18 Aprile, 2024

Ricominciamo da tre – Nota del direttore

Tempo di lettura: 1 minuto

Con questo numero DiTe inaugura il terzo anno di attività. La rivista resta salda nelle sue premesse e nei suoi obiettivi. DiTe intende promuovere la disseminazione di studi e ricerche e favorire la conversazione pubblica su città e territori, unendo rigore e sintesi. Ciò è possibile mobilitando il lavoro dei soci dell’Associazione e di coloro che si vogliono unire alla nostra comunità. 

I primi quarantaquattro numeri della rivista confermano che l’obiettivo dell’Associazione era perseguibile. Ora si tratta di allargare la rete degli autori e di ampliare e approfondire i contenuti affrontati, concorrendo in modo ancora più incisivo al dibattito sui temi cari all’Associazione.

Con l’ultimo numero del primo biennio abbiamo voluto promuovere una discussione sulla casa e sulla sua affordability in particolare nelle grandi città metropolitane. Con il primo del terzo anno di vita affrontiamo un nuovo tema complesso e controverso come quello delle autonomie regionali differenziate. Lo facciamo sempre aperti alle più diverse voci, purché gli elementi dell’argomentazione siano chiari e argomentati. 

Crediamo che lo sviluppo del Paese passi dalla capacità di delineare tendenze e di valorizzare le esperienze che città e territori sono in grado di elaborare e promuovere. Crediamo che AISRe possa concorrere utilmente all’avanzamento del dibattito collettivo grazie al suo patrimonio di donne e uomini che si dedicano alla ricerca e alla conoscenza innovativa. 

La direzione e il comitato di redazione, che il Direttivo AISRe ha confermato per altri tre anni alla guida della rivista, intendono continuare con determinazione lungo questo percorso.

Articoli correlati

L’autonomia regionale differenziata è una secessione dei ricchi

L’autonomia differenziata configura una autentica “secessione dei ricchi” perché amplifica enormemente i poteri delle Regioni, pregiudicando disegno e attuazione delle politiche pubbliche nazionali e ampliando le disuguaglianze territoriali. Il trasferimento delle risorse alle Regioni è definito da commissioni stato-regione privando il Parlamento delle proprie potestà.

Storia e Cronistoria del DdL Calderoli

Il disegno di legge Calderoli all’esame del Parlamento stabilisce, tra l’altro, che l’attuazione dell’autonomia per tutte le funzioni che prevedono il rispetto dei LEP non possono essere oggetto di intesa se non dopo la loro definizione e ciò, di fatto, “costituzionalizza” gli squilibri distributivi nella ripartizione della spesa tra le regioni, penalizzando in particolare quelle meridionali.

L’equivoco dei residui fiscali tra spesa storica e suggestioni autonomistiche

I residui fiscali, lungi dall’essere “impropri e parassitari” non sono altro che la conseguenza della necessità di garantire l’attuazione del principio di equità: dai dati si evince che tale principio, complice il meccanismo del criterio della spesa storica, è lungi dall’essere rispettato.

L’autonomia differenziata, la proposta del Disegno di Legge

Il modello federalista si basa su due principi cardine: l’equa soddisfazione dei bisogni sul territorio e la responsabilità fiscale degli enti decentrati. Il processo di autonomia proposto fa perno invece sui trasferimenti, con l’impoverimento dell’autonomia fiscale regionale e una scarsa attenzione per la necessaria perequazione

Un paradigma di cattiva legislazione: il regionalismo differenziato nelle tenaglie dell’incostituzionalità e dell’inapplicabilità

Il disegno di legge approvato dal Senato il 23 gennaio scorso in tema di autonomia differenziata nella sua attuale formulazione presenta non pochi limiti relativamente al rapporto tra Governo e Parlamento sotto il profilo della costituzionalità e della sua reale applicazione.