azienda agricola, ecologica e sociale capace di generare lavoro, benessere per la comunità e miglioramento dell’ecosistema. Rigeneriamo il suolo, promuoviamo economia circolare, aumentiamo la biodiversità, offriamo prodotti agricoli di qualità, favoriamo inserimenti socio-lavorativi, organizziamo eventi comunitari, sosteniamo la formazione tecnica e la ricerca scientifica, accompagniamo progetti agricoli promossi da giovani del nostro territorio. In tanti e tante, stiamo costruendo un originale hub rurale che vuole contribuire allo sviluppo locale dell’Alto Salento.