18 Luglio, 2024

L’edilizia sociale pubblica come strumento di cambiamento delle città

Tempo di lettura: 5 minuti

Partiamo da una triplice considerazione: siamo contemporaneamente protagonisti e spettatori della città neoliberale (Pinson, 2022), la cui ideologia plasma lo spazio e le politiche urbane intensificando crisi abitativa e sociale (Barile et al., 2023); l’emergenza ambientale impone una transizione ecologica urgente; e la governance delle trasformazioni urbane vede la proprietà privata guidare sempre più direttamente i processi, portando ad una opacità decisionale (Balducci, 2023). Con una battuta si potrebbe dire che l’anarcocapitalismo sta arrivando in città, facendo fare un salto di qualità in negativo alla città neoliberale, con la proprietà privata che passa da influenzare ad essere soggetto unico che guida direttamente i processi. Per far fronte a questa deriva, volendo adottare approcci da Stato Innovatore (Mazzucato, 2014), e quindi con un certo ottimismo della volontà, la proposta di aumentare gli alloggi pubblici (ERP – Edilizia Residenziale Pubblica, ed ERS pubblico – Edilizia Residenziale Sociale pubblica, tra cui gli studentati pubblici) si pone come valido strumento di rigenerazione equa della città.

Questione abitativa e questione urbana vanno trattate congiuntamente: molti dei territori che offrono potenziale di rigenerazione sono proprio quelli dell’ERP, e la rigenerazione urbana vede nella rigenerazione abitativa un’efficace via per includere le fasce di popolazione più fragili. L’aumento degli alloggi di ERP diventa così il nodo gordiano per contrastare gli effetti negativi della città neoliberale e della sua potenziale evoluzione anarcocapitalista; la casa pubblica si pone come attore cruciale per mitigare il mercato immobiliare offrendo opportunità abitative alle fasce più vulnerabili e contrastando la polarizzazione sociale.

L’attualità dell’ERP si inserisce in questo quadro di proposta politica di azione. L’ERP in Italia rappresenta la quasi totalità dell’edilizia sociale, dato che l’offerta di case accessibili del privato sociale è limitata. Attualmente, ci sono circa 900.000 alloggi di ERP, inclusi quelli delle ex Ater e dei Comuni, di cui circa il 10% sono sfitti e necessitano di ristrutturazione a causa dell’eliminazione da parte del Governo “Conte I” del fondo (art. 4 Legge 80/2014) nel 2019. In confronto, a dicembre 2017, CDP Investimenti Sgr segnalava la presenza di 4.625 alloggi di ERS privato realizzati; verosimilmente i numeri attuali si aggirano attorno a circa 15.000 alloggi.

Ci sono 320.000 famiglie in graduatoria in attesa, con diritto, di un alloggio di ERP, ma questo numero è certamente inferiore al reale bisogno, stimabile in circa 650.000 domande (FEDERCASA, 2024), considerando il grande numero di persone che non fanno più domanda per la disillusione. La Legge di Bilancio del 2024, approvata il 28 dicembre 2023, non prevede risorse pubbliche fino al 2027, concentrandosi invece su tavoli per produrre linee guida o idee su fantomatici partenariati pubblico-privato. Attualmente, si utilizzano principalmente risorse stanziate in passato, come il PINQuA, il fondo complementare al PNRR e la Delibera CIPE del 22 dicembre 2017.

Alla luce di tutto ciò, considerando quindi l’edilizia sociale pubblica come lo strumento principale intorno al quale costruire la mitigazione della sopracitata deriva, le proposte di azione diventano le seguenti:

  1. Costruire un “Patto per l’Abitare” siglato da tutti i diversi attori interessati e fondato sulla consapevolezza di superare l’impostazione affermatasi in questi anni.
  2. Elaborare un Piano Casa Nazionale, pianificando l’aumento significativo degli alloggi di ERP e di ERS Pubblico, ovvero degli alloggi sociali pubblici per almeno 250.000 unità  (FEDERCASA 2024). Mediante l’uso di aree pubbliche dismesse (a partire dall’assegnazione gratuita ai Comuni degli Immobili di Enti statali e parastatali inutilizzati e i beni confiscati alle mafie) o mediante la demolizione e ricostruzione con aumento volumetrico di edifici di ERP che hanno raggiunto il fine vita edilizio. In questo senso si richiede da un lato la volontà dei Comuni di pianificare urbanisticamente in questa direzione (basti riscoprire la logica dei PEEP per citare un esempio), e dall’altro di pianificare Fondi di finanziamento pubblici statali per la costruzione o in alternativa compensazioni urbanistiche che portino allo stesso risultato. Si deve evitare che su terreni pubblici su cui si attivano urbanisticamente progetti di rigenerazione urbana delle città si abbia un output di zero alloggi pubblici.
  3. Finanziare a livello nazionale la ristrutturazione degli alloggi ERP inutilizzati, rifinanziando l’art. 4 della Legge 80/2014, per affrontare in modo rapido una necessità emergenziale ed utilizzare in tempi rapidi tutti gli alloggi esistenti. 
  4. Finanziare una gestione sociale nei quartieri ERP, per garantire inclusione e riattivare dimensioni comunitarie nei contesti residenziali e con il quartiere, al fine di migliorare le relazioni interpersonali tra abitanti e creare le condizioni per il rispetto delle regole (morosità, uso degli spazi comuni, occupazioni abusive, dimensione condominiale e di quartiere, ecc.). Attivando uffici di gestione sociale nelle ex ATER e ponendoli in rete con il territorio (servizi sociali, servizi sanitari, forze dell’ordine e realtà di volontariato), per poter offrire un accompagnamento all’Abitare e alla gestione delle fragilità.
  5. Modificare la definizione di alloggio sociale ai fini di inquadrare l’ERP come Servizio di Interesse Generale (SIG), al pari della Sanità Pubblica e della Pubblica Istruzione, e non come un Servizio di Interesse Economico-Generale (SIEG), come attualmente definito e analogamente all’ERS privato. Questo perché l’ERP, da sempre e tutt’ora, è caratterizzato ontologicamente da dei vincoli di cogenza che impongono sia le assegnazioni sia il canone sociale; inoltre, la sua realizzazione è interamente sovvenzionata da fondi pubblici e la stessa proprietà civilistica è pubblica. Queste caratteristiche evidenziano chiaramente una natura non economica del servizio pubblico. Ciò peraltro differenzia l’ERP dai modelli di social housing presenti nel resto d’Europa, dove invece il servizio pubblico è rappresentato in ultima istanza dal contributo per pagare il canone di un alloggio sociale, consentendo al gestore di incassare sempre un canone di sostenibilità gestionale, e quindi rilevando una natura economica. Ciò determinerebbe anche la condizione generale per risolvere in modo definitivo la questione del pagamento dell’IMU da parte degli enti proprietari di ERP.
  6. Rifinanziare il PiNQuA per permettere la realizzazione di tutti i progetti ammessi in graduatoria che contemplano la costruzione di nuovi alloggi di ERP.
  7. Rifinanziare il Fondo sostegno affitti e il Fondo morosità incolpevole.

Ulteriori approfondimenti

Balducci A. (2023), «Riconoscere il senso complessivo delle trasformazioni per governare il cambiamento». In La città invisibile. Quello che non vediamo sta cambiando le metropoli. Milano: Fondazione Feltrinelli.

Barile A., Brollo B., Gainsforth S., Marchini R. (2023), Dopo la gentrificazione. Un quartiere laboratorio dalla crisi economica all’abitare temporaneo. Bologna: Derive Approdi.

FEDERCASA (2024), Proposte abitative ERP-ERS per la definizione delle nuove politiche abitative e il rilancio dell’ERP in Italia. Roma: Federcasa.

Mazzucato M. (2014), Lo stato innovatore. Roma-Bari: Laterza.

Pinson G. (2022), La città neoliberale. Milano, Mimesis.

Articoli correlati

Il regionalismo conflittuale del secolo scorso di fronte alle nuove sfide

Il regionalismo conflittuale del secolo scorso si trova oggi di fronte a sfide globali e tecnologiche che ne evidenziano l’inadeguatezza. Le previsioni degli anni '90 sulla fine degli stati nazionali e sull'emergere di un'Europa delle Regioni si sono rivelate illusorie, incapaci di rispondere alle nuove dinamiche imposte dalla globalizzazione, dal reshoring delle imprese e dalla crescente interconnessione tecnologica. Oggi, la riforma del titolo V della Costituzione e la spinta autonomistica mostrano i limiti di una politica incapace di adattarsi a tali cambiamenti, aumentando la confusione nei rapporti fra lo Stato e le Regioni e intensificando i conflitti tra forze politiche e territori.

Politicizzare la “restanza”

La marginalizzazione delle aree interne non è un esito di dinamiche naturali, bensì il risultato di politiche pubbliche urbanocentriche, che hanno aumentato le disuguaglianze territoriali. Per invertire le tendenze servono sguardi nuovi, dare voce ai residenti, a chi è restato e a chi è tornato a vivere in altura, ascoltare chi vuole partire, gli innovatori, quanti manutengono e rafforzano le relazioni e l’economia minuta dei paesi. Sul piano delle politiche, bisogna superare la normatività del tot e costruire nuove forme di intervento pubblico attente alle persone nei singoli luoghi.

Un welfare su misura per le aree demograficamente rarefatte

Le trasformazioni demografiche in atto in Italia hanno già, e avranno in un futuro molto vicino, importanti ricadute sulla coesione sociale. Richiedono attente valutazioni nel campo delle politiche di welfare e percorsi sperimentali da avviare in tempi rapidi. Perché non iniziare dai contesti territoriali in cui la presenza umana si è ridotta più marcatamente, nelle aree interne contrassegnate dalla rarefazione demografica? Servono un approccio place based e uno sguardo che fa del margine un osservatorio privilegiato per l’analisi di questioni che riguardano l’intero Paese.

Spopolamento e bellezza, accoglienza e parola

Le politiche di contrasto allo spopolamento delle aree interne possono diventare vincenti se sensibili ai luoghi e alle persone che li abitano, se strettamente connesse e ispirate alle peculiarità del territorio e all’identità culturale di chi ci vive. Dovrebbero alimentare, in chi non ha ancora abbandonato la propria terra e nei giovani che si sono assentati per studiare o che sono andati a lavorare altrove, la consapevolezza di quello che il territorio ha da dare. In modo da innescare “sguardi nuovi” su “antiche certezze”, attualizzare il presente senza dimenticare il passato, immaginare come essere protagonisti nel futuro. In tutto questo la “bellezza” e la “parola” sono due dimensioni fondamentali, innate e presenti, magari dormienti e pertanto riattivabili

Libere, non coraggiose. Per pianificare città più sicure per tutti i corpi

La paura del crimine è un problema più grave del crimine stesso», diceva Rachel Pain nel 2001. In particolare, la paura che donne e soggettività queer percepiscono negli spazi pubblici, soprattutto di sera e di notte, è un argomento di cui oggi più che mai è necessario occuparsi. Sebbene la percezione di insicurezza sembri essere più legata a narrazioni mediatiche che alla effettiva pericolosità delle città, è importante mettere a fuoco i fattori che concorrono a questa sensazione e, attraverso analisi di casi specifici, delineare una serie di pratiche utili a trasformare le nostre città e realizzare spazi pubblici più sicuri e accessibili per tutti.