17 Luglio, 2024

Da periferia dell’Europa a ecosistema dell’innovazione: il caso del cluster biomedicale di Galway

Tempo di lettura: 3 minuti

Galway è una città di medie dimensioni ubicata nella costa atlantica irlandese, a circa tre ore di auto dalla capitale Dublino. Nel 2022 Galway contava una popolazione di circa 80.000 abitanti, mentre l’intera contea arriva oggi a circa 270.000. Stiamo parlando, a tutti gli effetti, di una città equiparabile ad una media città di provincia italiana. Con una notevole differenza: Galway è un luogo remoto, difficile da raggiungere, e con una storia economica che per diversi decenni è stata caratterizzata da povertà e sottosviluppo. Fino a metà anni ’80, infatti, Galway e la sua provincia rappresentano una delle regioni più povere d’Europa. Da qui nel secolo scorso sono partiti centinaia di migliaia di Irlandesi alla ricerca di fortuna nella East Coast Americana, soprattutto a Boston, città ancora oggi simbolo nell’immigrazione Irish in USA.

Il legame tra Galway e gli Stati Uniti non è solamente legato ai flussi migratori e alle storie di povertà del secolo scorso. È un legame a doppio filo, che negli ultimi trent’anni ha portato sulle coste Atlantiche irlandesi ingenti investimenti stranieri da parte di multinazionali Americane. Attirate principalmente dall’abbondante disponibilità di manodopera a basso costo, oltre da una conveniente prossimità logistica, culturale e linguistica. La storia di riscatto di Galway parte da inizio anni ’80. Due sono le date che in particolare che segnano il destino moderno di questa città, il 1982 e il 1994. Sono i due anni in cui le multinazionali USA Medtronic e Boston Scientific aprono in città i primi stabilimenti produttivi nel campo del biomedicale, avviando di fatto la prima agglomerazione di attività manifatturiere in una regione fino ad allora priva di qualsiasi industria di trasformazione.

Nel giro di pochi anni, grazie anche agli effetti cumulativi delle economie di agglomerazione, i primi investimenti diretti esteri fanno da apripista a ulteriori flussi di capitale da parte di gruppi multinazionali operanti nel settore biomedicale. In meno di un decennio si struttura così a Galway un vero e proprio cluster industriale dove si producono beni complessi a basso costo, ma dove inizia anche a prendere forma il processo di upgrading dell’industria locale. Da addensamento locale di produzioni a basso costo, Galway diventa un luogo che attrae investimenti in qualificati centri R&D. In altre parole, un’evoluzione dall’originario distretto produttivo a ecosistema dell’innovazione di classe mondiale. Una manovra da manuale di politica economica e industriale del territorio, che si sviluppa attraverso un sofisticato e virtuoso processo di cooperazione pubblico-privato. 

La storia del successo di Galway racconta infatti dell’intersezione tra politiche industriali private (gli FDI da parte delle multinazionali USA) e politiche pubbliche attivate a livello regionale. In particolare, alcuni studi recenti (Giblin et al. 2021) hanno documentato la capacità dell’università di Galway di supportare l’avanzamento dell’industria produttiva locale attraverso l’avviamento di curricula dedicati alla formazione di tecnici e manager per il settore biomedicale. Man mano che le subsidiary delle multinazionali straniere iniziavano a familiarizzare con funzioni a maggior valore aggiunto, come ricerca industriale e sviluppo del prodotto, l’università locale ha saputo aggiornarsi per offrire alle imprese private la forza lavoro necessaria all’esecuzione di queste nuove funzioni.

Così, in un decennio, le filiali locali hanno completato un importante percorso di upgrading, trascinando con sé il cluster regionale e, soprattutto, abilitando un prezioso processo di spinoff con l’avvio di nuove imprese da parte di ex-dipendenti. Cruciale in questo processo è stato il ruolo giocato dalle istituzioni nazionali e, in particolare, da Enterprise Ireland, agenzia pubblica deputata a finanziare e supportare la costituzione di nuove startup domestiche. Anche grazie ad Entreprise Ireland, Galway è diventata sede di numerose imprese locali ad alto contenuto tecnologico che sono state fondate proprio da ingegneri un tempo impiegati nelle unità produttive delle multinazionali Americane. Da periferia remota europea a ecosistema innovativo. L’evoluzione economica dell’industria biomedicale di Galway offre numerosi spunti di riflessione per i distretti e le province manifatturiere italiane. 

Ulteriori approfondimenti

Buciuni G., Corò G. (2023). Periferie competitive. Lo sviluppo dei territori nell’economia della conoscenza. Bologna. Il Mulino.

Articoli correlati

Ancora sull’autonomia differenziata. La nuova normativa e la legge 42/2009 di attuazione del federalismo fiscale.

Il nuovo numero di DiTe riapre il dibattito sull'autonomia differenziata, dopo l'approvazione del disegno di legge 615. DiTe aveva già affrontato il tema nel numero del 5 marzo, ma ritorna sulla questione per evidenziare l'importanza del progetto riformatore e i suoi effetti potenziali. Il confronto tra la legge Calderoli del 2009 e la nuova normativa mostra tre punti chiave trascurati: autonomia tributaria, superamento della spesa storica e capacità fiscale regionale. La nuova legge, basata sulla compartecipazione ai tributi, è criticata per la mancanza di coerenza e per ignorare la necessità di perequazione e rafforzamento dell'autonomia tributaria.

Il regionalismo conflittuale del secolo scorso di fronte alle nuove sfide

Il regionalismo conflittuale del secolo scorso si trova oggi di fronte a sfide globali e tecnologiche che ne evidenziano l’inadeguatezza. Le previsioni degli anni '90 sulla fine degli stati nazionali e sull'emergere di un'Europa delle Regioni si sono rivelate illusorie, incapaci di rispondere alle nuove dinamiche imposte dalla globalizzazione, dal reshoring delle imprese e dalla crescente interconnessione tecnologica. Oggi, la riforma del titolo V della Costituzione e la spinta autonomistica mostrano i limiti di una politica incapace di adattarsi a tali cambiamenti, aumentando la confusione nei rapporti fra lo Stato e le Regioni e intensificando i conflitti tra forze politiche e territori.

L’autonomia regionale differenziata è una secessione dei ricchi

L’autonomia differenziata configura una autentica “secessione dei ricchi” perché amplifica enormemente i poteri delle Regioni, pregiudicando disegno e attuazione delle politiche pubbliche nazionali e ampliando le disuguaglianze territoriali. Il trasferimento delle risorse alle Regioni è definito da commissioni stato-regione privando il Parlamento delle proprie potestà.

Storia e Cronistoria del DdL Calderoli

Il disegno di legge Calderoli all’esame del Parlamento stabilisce, tra l’altro, che l’attuazione dell’autonomia per tutte le funzioni che prevedono il rispetto dei LEP non possono essere oggetto di intesa se non dopo la loro definizione e ciò, di fatto, “costituzionalizza” gli squilibri distributivi nella ripartizione della spesa tra le regioni, penalizzando in particolare quelle meridionali.

L’equivoco dei residui fiscali tra spesa storica e suggestioni autonomistiche

I residui fiscali, lungi dall’essere “impropri e parassitari” non sono altro che la conseguenza della necessità di garantire l’attuazione del principio di equità: dai dati si evince che tale principio, complice il meccanismo del criterio della spesa storica, è lungi dall’essere rispettato.