Giovanni Trentanovi, Andrea Zinzani, Roberta Bartoletti, Federico Montanari

* Giovanni Trentanovi Dott. Forestale e dottore di ricerca in “Territorio Ambiente Risorse e Salute”, indirizzo ecologia presso la scuola di dottorato T.A.R.S. Ha lavorato per anni nella pianificazione urbanistica e territoriale; attualmente è ricercatore presso il CNR-IRET (sede di Sesto Fiorentino). La sua ricerca è incentrata sulla conservazione della biodiversità, dalla gestione e la conservazione delle risorse forestali (è attualmente coinvolto nella COST ACTION 18207 ‘BOTTOMS-UP’), allo studio della diffusione di specie vegetali esotiche invasive, alla pianificazione rurale e urbanistica. * Andrea Zinzani Ricercatore a tempo determinato tipo A (junior) al Dipartimento di Storia, Culture, Civiltà, sezione di Geografia, Università di Bologna, è Honorary Research Fellow al Global Development Institute, Università di Manchester. È membro della Faculty di Bologna Business School, dove insegna “Geografie e Geopolitiche del Cambiamento Climatico” e membro del Centro BBS per la Sostenibilità e i Cambiamenti Climatici. Le sue ricerche si concentrano nell'ambito delle Geografie dell'ambiente e del climate change, dell'Ecologia politica e delle politiche ambientali in relazione ai processi di trasformazione territoriale a varie scale. * Roberta Bartoletti PhD in Sociologia e Politiche sociali (Università di Bologna), è professoressa ordinaria di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Urbino. Fa parte del Centro di Ricerca LaRiCA (Laboratorio di Ricerca sulla Comunicazione Avanzata) e dirige la Rivista Scientifica Sociologia della Comunicazione. Negli ultimi anni la sua ricerca si è focalizzata sul rapporto tra le pratiche culturali e di consumo e la natura, in particolare sulla trasformazione dell’orticoltura urbana e sulla trasformazione delle culture e delle pratiche civiche partecipative relativamente ai beni comuni urbani. * Federico Montanari PhD Semiotica, è professore associato di Sociologia dei Processi culturali e comunicativi presso l’Università di Modena­Reggio Emilia. È stato visiting scholar presso Università della California a San Diego. Si occupa di analisi socio­semiotica applicata alle situazioni di guerra e di conflitto; allo studio degli spazi urbani, agli oggetti tecnologici e digital media. Ha partecipato a diversi progetti di ricerca anche europei (COST, “In search of transcultural memory in Europe (ISTME) o Erasmus Plus (SoMoVed).

Rigenerazione urbana di siti ex militari rinaturalizzati: i casi di Piazza d’Armi a Milano e dei Prati di Caprara a Bologna

La ricerca interdisciplinare, che integra categorie e metodi delle scienze naturali e sociali, si focalizza sull’analisi comparata di due ex aree militari italiane (Piazza D’Armi a Milano e Prati di Caprara a Bologna) interessate da significativi processi di rinaturalizzazione spontanea a seguito dell’abbandono delle loro funzioni originarie.

Articoli più letti

I vantaggi economici e sociali del reinsediamento manifatturiero nelle aree urbane

Il reinsediamento manifatturiero nelle aree urbane è da anni oggetto di riflessione e costruzione di politiche pubbliche in diverse metropoli globali. L’insediamento e la crescita di imprese nel campo della manifattura digitale e del nuovo artigianato sono perseguiti allo scopo di contribuire al rilancio del ceto medio correlato a nuovi processi di rigenerazione. Tale tematica chiama in causa il rapporto fra aree urbane e territori produttivi che nel caso di Milano suggerisce nuove forme di divisione del lavoro fra il capoluogo lombardo e il Made in Italy su scala nazionale.

Una call aperta a tutta la comunità AISRe

La rivista è aperta a coloro che ritengono di avere un contributo da offrire al dibattito. La collaborazione avviene promuovendo articoli di carattere puntuale e/o gruppi di articoli coordinati su un tema. I contributi hanno una lunghezza compresa tra quattro e seimila caratteri. Per ogni richiesta di approfondimento: info@dite-aisre.it

PNRR e sviluppo locale: approcci e prospettive

Il PNRR è un’opportunità per l’Italia per le risorse economiche che mette in campo ma anche per la valenza strategica adottata e coerente con gli obiettivi del Green Deal europeo. Diverse le questioni alle quali porre attenzione in fase attuativa per le ricadute e gli impatti che avranno su città e territori, alcune esaminate in questo numero.

Editoriale – Nasce uno strumento per un dibattito colto, veloce e di frontiera sulle dinamiche dei nostri territori

Viviamo in un’epoca di cambiamenti paradigmatici, di natura tecnologica,...

Uno sguardo di genere sulla città

L’urbanistica di genere è una disciplina che si propone di pianificare le città includendo le differenze di bisogni e necessità tra i generi, contribuendo a migliorare la vita quotidiana di quei soggetti che la pianificazione urbana ha storicamente omesso. È una pratica che permette di riscontrare come le città siano la rappresentazione concreta delle disparità tra i generi che caratterizzano la nostra società.