2 Marzo, 2024

L’Hub culturale di CasermArcheologica a Sansepolcro

Tempo di lettura: 3 minuti

Quando nel 2013 ho incontrato questo luogo, l’ho voluto mostrare ai miei studenti perché la sua decadenza si svelava come una possibilità di ricostruire qualcosa che ci somigliasse. Racconta così Ilaria Margutti, insegnante e artista, l’inizio dell’esperienza nata nel 2013 a Sansepolcro.
Condotta da rappresentanti dell’Amministrazione Comunale è entrata per la prima volta a Palazzo Muglioni scoprendone le grandi sale dove il fascino e il senso di possibilità emergevano nonostante l’abbandono e l’incuria in cui versava gran parte del palazzo da oltre 25 anni.
Palazzo Muglioni accompagna la storia della Città di Sansepolcro dal 1536, allora dimora nobiliare. L’ultima nobildonna che ha abitato in questo palazzo, Minerva Muglioni, vi teneva salotti culturali. Una parte dell’edificio è stata la prima sede della Buitoni, azienda che costituisce ancora oggi – pur con un marchio diverso – uno degli assi portanti dell’economia locale. Successivamente il palazzo è diventato Caserma dei Carabinieri e, a fine anni ’80, è stato adattato a succursale scolastica; poi un lungo silenzio.
Nel recupero che è stato condotto negli anni e che ha restituito alla città oltre mille metri quadrati di spazio pubblico, le stanze hanno mantenuto quel fascino capace ancora di raccontare le storie stratificate tra le sale di questo antico palazzo. Il processo di recupero – condotto grazie all’organizzazione che l’Associazione si è data, coinvolgendo numerosi stakeholder locali e nazionali – si è accompagnato ad un processo che ha coinvolto inizialmente gli studenti e poi ha abbracciato tutta la cittadinanza, in un dialogo intergenerazionale che ha fatto emergere le domande essenziali per le Aree interne del paese ma oggi urgenti per tutti i territori. Chi abiterà questi luoghi tra cinque anni, che desideri avranno e che lavori faranno le persone che abiteranno qui? Nel porre e nel condividere queste domande, CasermArcheologica oggi, a distanza di quasi dieci anni è uno dei punti di riferimento per il proprio territorio. E’ un centro culturale inclusivo che propone residenze e mostre durante tutto l’anno accompagnate da dialoghi e attività laboratoriali grazie alle quali i linguaggi artistici diventano strumenti espressivi, di scoperta del sè, di orientamento, di socializzazione e capacitazione.
CasermArcheologica promuove con il Comune di Sansepolcro e una rete di realtà locali modelli di turismo responsabile con il progetto del Museo Diffuso di Sansepolcro; lo spazio è anche un coworking per giovani professionisti – trovano infatti spazio delle sale di Caserma uno studio musicale e altri studi professionali. Il gruppo di lavoro ha maturato una solida esperienza in ambito di innovazione sociale accompagnando Amministrazioni pubbliche in progetti complessi – CasermArcheologica ha infatti redatto e oggi coordina uno dei progetti vincitori del Bando Borghi con i Comuni della Valtiberina di Badia Tedalda e Pieve Santo Stefano.

Il lavoro di CasermArcheologica agisce sulle direttrici cultura e lavoro, in un flusso continuo di dialoghi, collaborazioni, interazioni tra esperienze e competenze artistiche, artigianali, realtà economiche del proprio territorio, Istituzioni pubbliche e private, in un continuo lavoro di reti lunghe e corte, dalla prossimità alla dimensione nazionale e internazionale che permettono di sviluppare nel territorio progetti di lungo corso come le esperienze di formazione che più volte all’anno vedono a Sansepolcro partecipanti dall’Italia e dall’Europa per attività di formazione o come il recente progetto tra Arte e Artigianato che indaga le possibili e concrete possibilità date dalla collaborazione tra artisti e artiste con artigiani e artigiane locali.
CasermArcheologica, insieme a tante altre storie di rigenerazione urbana in Italia, mostra che esistono almeno due generazioni di persone che hanno desiderio e capacità per ripartire dal patrimonio artistico trascurato e dal capitale umano, per creare valore intorno ai beni. È un processo di crescita progressiva, progetto per progetto, stanza per stanza, in una continua ricerca di senso, condivisa con la comunità.

Ulteriori approfondimenti

CasermArcheologica https://www.casermarcheologica.it

Articoli correlati

Spazi ibridi e città di prossimità. Il caso di Milano

Negli ultimi anni si sono moltiplicate esperienze in grado di coniugare attivismo, terzo settore e innovazione sociale nelle nostre città. Sono luoghi variamente denominati che hanno nella loro natura ibrida la loro caratteristica principale. A Milano, con un netto impulso durante la fase pandemica, gli spazi ibridi sono cresciuti e si sono affermati. E oggi possono essere valorizzati nelle politiche pubbliche se è vero che la città punta davvero a essere sempre più inclusiva e di prossimità.

Mare culturale urbano: progetto ibrido in quattro periferie

mare culturale urbano è un progetto di rigenerazione urbana a base culturale nato nella periferia del Municipio 7 di Milano e attualmente diffuso in altri tre quartieri, per proporre un nuovo e migliore stile di vita cooperativo e solidale che ripensi alla cultura, al benessere collettivo e al senso civico degli abitanti della zona. Riconosciuto dal magazine Artribune nel 2019 come il miglior spazio ibrido di Milano, mare culturale urbano si è impegnato a rigenerare la storica cascina Torrette di Trenno del ‘600, rendendola un punto d’incontro per la comunità della periferia ovest di Milano e una piazza aperta a tutta la città in cui partecipare a eventi e ad attività accessibili a tutti.

La Rete degli Spazi ibridi di Milano. Un’intervista ad Annibale D’Elia

Il Comune di Milano nel 2022 istituisce in via sperimentale un Elenco qualificato di spazi ibridi denominato Rete spazi ibridi della Città di Milano che conta attualmente 20 soggetti selezionati da un’apposita commissione di valutazione mediante un Avviso pubblico aperto. Nell’intervista che segue Annibale D’Elia, Direttore di Progetto di Economia Urbana, Moda e Design del Comune di Milano, - da diversi anni impegnato nell’innovazione delle politiche pubbliche - ci racconta quali motivi hanno spinto l’amministrazione pubblica a sostenere una rete di soggetti gestori di spazi ibridi.

Se un paese cerca una strada, tra economia paziente, spopolamento ed energie da non sprecare. 

Un paese della Puglia riflette su come contrastare fenomeni di spopolamento ormai comuni a tanta parte dell’Italia, si misura con un paese vicino, caso di successo di quella che Paolo Manfredi nel suo libro “L’eccellenza non basta” chiama “economia paziente”. Il contrasto allo smottamento demografico, economico e immobiliare di tanta parte delle aree interne non si risolve con Grandi Piani, ma con un paziente lavoro di coltivazione e accompagnamento di progettualità ed energie sparute e sopite, senza sprecare nulla, perché anche piccoli progetti possono avere impatti significativi.

Distanti ma vibranti. La capacità dei luoghi di adattarsi alla perifericità

In anni recenti molti esponenti del mondo accademico e tra i policy makers si sono schierati contro la narrazione dominante che le zone marginali siano destinate ad un inesorabile destino di abbandono e lenta scomparsa. Esistono in realtà alcuni territori, che abbiamo definito ‘vibranti’, capaci di resistere alla tendenza allo spopolamento adattandosi alla loro perifericità. Comprendere quali siano gli elementi esogeni, o quali le risorse endogene su cui hanno fatto perno, diviene un importante fattore di conoscenza per chi ha la responsabilità di proporre strumenti per promuovere la coesione territoriale e ridurre le disparità territoriali.