1 Dicembre, 2022

L’Hub culturale di CasermArcheologica a Sansepolcro

Tempo di lettura: 3 minuti

Quando nel 2013 ho incontrato questo luogo, l’ho voluto mostrare ai miei studenti perché la sua decadenza si svelava come una possibilità di ricostruire qualcosa che ci somigliasse. Racconta così Ilaria Margutti, insegnante e artista, l’inizio dell’esperienza nata nel 2013 a Sansepolcro.
Condotta da rappresentanti dell’Amministrazione Comunale è entrata per la prima volta a Palazzo Muglioni scoprendone le grandi sale dove il fascino e il senso di possibilità emergevano nonostante l’abbandono e l’incuria in cui versava gran parte del palazzo da oltre 25 anni.
Palazzo Muglioni accompagna la storia della Città di Sansepolcro dal 1536, allora dimora nobiliare. L’ultima nobildonna che ha abitato in questo palazzo, Minerva Muglioni, vi teneva salotti culturali. Una parte dell’edificio è stata la prima sede della Buitoni, azienda che costituisce ancora oggi – pur con un marchio diverso – uno degli assi portanti dell’economia locale. Successivamente il palazzo è diventato Caserma dei Carabinieri e, a fine anni ’80, è stato adattato a succursale scolastica; poi un lungo silenzio.
Nel recupero che è stato condotto negli anni e che ha restituito alla città oltre mille metri quadrati di spazio pubblico, le stanze hanno mantenuto quel fascino capace ancora di raccontare le storie stratificate tra le sale di questo antico palazzo. Il processo di recupero – condotto grazie all’organizzazione che l’Associazione si è data, coinvolgendo numerosi stakeholder locali e nazionali – si è accompagnato ad un processo che ha coinvolto inizialmente gli studenti e poi ha abbracciato tutta la cittadinanza, in un dialogo intergenerazionale che ha fatto emergere le domande essenziali per le Aree interne del paese ma oggi urgenti per tutti i territori. Chi abiterà questi luoghi tra cinque anni, che desideri avranno e che lavori faranno le persone che abiteranno qui? Nel porre e nel condividere queste domande, CasermArcheologica oggi, a distanza di quasi dieci anni è uno dei punti di riferimento per il proprio territorio. E’ un centro culturale inclusivo che propone residenze e mostre durante tutto l’anno accompagnate da dialoghi e attività laboratoriali grazie alle quali i linguaggi artistici diventano strumenti espressivi, di scoperta del sè, di orientamento, di socializzazione e capacitazione.
CasermArcheologica promuove con il Comune di Sansepolcro e una rete di realtà locali modelli di turismo responsabile con il progetto del Museo Diffuso di Sansepolcro; lo spazio è anche un coworking per giovani professionisti – trovano infatti spazio delle sale di Caserma uno studio musicale e altri studi professionali. Il gruppo di lavoro ha maturato una solida esperienza in ambito di innovazione sociale accompagnando Amministrazioni pubbliche in progetti complessi – CasermArcheologica ha infatti redatto e oggi coordina uno dei progetti vincitori del Bando Borghi con i Comuni della Valtiberina di Badia Tedalda e Pieve Santo Stefano.

Il lavoro di CasermArcheologica agisce sulle direttrici cultura e lavoro, in un flusso continuo di dialoghi, collaborazioni, interazioni tra esperienze e competenze artistiche, artigianali, realtà economiche del proprio territorio, Istituzioni pubbliche e private, in un continuo lavoro di reti lunghe e corte, dalla prossimità alla dimensione nazionale e internazionale che permettono di sviluppare nel territorio progetti di lungo corso come le esperienze di formazione che più volte all’anno vedono a Sansepolcro partecipanti dall’Italia e dall’Europa per attività di formazione o come il recente progetto tra Arte e Artigianato che indaga le possibili e concrete possibilità date dalla collaborazione tra artisti e artiste con artigiani e artigiane locali.
CasermArcheologica, insieme a tante altre storie di rigenerazione urbana in Italia, mostra che esistono almeno due generazioni di persone che hanno desiderio e capacità per ripartire dal patrimonio artistico trascurato e dal capitale umano, per creare valore intorno ai beni. È un processo di crescita progressiva, progetto per progetto, stanza per stanza, in una continua ricerca di senso, condivisa con la comunità.

Ulteriori approfondimenti

CasermArcheologica https://www.casermarcheologica.it

Laura Caruso
Laura Caruso
Project manager e direttrice, insieme a Ilaria Margutti, di CasermArcheologica. Dopo varie esperienze in Italia e all’estero, lavora soprattutto in ambito teatrale, prima a Fondazione Teatro Due a Parma, poi in Toscana, a Sansepolcro come direttrice organizzativa di CapoTrave / Kilowatt (Premio Ubu 2010). Dal 2010 cura il progetto di formazione e coinvolgimento del pubblico “Spettatori Erranti”, dal 2016 fa parte del gruppo di direzione del Festival dello Spettatore ad Arezzo. Ideatrice, insieme a Saverio Verini, di Art Sweet Art, residenze d’artista in abitazioni private, accessibili ai visitatori

Articoli correlati

Qualificare il dibattito intorno all’abitare. Le dinamiche di affordability

Come conseguenza dei fenomeni di accentramento di opportunità e finanziarizzazione della casa, il tema dell’accesso all’abitazione nei contesti urbani più dinamici è tornato rilevante insieme al problema dell’housing affordability – l’insostenibilità dei costi abitativi.

Un nuovo protagonismo dell’edilizia residenziale pubblica

Dopo decenni di disattenzione al tema, la disponibilità di fondi legati al PNRR rappresenta un'opportunità per ripensare il ruolo dei quartieri pubblici – in passato laboratori per sperimentare nuove modalità abitative e di progettazione urbana – e degli enti gestori nella rigenerazione delle città italiane. L’appello a un nuovo protagonismo (sia dei quartieri che degli attori) non è solo alimentato dalla crescente necessità di questo servizio pubblico in tempi di crisi, ma anche dall'esistenza di progettualità e innovazioni nel settore che finora hanno ricevuto poca attenzione.

Territori (troppo) pieni o vuoti? La prospettiva dei vasi comunicanti per agire sulla questione abitativa

Il principio dei vasi comunicanti ci permette di concettualizzare il fatto che i processi territoriali, letti a una scala vasta e non solo locale, vanno intesi come flussi che esprimono una certa relazione tra luoghi. Ne deriva la necessità di ripensare alla questione abitativa da problema “locale” (di eccessiva pressione nei luoghi attrattivi o viceversa di abbandono del costruito in quelli marginali) a problema di “relazione” – o di flussi – tra territori.

La multidimensionalità della condizione abitativa. Dalla Regione Toscana una buona pratica per supportare le policy

La questione abitativa accompagna tutta la vita di un individuo e per questo non può essere affrontata da un unico punto di vista. Essa si manifesta come un “fatto sociale complesso” e per questa sua natura multidimensionale necessita di essere valutata rispetto a tutti i fattori che la influenzano. Ad oggi in Italia la determinazione del disagio abitativo è misurata dal CIPE attraverso la lista di Comuni ad Alta Tensione Abitativa, aggiornata l’ultima volta nel 2003 e che utilizza come unico indicatore il numero di residenti nel Comune. La Regione Toscana, con l’Indice Sintetico di Condizione Abitativa utile a quantificare e qualificare la presenza di criticità abitative alla scala comunale, risulta essere una buona pratica per supportare adeguatamente i policy makers.

Distanti ma vibranti. La capacità dei luoghi di adattarsi alla perifericità

In anni recenti molti esponenti del mondo accademico e tra i policy makers si sono schierati contro la narrazione dominante che le zone marginali siano destinate ad un inesorabile destino di abbandono e lenta scomparsa. Esistono in realtà alcuni territori, che abbiamo definito ‘vibranti’, capaci di resistere alla tendenza allo spopolamento adattandosi alla loro perifericità. Comprendere quali siano gli elementi esogeni, o quali le risorse endogene su cui hanno fatto perno, diviene un importante fattore di conoscenza per chi ha la responsabilità di proporre strumenti per promuovere la coesione territoriale e ridurre le disparità territoriali.