13 Giugno, 2024

Arte e forme di creatività collettiva nei piccoli centri della Montagna Materana

Tempo di lettura: 5 minuti

In Basilicata, nel cuore della dorsale appenninica lucana sorge Stigliano, per qualche tempo primo capoluogo di Regione, oggi comune capofila dell’area interna SNAI Montagna Materana. Una consistente parte del suo centro storico, spopolata e in parte compromessa da diversi eventi calamitosi, è diventata teatro d’azione per l’associazione AppARTEngo e il Festival Internazionale d’arte pubblica, che dal 2017 ha come obiettivo l’attivazione di processo partecipato di rigenerazione urbana e di riuso del proprio patrimonio costruito, convertendolo in un vero laboratorio creativo a cielo aperto. All’associazionismo giovanile, si è aggiunto il contributo di enti pubblici e privati, scuole, accademie, artisti locali, nazionali ed internazionali, avviando nuove forme culturali di partecipazione, confronto, crescita e scambio nelle comunità urbane. Le vie, gli edifici, le piazze, i monumenti diventano il supporto su cui centinaia di artisti da tutto il mondo, si alternano con lo scopo di ri-interpretare la memoria e ri-significare il patrimonio storico-culturale e naturale del piccolo comune lucano.

La ricerca universitaria su campo, condotta nell’ambito del progetto finanziato dal Piano Stralcio R&I 2015-2017 (borsa di dottorato triennale XXXVI ciclo) nel Dipartimento DICEM dell’Università degli Studi della Basilicata, pone al centro delle questioni la tutela dei centri urbani delle aree interne, mediante la sperimentazione di soluzioni architettoniche innovative nell’area Montagna Materana. Per questo, l’Associazione Appartengo collabora nel rilancio della cultura, delle arti e della creatività contemporanea come strumenti di rigenerazione urbana, economica e sociale. L’arte pubblica fa da volano ad una nuova comunità, che guardi ad una progettazione urbana coordinata, permettendo alla creatività, all’immaginazione ma anche a giovani studenti e ricercatori universitari, di mostrare la fattibilità di idee legate al rilancio di piccoli paesi, avvicinando futuri tecnici alle necessità reali di questi territori.

Figura 2 – Mimì Tursone e Vittoria di Lela Perez. Rione Chiazza, Comune di Stigliano (MT) Settembre 2021 @Fotografia di Associazione Appartengo ETS

Partendo dalle fragilità del centro storico dismesso, le attività di partecipazione condotte hanno generato interventi capillari estesi a più parti del tessuto urbano, permettendo la rigenerazione di aree residuali, la bonifica di aree verdi dismesse, la realizzazione di parchi tematici culturali, il completamento di percorsi storici ed il recupero puntale di interi immobili pubblici e privati. Per mezzo dell’arte, e della rappresentazione storico-artistica di scene e memorie, la comunità inizia a riconoscersi e sentirsi parte di un processo rigenerativo, scaturendo sentimenti nobili, come l’accoglienza e l’ospitalità.

Con questi propositi, insieme all’impegno fattivo dell’amministrazione comunale sono stati individuati alcuni immobili da recuperare e rifunzionalizzare, per la creazione di case per artisti, una realtà stabile a lungo termine, luogo di confronto e virtuoso scambio di idee e creatività. Questi passi dimostrano la volontà di una intera comunità che con coraggio affida il proprio futuro alle giovani generazioni che adoperando i loro nuovi linguaggi comunicativi tentano di risiginificare la propria storia aggiungendo pagine nuove di un piccolo paesino tanto piccolo quanto dinamico e propulsivo.

Non solo, un evento nato da una piccola sperimentazione locale ha generato curiosità e partecipazione anche nei comuni limitrofi, permettendo alla trasversalità dell’arte di dimostrare quanto sia valida la necessità di ragionare in un’ottica di rete e quanto questa sia capace di generare una nuova collettività non solo urbana, ma territoriale. Dall’arte pubblica di strada si è giunti ad una vera cultura urbana condivisa, dalla produzione delle opere all’aumento dell’offerta culturale di nuovi contenitori culturali.

Figura 3 – Incontro con la comunità cittadina. Rione Terra, Comune di Stigliano (MT). Luglio 2021 @Fotografia di Roberto Pedone

La cultura e le risorse locali entrano in una visionarietà rigenerante di progettazione, in una immaginazione collettiva, carica di suggestioni interne ed esterne, così come auspicato dalla sinergica collaborazione con la ricerca universitaria. Una trasmissione di saperi reciproca, che non porta solo ad una presa di coscienza delle difficoltà reali dei territori, ma permette di volgere lo sguardo e coglierne invece le potenzialità e risorse. Le prime intuizioni, le prime opere, la necessità di esprimersi sono stati componenti indispensabili per stratificare un percorso partito come scommessa e che già a distanza di pochi anni raccoglie adesioni e riconoscimenti su tutto il territorio nazionale e non. L’arte pubblica e collettiva  che ogni anno tenta di insinuarsi fra le viuzze antiche di questi piccoli paesini per germogliare sulle superfici di piccole abitazioni hanno fatto si che Stigliano potesse essere riconosciuta come luogo simbolo.

La Montagna Materana, come molti altri contesti interni, sente il bisogno di evidenziare il senso di “appartenenza”, divenendo fucine di idee, laboratori permanenti di creazione e non semplici luoghi dove ospitare eventi o pittoreschi borghi: un progetto culturale maturo, frutto del tempo capace di arricchire culturalmente e umanamente l’intero territorio (Giacomelli, 2022). Una politica urbana improntata sulla cultura non potrà non coinvolgere tutti i circuiti occupazionali legati agli operatori turistici e culturali e tenderà a favorire la domanda turistica e culturale, incentivare il coinvolgimento attivo ed autonomo della comunità e a migliorare l’ecosistema nel quali i settori culturali e creativi operano.

Ulteriori approfondimenti

Articoli correlati

Spazi ibridi e città di prossimità. Il caso di Milano

Negli ultimi anni si sono moltiplicate esperienze in grado di coniugare attivismo, terzo settore e innovazione sociale nelle nostre città. Sono luoghi variamente denominati che hanno nella loro natura ibrida la loro caratteristica principale. A Milano, con un netto impulso durante la fase pandemica, gli spazi ibridi sono cresciuti e si sono affermati. E oggi possono essere valorizzati nelle politiche pubbliche se è vero che la città punta davvero a essere sempre più inclusiva e di prossimità.

Sei lezioni dalle città del 2023

Il testo prende in esame sei lezioni apprese dalle presentazioni di Abitare il Vortice nelle città italiane nel 2023. 1) L’abitare si è posto ovunque al centro della discussione sulle città, e non se ne andrà 2) Il cambio di passo nella lotta alla gentrificazione 3) L’egemonia incontrastata dell’overtourism 4) C’è una domanda sempre più diffusa di città 5) C’è una sete enorme di sapere pubblico e condiviso sulla città 6) C’è una domanda pervasiva di nuovi immaginari urbani.

Mare culturale urbano: progetto ibrido in quattro periferie

mare culturale urbano è un progetto di rigenerazione urbana a base culturale nato nella periferia del Municipio 7 di Milano e attualmente diffuso in altri tre quartieri, per proporre un nuovo e migliore stile di vita cooperativo e solidale che ripensi alla cultura, al benessere collettivo e al senso civico degli abitanti della zona. Riconosciuto dal magazine Artribune nel 2019 come il miglior spazio ibrido di Milano, mare culturale urbano si è impegnato a rigenerare la storica cascina Torrette di Trenno del ‘600, rendendola un punto d’incontro per la comunità della periferia ovest di Milano e una piazza aperta a tutta la città in cui partecipare a eventi e ad attività accessibili a tutti.

La Rete degli Spazi ibridi di Milano. Un’intervista ad Annibale D’Elia

Il Comune di Milano nel 2022 istituisce in via sperimentale un Elenco qualificato di spazi ibridi denominato Rete spazi ibridi della Città di Milano che conta attualmente 20 soggetti selezionati da un’apposita commissione di valutazione mediante un Avviso pubblico aperto. Nell’intervista che segue Annibale D’Elia, Direttore di Progetto di Economia Urbana, Moda e Design del Comune di Milano, - da diversi anni impegnato nell’innovazione delle politiche pubbliche - ci racconta quali motivi hanno spinto l’amministrazione pubblica a sostenere una rete di soggetti gestori di spazi ibridi.

Se un paese cerca una strada, tra economia paziente, spopolamento ed energie da non sprecare. 

Un paese della Puglia riflette su come contrastare fenomeni di spopolamento ormai comuni a tanta parte dell’Italia, si misura con un paese vicino, caso di successo di quella che Paolo Manfredi nel suo libro “L’eccellenza non basta” chiama “economia paziente”. Il contrasto allo smottamento demografico, economico e immobiliare di tanta parte delle aree interne non si risolve con Grandi Piani, ma con un paziente lavoro di coltivazione e accompagnamento di progettualità ed energie sparute e sopite, senza sprecare nulla, perché anche piccoli progetti possono avere impatti significativi.