2 Dicembre, 2022

Se i giovani diventano protagonisti della rigenerazione dei territori

Tempo di lettura: 7 minuti

Fondazione Riusiamo l’Italia ha avviato in Basilicata nel corso del 2022 due progetti di particolare significato per sperimentare nei territori rurali del Mezzogiorno metodi e approcci sul riuso creativo, temporaneo e partecipato, più volte praticati con successo prevalentemente nelle aree del Centro Nord.

Secondo l’ultimo Rapporto Svimez prima degli effetti del Covid, quello del 2019, le persone che sono emigrate dal Mezzogiorno sono state oltre 2 milioni nel periodo compreso tra il 2002 e il 2017, di cui 132.187 nel solo 2017, allorquando si è registrato un esodo di 132mila meridionali, con un saldo negativo di circa 70mila unità. Sono più coloro che emigrano dal Sud per andare a lavorare o a studiare al Centro-Nord e all’estero che gli stranieri immigrati regolari che scelgono di vivere nelle regioni meridionali.

Il Rapporto Svimez del 2021, al di là degli scostamenti di trend dovuti agli effetti della pandemia, segnala come si potrà aumentare oltre modo il livello delle spese di un sistema sociale che dovrà garantire prestazioni ad un rilevante e crescente numero di anziani e molto anziani, che si stima rappresentino oltre un terzo della popolazione totale nel 2065. Il Mezzogiorno è la parte del Paese che subirà le maggiori conseguenze di questo processo: tra il 2019 e il 2065 la popolazione italiana dovrebbe ridursi di 6,9 milioni di abitanti, di cui 5,1 milioni al Sud e 1,8 milioni al Centro-Nord. Eppure, la questione demografica legata ad un altrettanto grave questione economica non sembra essere nell’agenda delle forze politiche e delle istituzioni, o per lo meno non nella misura adeguata alla gravità del problema.

Nell’anticipazione del Rapporto Svimez del 2022 si evidenzia come, nonostante qualche segnale di ripresa, il recupero dell’occupazione nel 2021 è però interamente dovuto al Sud ad una crescita dell’occupazione precaria (dipendenti a termine e tempo parziale involontario), sottolineando come dalla crisi del 2008, il progressivo peggioramento della qualità del lavoro, con la diffusione di lavori precari ha portato ad una forte crescita dei lavoratori a basso reddito (working poor), a rischio povertà. Intervenendo in un mercato del lavoro già segnato da una crescita dell’occupazione «senza qualità», la ripresa dell’occupazione del 2021 nel Mezzogiorno si è concentrata sulla crescita del lavoro precario che ha «spiazzato» le forme di impiego più stabile.

Questi elementi di scenario sono stati così tenuti in speciale considerazione in entrambe le iniziative processuali in corso di attuazione.

Il primo progetto denominato “Mappa delle opportunità ritrovate” è attuato per conto del GAL Cittadella del Sapere attivo in un’area di 27 comuni nell’area sud della regione denominata “Lagonegrese, Alto Sinni, Val Sarmento, Mercure, Pollino” consiste in un processo di mappatura del patrimonio dismesso o sottoutilizzato con l’obiettivo di dotare il territorio di uno strumento di conoscenza dei propri potenziali per attivare occasioni di rigenerazione territoriale ed opportunità di nuova imprenditorialità. Ciò è soprattutto finalizzato verso chiunque intenda sviluppare progetti a vocazione sociale, ambientale o culturale e in generale iniziative di valorizzazione del territorio, anche a fini turistici. Il patrimonio mappato consiste per ora in circa 50 spazi e presenta per ora un significato di ricognizione finalizzato allo sviluppo di rilevanza potenziale e trasformativa.

Figura 1 – “Mappa delle opportunità ritrovate” GAL Cittadella del Sapere, Lauria (PZ), mappa.riusiamolitalia.it

Il secondo progetto intitolato “Next Generation – Sant’Arcangelo Hub Giovani” presenta già un forte carattere di processualità. È realizzato in Val d’Agri, a ridosso dell’altra area, presso il comune di Sant’Sant’Arcangelo (PZ) con lo scopo di valorizzare il talento e le competenze di giovani che possano supportare progetti di innovazione in campo sociale, culturale, ambientale e turistico. Attraverso un avviso pubblico sono state sollecitate le giovani generazioni a rispondere con idee e proposte di sviluppo e valorizzazione locale. Il risultato è stato quello di un ingaggio di 9 giovani che si sono candidati a diventare “Hubber” (Figura 2).

Figura 2 – Il gruppo degli Hubbers di “Sant’Arcangelo Hub Giovani”

Essi hanno beneficiato di un programma intensivo propedeutico all’avvio del progetto, mettendo al centro il tema delle competenze utili a sviluppare in modo sostenibile le tante opportunità imprenditoriali relative ad attività sociali, culturali e turistiche. Nelle prime due settimane di agosto 2022 sono stati somministrati i seguenti moduli formativi: 1 – Re-inventare il futuro: il ruolo delle start up creative / culturali; 2 – Strategie, (micro) marketing ed impatti dell’impresa culturale; 3 – I passaggi chiave per “fare” l’impresa culturale e la lean organization; 4 – Il finanziamento ed il budgeting dell’impresa culturale. Ogni modulo didattico ha incluso: i) un risultato di apprendimento specifico e misurabile per ogni modulo; ii) dai 3 ai 5 argomenti trattati ed almeno 1 esercizio; iii) una riflessione collegiale per comprendere quanto si è appreso e assimilato; iv) materiali di studio e approfondimento; v) riscontri di valutazione e autovalutazione in funzione degli obiettivi generali del progetto. Dopo poche settimane di attività si registrano alcuni importanti risultati operativi, quali in particolare: lo” Schema di business plan “Sant’Arcangelo Hub Giovani”; la mappatura di 14 spazi del patrimonio pubblico; la mappatura di circa 500 parametri territoriali (Figura 3).

Figura 3 – Sperimentazione tramite www.lipad.it di circa 500 parametri territoriali

Le due esperienze stanno dimostrando alcuni elementi di generatività dei processi particolarmente promettenti e significativi, in particolare se ne evidenziano cinque come quelli che maggiormente possono andare a costituire gli assi portanti di una rinnovata strategia di sviluppo locale:

  1. La qualità e varietà dei paesaggi naturali e dei relativi ecosistemi, comprese le strutture insediative collocate in armonica simbiosi con i rispettivi contesti territoriali;
  2. L’entità del patrimonio costruito in condizioni di dismissione, abbandono o sottoutilizzo che potrebbe essere riabilitato con processi di graduale riabilitazione verso i più svariati ambiti di economia della transizione a cominciare dalla sfera culturale, sociale e turistica;
  3. Un considerevole paniere di dotazioni pubbliche, spesso di recente realizzazione e frequentemente in discrete o buone condizioni di conservazione con livelli di utilizzo e valorizzazione bassi, inadeguati o nulli. Uno straordinario stock di infrastrutture pubbliche che se non adeguatamente utilizzato, gestito e valorizzato rischia di deperire rapidamente per il venir meno dei necessari interventi di manutenzione e adeguamento funzionale, andando a sommarsi drammaticamente alla già estesa consistenza del patrimonio storico abbandonato e andando a vanificare (ai limiti del danno erariale) il senso dell’investimento pubblico che li aveva motivati e generati;
  4. La significativa disponibilità di persone, talenti e organizzazioni, sia quelle presenti a livello locale e sia altre temporaneamente dislocate altrove, che se opportunamente indirizzate e motivate potrebbero non solo prendersi cura dei patrimoni suddetti, ma anche elaborare innovative forme di utilizzo generando o contribuendo a generare in forma endogena, nuovi settori economici in ambito culturale, ambientale, digitale, energetico, agroalimentare, sociale e turistico;
  5. L’esigenza latente e spesso inconsapevole di nuovi servizi di connessione tra le componenti dell’offerta del sistema (quelle ai punti 1, 2 e 3) con quelli della domanda (quelle del punto 4), che puntino ad individuare, riconoscere, indirizzare e accompagnare inedite forme di matching finalizzate alla generazione di valore e flussi economici in grado di definire nuovi perimetri di economia civile antropologicamente armonizzati con i saperi, l’identità e la struttura profonda dei territori.

Detto approccio definisce una nuova strategia della connessione spendibile per tutti i processi di sviluppo basate sull’ottimizzazione delle risorse esistenti attraverso la motivazione e la mobilitazione delle comunità. Un approccio ad alta vocazione generativa che richiede limitate risorse di adattamento sulle “cose” e più cospicui investimenti sulle persone e sulle comunità, sul loro empowerment, sulla propensione a costruire nuovi modelli di sviluppo durevole e sostenibile. In tal modo, anche attraverso il coinvolgimento di RETE COMMUNIA ETS è in corso un approfondimento per implementare e diffondere tale metodologia nei territori (non sono del Mezzogiorno) a rischio di spopolamento e indebolimento sociale.

Roberto Tognetti
Roberto Tognetti
Si laurea con lode in Architettura al Politecnico di Milano nel 1986 con Franca Helg. Tra i suoi lavori la casa dello scrittore Sebastiano Vassalli nella pianura novarese e innumerevoli progetti di sviluppo locale nei territori di varie regioni italiane. Nel 2008 fonda il network “iperPIANO Ecosistema di soluzioni e innovazioni per il governo del territorio e della città”. È co-autore con Giovanni Campagnoli del libro “Riusiamo l'Italia. Da spazi vuoti a start up culturali e sociali” edito nel 2014 da Gruppo 24 Ore. È direttore della Fondazione Riusiamo l’Italia.

Articoli correlati

Qualificare il dibattito intorno all’abitare. Le dinamiche di affordability

Come conseguenza dei fenomeni di accentramento di opportunità e finanziarizzazione della casa, il tema dell’accesso all’abitazione nei contesti urbani più dinamici è tornato rilevante insieme al problema dell’housing affordability – l’insostenibilità dei costi abitativi.

Un nuovo protagonismo dell’edilizia residenziale pubblica

Dopo decenni di disattenzione al tema, la disponibilità di fondi legati al PNRR rappresenta un'opportunità per ripensare il ruolo dei quartieri pubblici – in passato laboratori per sperimentare nuove modalità abitative e di progettazione urbana – e degli enti gestori nella rigenerazione delle città italiane. L’appello a un nuovo protagonismo (sia dei quartieri che degli attori) non è solo alimentato dalla crescente necessità di questo servizio pubblico in tempi di crisi, ma anche dall'esistenza di progettualità e innovazioni nel settore che finora hanno ricevuto poca attenzione.

Territori (troppo) pieni o vuoti? La prospettiva dei vasi comunicanti per agire sulla questione abitativa

Il principio dei vasi comunicanti ci permette di concettualizzare il fatto che i processi territoriali, letti a una scala vasta e non solo locale, vanno intesi come flussi che esprimono una certa relazione tra luoghi. Ne deriva la necessità di ripensare alla questione abitativa da problema “locale” (di eccessiva pressione nei luoghi attrattivi o viceversa di abbandono del costruito in quelli marginali) a problema di “relazione” – o di flussi – tra territori.

La multidimensionalità della condizione abitativa. Dalla Regione Toscana una buona pratica per supportare le policy

La questione abitativa accompagna tutta la vita di un individuo e per questo non può essere affrontata da un unico punto di vista. Essa si manifesta come un “fatto sociale complesso” e per questa sua natura multidimensionale necessita di essere valutata rispetto a tutti i fattori che la influenzano. Ad oggi in Italia la determinazione del disagio abitativo è misurata dal CIPE attraverso la lista di Comuni ad Alta Tensione Abitativa, aggiornata l’ultima volta nel 2003 e che utilizza come unico indicatore il numero di residenti nel Comune. La Regione Toscana, con l’Indice Sintetico di Condizione Abitativa utile a quantificare e qualificare la presenza di criticità abitative alla scala comunale, risulta essere una buona pratica per supportare adeguatamente i policy makers.

Distanti ma vibranti. La capacità dei luoghi di adattarsi alla perifericità

In anni recenti molti esponenti del mondo accademico e tra i policy makers si sono schierati contro la narrazione dominante che le zone marginali siano destinate ad un inesorabile destino di abbandono e lenta scomparsa. Esistono in realtà alcuni territori, che abbiamo definito ‘vibranti’, capaci di resistere alla tendenza allo spopolamento adattandosi alla loro perifericità. Comprendere quali siano gli elementi esogeni, o quali le risorse endogene su cui hanno fatto perno, diviene un importante fattore di conoscenza per chi ha la responsabilità di proporre strumenti per promuovere la coesione territoriale e ridurre le disparità territoriali.