Ilaria Mariotti, Elena Militello

Ilaria Mariotti - Professoressa associata di Economia Urbana e Regionale presso il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU) del Politecnico di Milano. Ha conseguito un Master di ricerca in Regional Studies alla University of Reading (UK), un Ph.D in Economic Geography alla University of Groningen (NL) e un Ph.D in Economia dei Trasporti all’Università degli Studi di Genova. E’ Chair e Grant Holder Representative della Cost Action CA18214 “The Geography of New Working Spaces and the Impact on the Periphery” (2019-2023) e coordinatrice per il Politecnico di Milano del Progetto CORAL “Exploring the impacts of collaborative workspaces in rural and peripheral areas in the EU” Horizon 2020 - Marie Curie -ITN-2020 (Marie Skłodowska-Curie Innovative Training Networks) (2021-2024). È research fellow di c.MET05, Centro Universitario Nazionale di Economia Applicata. *Elena Militello - Ricercatrice presso l’Università di Messina nel Dipartimento di Giurisprudenza. Per l'anno accademico 2022/2023 sarà Visiting Scholar presso il Center for European Studies di Harvard. Fondatrice e presidente dell’associazione di promozione sociale “South Working - Lavorare dal Sud”, nata nel marzo 2020 e volta a promuovere periodi di lavoro agile dalle aree interne e dal Sud del Paese. Ha conseguito un dottorato con lode e menzione di Doctor Europaeus in Diritto e Scienze Umane presso l’Università dell’Insubria di Como

Un intervento sulla propensione al South Working 

L’articolo analizza il fenomeno del south working che si è intensificato nel periodo di pandemia Covid-19 e descrive i risultati del contributo Di Matteo et al. (2021) sulla propensione dei lavoratori palermitani (dipendenti e autonomi) fuori regione a lavorare dal Sud (south working). L’analisi si avvale dell’indagine promossa a partire dal giugno 2020 dall’Associazione di Promozione Sociale “South Working-Lavorare dal Sud” a cui hanno risposto 650 lavoratori originari di Palermo. L’analisi empirica mostra che le motivazioni in favore del south working, da parte di coloro i quali prima della pandemia da Covid-19 avevano già una certa familiarità con il lavoro a distanza, possono essere ricondotte al genere (uomo vs. donna), status coniugale (essere in una relazione vs. single), grado di istruzione (alto vs. medio-basso) e tipo di impiego (lavoratori autonomi vs. dipendenti).

Articoli più letti

I vantaggi economici e sociali del reinsediamento manifatturiero nelle aree urbane

Il reinsediamento manifatturiero nelle aree urbane è da anni oggetto di riflessione e costruzione di politiche pubbliche in diverse metropoli globali. L’insediamento e la crescita di imprese nel campo della manifattura digitale e del nuovo artigianato sono perseguiti allo scopo di contribuire al rilancio del ceto medio correlato a nuovi processi di rigenerazione. Tale tematica chiama in causa il rapporto fra aree urbane e territori produttivi che nel caso di Milano suggerisce nuove forme di divisione del lavoro fra il capoluogo lombardo e il Made in Italy su scala nazionale.

Una call aperta a tutta la comunità AISRe

La rivista è aperta a coloro che ritengono di avere un contributo da offrire al dibattito. La collaborazione avviene promuovendo articoli di carattere puntuale e/o gruppi di articoli coordinati su un tema. I contributi hanno una lunghezza compresa tra quattro e seimila caratteri. Per ogni richiesta di approfondimento: info@dite-aisre.it

PNRR e sviluppo locale: approcci e prospettive

Il PNRR è un’opportunità per l’Italia per le risorse economiche che mette in campo ma anche per la valenza strategica adottata e coerente con gli obiettivi del Green Deal europeo. Diverse le questioni alle quali porre attenzione in fase attuativa per le ricadute e gli impatti che avranno su città e territori, alcune esaminate in questo numero.

Editoriale – Nasce uno strumento per un dibattito colto, veloce e di frontiera sulle dinamiche dei nostri territori

Viviamo in un’epoca di cambiamenti paradigmatici, di natura tecnologica,...

Uno sguardo di genere sulla città

L’urbanistica di genere è una disciplina che si propone di pianificare le città includendo le differenze di bisogni e necessità tra i generi, contribuendo a migliorare la vita quotidiana di quei soggetti che la pianificazione urbana ha storicamente omesso. È una pratica che permette di riscontrare come le città siano la rappresentazione concreta delle disparità tra i generi che caratterizzano la nostra società.