5 Ottobre, 2022

Welfare di comunità e rigenerazione del capitale sociale nell’ex Forte Petrazza

Tempo di lettura: 6 minuti

La rigenerazione del patrimonio immobiliare militare dismesso rappresenta una grande opportunità, soprattutto in quelle realtà dove l’abbandono è diventato causa di degrado generando squilibri ed emarginazione sociale. È interessante notare come – mentre viviamo una fase congiunturale in cui diversi tipi di emergenza (climatica, pandemica,…) e varie modalità di ‘transizione’ costringono istituzioni e imprenditoria a tappe forzate per l’aggiornamento di procedure, strumenti e competenze – si stia facendo avanti un terzo settore che investe sul potenziamento dell’innovazione nella sua componente imprenditoriale, e che si è rafforzato nella produzione ed erogazione di servizi, senza snaturare la sua missione che rimane di matrice sociale e strumentale alla generazione di utilità collettiva.

In questa direzione agisce Fondazione di Comunità di Messina – FdC, consolidata realtà con l’obiettivo di sviluppare un modello di welfare di comunità capace di generare capitale sociale; una interessante applicazione di questo paradigma è rappresentata dall’esperienza di recupero proprio di un edificio difensivo storico trasformato nel Parco Sociale di Forte Petrazza. L’ex spazio militare, per anni occupato dalla criminalità locale, oggi si propone come luogo della legalità e presidio culturale al cui interno si integrano i “saperi del fare e dell’essere in relazione”, rappresentando anche uno dei poli del progetto Capacity, finanziato dal Programma straordinario di riqualificazione e sicurezza delle periferie urbane promosso dal Governo nel 2016.

Figura 1 – Veduta del porto storico di Messina da Forte Petrazza. Foto: G. Angileri

Forte Petrazza è uno dei manufatti difensivi della rete dei Forti umbertini previsti dal Piano generale della difesa dello Stretto di Messina che prevedeva la realizzazione di un sistema di 22 batterie antinave, concepite e realizzate dall’Arma del Genio Militare, sia sul versante messinese che su quello reggino, a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Nessuna di queste opere è visibile dal mare poiché il fronte che offrono sullo Stretto è ipogeo e ben mimetizzato nella collina. Si tratta di manufatti realizzati ad opera d’arte che hanno resistito al terremoto del 1908, ai bombardamenti alleati della Seconda guerra mondiale ma anche alle successive e imponenti trasformazioni urbane. Sapientemente mimetizzate tra le colline del paesaggio dello Stretto, queste mute sentinelle si sono trasformate in presenze preziose in grado di risemantizzare luoghi e funzioni.

Anche il Forte Petrazza, realizzato a Camaro Superiore nella zona sud di Messina nel 1889, risponde a una precisa intenzione mimetica che però non gli impedisce di dominare la città esaltandone il rapporto con il contesto. Prima spazio militare, poi spazio “perduto”, infine ceduto in concessione dall’Agenzia del Demanio al Consorzio Sol.E., oggi il manufatto ospita il Parco Sociale di Forte Petrazza che, in un’area critica della città, si è consolidato come punto di riferimento in cui alcune cooperative di inserimento lavorativo gestiscono servizi, con particolare attenzione alla riconquista dei diritti di cittadinanza di soggetti con storie vissute ai margini della società.

Figura 2 – Forte Petrazza – Cortile su cui si affacciano i laboratori. Foto: G. Angileri

La storia recente di questa struttura vede una svolta nel 2016 con l’inserimento del Parco sociale all’interno del Progetto Capacity, co-progettato dal Comune di Messina e Fondazione di Comunità (che, come il Consorzio Sol.E., fa parte del Distretto Sociale Evoluto di Messina).

L’opportunità offerta dal Bando periferie ha consentito di potenziare le attività già avviate all’interno del forte proiettandole in un progetto territoriale di rigenerazione culturale in grado di produrre consapevolezza nella comunità e capacità di aspirazione per disegnare percorsi di capacitazione, ispirati alle teorie di Sen, e offrire possibilità di scelta in un modello di sviluppo non legato solo al reddito ma alla libertà di autodeterminarsi. FdC ha avuto un ruolo determinante nell’impostazione concettuale di Capacity, sia nell’applicazione di un welfare costruito su modelli di economia civile, che nel settore della finanza etica attraverso il microcredito e il credito mutualistico trasformato in capitale di capacitazione per consentire l’accesso alla casa a soggetti con possibilità economiche fortemente limitate.

Il fulcro del progetto è il “paradigma di sviluppo umano” attraverso cui creare relazioni fra sistemi urbani e ambientali, educativi, di welfare, economico-produttivi, sociali, culturali, di ricerca scientifica e tecnologica. Attraverso Capacity il Comune di Messina ha provato ad avviare il processo di rigenerazione della periferia sud in un’area di massimo degrado, tracciando una direzione nuova per i processi di risanamento e di rimozione delle baraccopoli. Il progetto ruota attorno a 6 Assi – di cui 4 di capacitazione (abitare, lavoro, conoscenza, socialità) e 2 dedicati ai temi ambientali e della mobilità dolce (con il recupero dell’ex ferrovia Gazzi Camaro) – e si basa su 4 polarità spaziali: Fondo Saccà, Fondo Fucile, Stazione di Camaro e Forte Petrazza.

Figura 3 – Forte Petrazza – Corte di ingresso. Foto: G. Angileri

Con il suo completamento, e il definitivo rilancio attraverso Capacity, il polo del Parco sociale di Forte Petrazza si apre completamente e in modo permanente alla fruizione pubblica, e assume un alto valore all’interno dell’intero sistema come sede di sperimentazione di economia solidale e luogo della riconquista dei diritti di cittadinanza. Gli obiettivi delle azioni che lo riguardano sono quelli di: assicurare piena accessibilità con particolare attenzione alle persone con disabilità o ridotta mobilità; di garantire un sistema di pubblica mobilità a basso impatto ambientale e di connettività wireless che colleghi il Forte alle altre polarità del progetto; avviare servizi innovativi a carattere socio-educativo, culturale e di economia civile (implementazione di aule, laboratori e spazi esterni attrezzati, laboratorio astronomico, servizi per lo sviluppo di start up, erogazione microcredito, …); creare spazi legati alla conoscenza e al co-working.

Il caso di Forte Petrazza appare particolarmente significativo per diversi aspetti. Colpisce la permanenza di un ruolo che, pur nel mutare della storia e dei contesti, ne conferma la leggibilità e l’importanza all’interno di un sistema, originariamente con compiti di difesa e oggi di servizio alla collettività. La continuità e l’evoluzione del concetto di presidio, laddove un’opera fortificata diviene lo spazio in cui si preserva la legalità e con essa un’idea di umanità. La capacità di un manufatto architettonico di passare dalla massima chiusura alla massima apertura, dall’inespugnabilità all’accessibilità per tutti. Un valore cresciuto nel tempo – non solo del Forte Petrazza ma dell’intero sistema difensivo umbertino – che oggi si configura come una questione ineludibile rispetto alla sua reintegrazione nel tessuto sociale di una città che non può più permettersi di privarsi delle qualità storiche, artistiche e architettoniche, che oggi confluiscono in un patrimonio arricchito dai contenuti ecologici e paesaggistici di queste opere.

Figura 4 – Progetto Capacity, Tav. 7: Polarità spaziale Forte Petrazza – Sintesi degli interventi. Fonte: (Comune di Messina, 2016)

Marina Arena, Francesco Cannata
Marina Arena, Francesco Cannata
* Marina Arena Professoressa associata di Tecnica e Pianificazione urbanistica presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Messina. Si occupa di territorio e paesaggio, processi partecipativi e rigenerazione urbana, con particolare riferimento agli spazi collettivi e ai beni comuni. È Componente del CRU - Consiglio Regionale dell’Urbanistica della Regione Sicilia (2016-2020); membro del comitato scientifico dell’“Osservatorio sui Beni Comuni” coordinato da ANCI e sostenuto da Fondazione Con il Sud; membro del comitato scientifico della Fondazione Horcynus Orca e del comitato editoriale della Messina University Press. * Francesco Cannata Ingegnere e Dottorando di ricerca in Ingegneria civile, ambientale e della sicurezza presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli studi di Messina. Si occupa di rigenerazione urbana, di processi partecipativi, di mobilità e del ruolo dei GIS nei processi di pianificazione territoriale. È nel gruppo di lavoro del Dipartimento di Ingegneria che fornisce un supporto tecnico-scientifico all’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto nell’ambito del confronto pubblico per il “Waterfront Boccetta-Annunziata” di Messina

Articoli correlati

Tra rigenerazione e riciclo. Il treno come dispositivo per l’avvio di nuovi cicli di vita: il caso della Val Venosta

In un mondo dominato dall’automobile, che ha ridotto lo spazio urbano a misura del codice della strada, è interessante discutere progetti di rigenerazione che migliorano la qualità dello spazio pubblico e collettivo, riorganizzano il sistema di accessibilità alle attrezzature pubbliche, integrano le reti di mobilità sostenibile e attiva con le reti verdi e blu, diventando concreta risposta ai cambiamenti climatici. di vita condivisibili, in grado di migliorare la vita quotidiana di residenti e al contempo interpretare il turismo come occasione per disegnare il futuro.

Digitalizzazione, aree marginali e nuove geografie del lavoro: oltre le (anti)retoriche

Il paradigma della smartness e dell’infrastrutturazione tecnologica è mobilitato nelle politiche europee come strategia onnicomprensiva di superamento dei divari, valutando come il “diritto alla connessione” si intersechi con nuovi flussi e reti delle geografie del lavoro in Italia, ridisegnate dal massiccio ricorso al lavoro da remoto durante la pandemia da Covid-19. In particolare, si valuta come, sul piano delle politiche, la digitalizzazione sia sempre più intesa non tanto come infrastrutturazione tecnologica ma catalizzatrice di processi di innovazione basati sul capitale umano.

Southworking, lavoro a distanza e nuovi luoghi del lavoro pubblici in Italia

La pubblica amministrazione ha adottato tre politiche a supporto degli spazi di coworking in Italia: le politiche del lavoro, di innovazione sociale e di sviluppo locale. La pandemia ha innescato una nuova domanda di spazi di lavoro pubblici sulla stregua delle esperienze di successo nel nord Europa. Privati cittadini hanno promosso la costituzione di ‘presidi di comunità’ ottenendo un sostegno pubblico. In questo contesto si inserisce l’Associazione di Promozione Sociale “South Working-Lavorare dal Sud” che studia e monitora i presidi di comunità come luoghi in cui stimolare l’ecosistema creativo locale e instaurare un fertile rapporto tra la comunità dei south worker e le comunità locali.

Un intervento sulla propensione al South Working 

L’articolo analizza il fenomeno del south working che si è intensificato nel periodo di pandemia Covid-19 e descrive i risultati del contributo Di Matteo et al. (2021) sulla propensione dei lavoratori palermitani (dipendenti e autonomi) fuori regione a lavorare dal Sud (south working). L’analisi si avvale dell’indagine promossa a partire dal giugno 2020 dall’Associazione di Promozione Sociale “South Working-Lavorare dal Sud” a cui hanno risposto 650 lavoratori originari di Palermo. L’analisi empirica mostra che le motivazioni in favore del south working, da parte di coloro i quali prima della pandemia da Covid-19 avevano già una certa familiarità con il lavoro a distanza, possono essere ricondotte al genere (uomo vs. donna), status coniugale (essere in una relazione vs. single), grado di istruzione (alto vs. medio-basso) e tipo di impiego (lavoratori autonomi vs. dipendenti).

Flessibilità geografica del lavoro e politica della produzione: il South working e il ruolo della regolazione

La situazione emergenziale dettata dal Covid-19 ha posto numerosi lavoratori e datori di lavoro dinanzi alla possibilità di superare la tradizionale visione della prestazione del lavoro, contemplando non soltanto la flessibilità di natura oraria ma anche quella geografica. Nello scenario post-pandemico, questa tendenza continua a sollecitare riflessioni importanti, ad esempio sulle disuguaglianze o sul ruolo della regolazione quale tematica prescelta per il presente contributo: attraverso un più ampio spettro di attori, la regolazione può svolgere un ruolo importante affinché il lavoro da remoto e dal Sud sia un fenomeno (ancora) possibile ed equo al tempo stesso.